Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Tutto su ipoglicemia (basso livello di zucchero nel sangue)

L’ipoglicemia si riferisce a un livello anormalmente basso di zucchero o glucosio nel sangue. L’ipoglicemia non è una malattia in sé, è un segno di un problema di salute.

Il cervello consuma molta energia e ha bisogno del glucosio per funzionare. Poiché il cervello non può immagazzinare o produrre glucosio, ha bisogno di un rifornimento continuo.

Segni di ipoglicemia includono fame, tremori, battito cardiaco, nausea e sudorazione. L’ipoglicemia è comunemente legata al diabete, ma molte altre condizioni possono anche causare un basso livello di zucchero nel sangue.

Questo articolo discuterà le cause, la diagnosi e il trattamento dell’ipoglicemia e la differenza tra ipoglicemia e iperglicemia. Vedremo anche come prevenirlo.

Fatti veloci sull’ipoglicemia

Ecco alcuni punti chiave sull’ipoglicemia. Maggiori dettagli sono nell’articolo principale.

  • L’ipoglicemia non è una malattia ma un sintomo di un’altra condizione.
  • I primi sintomi includono la fame, la sudorazione e il tremito.
  • Una causa comune è il diabete.
  • L’abuso di alcol e i disturbi renali possono anche abbassare i livelli di zucchero nel sangue.

Cos’è l’ipoglicemia?

La donna ha le vertigini

L’ipoglicemia è una condizione in cui non c’è abbastanza glucosio o zucchero nel sangue.

I livelli di zucchero nel sangue sono inferiori a 4 mmol / L (72 mg / dL).

Adulti e bambini con lieve ipoglicemia possono manifestare i seguenti sintomi iniziali:

  • fame
  • tremore o tremore
  • sudorazione
  • ansia
  • irritabilità
  • una faccia pallida
  • palpitazioni
  • battito cardiaco accelerato
  • labbra formicolanti
  • vertigini
  • debolezza

L’ipoglicemia grave viene talvolta definita shock diabetico.

Può coinvolgere:

  • problemi di concentrazione
  • confusione
  • comportamento irrazionale e disordinato, simile all’intossicazione
  • incapacità di mangiare o bere

complicazioni

Se una persona non agisce quando compaiono i sintomi dell’ipoclicemia, può portare a:

  • convulsioni
  • perdita di conoscenza
  • coma

Una persona che vive regolarmente l’ipoglicemia può non rendersi conto che sta accadendo. Non noteranno i segnali di pericolo, e questo può portare a complicazioni gravi e possibilmente fatali.

L’ipoglicemia è spesso un segno di diabete o diabete mal gestito. Ignorare i segni dell’ipoglicemia può consentire al diabete di diventare più grave.

Ipoglicemia nei bambini

L’ipoglicemia può colpire sia i bambini che gli adulti, soprattutto se hanno il diabete. Può accadere dopo aver assunto troppa insulina, esercitarsi strenuamente per qualche tempo o non mangiare abbastanza.

Nei bambini senza diabete, l’ipoglicemia ricorrente può derivare da:

  • ipoglicemia chetotica, specialmente tra 1 e 5 anni
  • alcuni farmaci
  • una condizione di salute che è presente dalla nascita, come l’iperpituitarismo o iperinsulinismo

L’ipoglicemia chetotica è una condizione potenzialmente pericolosa per la vita che coinvolge l’ipoglicemia e alti livelli di corpi chetonici. La causa è sconosciuta

Alcune persone avvertono bassi livelli di zucchero nel sangue durante la notte.

I segni includono:

  • incubi
  • gridando nella notte
  • sentirsi stanco o irritabile al risveglio
  • sudare più del solito durante la notte

Se un bambino mostra segni di confusione, vertigini, mal di testa, irritabilità, improvvisi cambiamenti di umore, o movimenti goffi o a scatti, dovrebbe consultare un medico il prima possibile.

Le cause

L’ipoglicemia può verificarsi per vari motivi. Accade spesso quando una persona con diabete prende troppa insulina.

Regolazione dello zucchero nel sangue

Il sistema digestivo scompone i carboidrati dal cibo che mangiamo in diversi tipi di molecole di zucchero, una delle quali è il glucosio, la principale fonte di energia del corpo.

Il glucosio entra nel flusso sanguigno dopo aver mangiato. Tuttavia, il glucosio ha bisogno di insulina – un ormone prodotto ed escreto dal pancreas – prima che possa entrare in una cellula. In altre parole, una cellula morirebbe di fame di energia se non ci fosse insulina in giro, indipendentemente dalla quantità di glucosio presente.

Dopo aver mangiato, il pancreas rilascia automaticamente la giusta quantità di insulina per spostare il glucosio nel nostro sangue nelle cellule. Questo riduce il livello di zucchero nel sangue. Qualsiasi glucosio extra entra nel fegato e nei muscoli sotto forma di glicogeno o glucosio immagazzinato.

L’insulina è responsabile per riportare i livelli di zucchero nel sangue in eccesso alla normalità.

Se i livelli di glucosio sono diminuiti perché un individuo non ha mangiato per un po ‘, il pancreas secerne il glucagone – un altro ormone – che attiva la scomposizione del glicogeno immagazzinato in glucosio. Questo viene poi rilasciato nel flusso sanguigno, riportando i livelli di glucosio di nuovo.

Ipoglicemia e diabete

Le persone con diabete di tipo 1 non producono insulina, mentre quelle con diabete di tipo 2 hanno cellule che non rispondono adeguatamente all’insulina. Sono entrambi suscettibili di innalzare i livelli di glucosio nel sangue, il che significa che le cellule non ricevono abbastanza energia.

Le persone con entrambi i tipi di diabete di solito hanno bisogno di assumere farmaci come l’insulina o altri farmaci per abbassare i loro livelli di zucchero nel sangue.

Se una persona diabetica prende troppa insulina, i suoi livelli di zucchero nel sangue possono scendere troppo bassi. Questa è ipoglicemia.

Una persona che prende l’insulina può assumere una quantità normale per quell’ora del giorno, ma può aver mangiato meno del solito o fatto più esercizio, quindi il fabbisogno di insulina per quel momento è inferiore al solito.

In altre parole, l’assunzione di troppa insulina non significa necessariamente che il paziente abbia aumentato il dosaggio. Significa solo che l’insulina assunta era più che il corpo necessario in quel momento.

Questo può accadere anche quando si assumono altri tipi di farmaci per il diabete che causano il rilascio di troppa insulina dal pancreas.

Altre cause

Le persone possono sperimentare l’ipoglicemia per altri motivi.

  • Alcuni farmaci: il chinino, un farmaco usato per la malaria, può scatenare l’ipoglicemia.Alte dosi di salicilati, usati per il trattamento della malattia reumatica, o il propranololo per l’ipertensione (pressione del sangue alta) possono anche causare la caduta dei livelli di zucchero nel sangue. Può anche accadere quando una persona assume farmaci contro il diabete senza avere il diabete.
  • Abuso di alcol: bere grandi quantità di alcol può causare il blocco del rilascio di glucosio nel sangue.
  • Alcune malattie del fegato: l’epatite indotta da farmaci può causare ipoglicemia.
  • Disturbi renali: le persone con disturbi renali possono avere problemi nell’espellere i farmaci, con conseguente bassi livelli di zucchero nel sangue.
  • Non mangiare abbastanza: le persone con disturbi alimentari, come l’anoressia nervosa, possono scoprire che i loro livelli di zucchero nel sangue diminuiscono drasticamente.
  • Insulinoma: un tumore nel pancreas può causare troppa insulina nel pancreas.
  • Aumento dell’attività: l’aumento dei livelli di attività fisica può abbassare i livelli di zucchero nel sangue per qualche tempo.
  • Problemi endocrini: alcuni disturbi delle ghiandole surrenali e ipofisarie possono portare a ipoglicemia. È più probabile che questo influisca sui bambini rispetto agli adulti.
  • Ipoglicemia reattiva o postprandiale: il pancreas produce troppa insulina dopo i pasti.
  • Tumori: i tumori in parti del corpo diverse dal pancreas possono causare ipoglicemia. Questo è molto raro.
  • Malattia grave: durante i periodi di malattia critica, molti organi diversi possono essere colpiti, incluso il pancreas. Questo può portare all’ipoglicemia.

Diagnosi

Medico che misura i livelli di zucchero nel sangue dei pazienti.

Chiunque abbia un attacco ipoglicemico, ma non sa perché, dovrebbe consultare un medico il prima possibile.

Il medico probabilmente prescriverà un esame del sangue per misurare i livelli di zucchero nel sangue.

Chiederanno anche dei sintomi e se miglioreranno dopo che i livelli di zucchero nel sangue torneranno alla normalità.

Il medico dovrà controllare l’anamnesi del paziente, se ha assunto farmaci, e il loro consumo di alcol.

Triade di Whipple

Una serie di tre criteri, noti come criteri di Whipple, può suggerire che i sintomi derivano da un tumore pancreatico.

I tre criteri della Triade di Whipple sono i seguenti:

  • Segni e sintomi indicano ipoglicemia.
  • Quando si manifestano i sintomi, un esame del sangue mostra bassi livelli di glucosio nel plasma.
  • Quando il glucosio aumenta a livelli normali, i sintomi scompaiono.

Alcuni pazienti potrebbero non mostrare segni e sintomi durante la visita iniziale del medico. Se ciò accade, potrebbe aver bisogno di digiunare per un periodo specificato, di solito durante la notte. Ciò consente l’ipoglicemia affinché possa essere fatta una diagnosi.

Alcuni pazienti potrebbero dover essere ricoverati e sottoposti a un lungo periodo di digiuno. Se il paziente presenta sintomi dopo aver mangiato qualcosa, i livelli di zucchero nel sangue dovranno essere testati dopo aver mangiato.

Trattamento

Esistono due possibili approcci terapeutici per l’ipoglicemia:

  • Il trattamento immediato mira a risolvere l’attacco di zucchero nel sangue anormalmente basso.
  • Trattare la causa sottostante può fornire una soluzione a lungo termine.

Un paziente con zucchero nel sangue anormalmente basso ha bisogno di mangiare o bere qualcosa con lo zucchero il prima possibile per porre fine all’ipoglicemia.

Per risultati rapidi, possono consumare una compressa di glucosio, zollette di zucchero, caramelle o un bicchiere di succo di frutta. Questo dovrebbe essere seguito da carboidrati a rilascio più lento, come cereali, pane, riso o frutta. Le compresse di glucosio sono disponibili per l’acquisto online.

Una persona diabetica deve controllare la glicemia e trattare l’ipoglicemia, quindi attendere da 15 a 20 minuti e controllare nuovamente la glicemia.

Se il livello di glucosio nel sangue è ancora basso, il processo deve essere ripetuto. La persona deve mangiare un po ‘di glucosio, attendere circa 15-20 minuti, quindi controllare di nuovo la glicemia.

È importante per le persone con diabete attenersi ai tempi di consumo regolari – questo è vitale per mantenere i livelli di glucosio nel sangue il più stabile possibile.

Se i sintomi sono gravi e l’individuo non può curare se stesso, qualcun altro dovrà applicare miele, melassa, marmellata o Glucogel all’interno delle guance e poi massaggiare delicatamente l’esterno delle guance.

Dovrebbero iniziare a sentirsi meglio entro 10 o 20 minuti.

Perdere coscienza

Se il paziente perde conoscenza, deve essere posto nella posizione di recupero e un operatore sanitario qualificato dovrebbe somministrare un’iniezione di glucagone.

Se ciò non è possibile, il paziente deve essere portato immediatamente al pronto soccorso di un ospedale.

Se il paziente ha perso conoscenza, cibo o bevande non dovrebbero essere messi in bocca, in quanto potrebbero bloccare le vie respiratorie.

Dieta

Una serie di fattori dietetici può aiutare a controllare l’ipoglicemia.

Dieta ad alto contenuto proteico: una dieta a basso contenuto di zuccheri e proteine ​​è stata raccomandata in passato per le persone con ipoglicemia, ma questo potrebbe ridurre la tolleranza al glucosio in peggio e aggiungere grassi indesiderati alla dieta.

Dieta a basso contenuto di zuccheri: si raccomanda un basso apporto di zuccheri semplici e un’assunzione elevata di carboidrati complessi, poiché i carboidrati che impiegano molto tempo ad assorbire possono aiutare a prevenire gli sbalzi di glucosio.

Pasti piccoli e frequenti: mangiare pasti piccoli, ma più di tre al giorno, può aiutare a mantenere i livelli di zucchero nel sangue.

Ipoglicemia e iperglicemia

Ipoglicemia e iperglicemia possono entrambi colpire le persone con diabete.

Una persona con ipoglicemia ha troppo poco glucosio nel sangue, ma una persona con iperglicemia ha troppo.

L’ipoglicemia si verifica quando i livelli di glucosio nel sangue sono inferiori a 4 mmol / L (72 mg / dL).

L’iperglicemia è quando:

  • i livelli di glicemia a digiuno sono superiori a 7,0 mmol / L (126 mg / dl), o
  • due ore dopo aver mangiato, i livelli di glucosio nel sangue sono superiori a 11,0 mmol / L (200 mg / dl)

Prevenzione

I modi per prevenire l’ipoglicemia includono:

  • Controllo dei livelli di glucosio nel sangue: Controllare regolarmente i livelli di zucchero nel sangue e sapere come identificare l’insorgenza dei sintomi.
  • Mangia regolarmente: mantieni una routine alimentare.
  • Alcol: seguire i limiti alcolici giornalieri raccomandati da un medico e mangiare qualcosa dopo aver bevuto un drink.
  • Esercizio: mangiare cibi ricchi di carboidrati prima di allenarsi.
  • Siate pronti: portate un contenitore di succo di frutta zuccherato o una barretta di cioccolato nel caso in cui compaiano i sintomi.
  • Fai sapere alla gente: quelli che sono inclini a bassi livelli di zucchero nel sangue dovrebbero far sapere amici, colleghi e familiari.
  • ID: le persone con diabete devono portare con sé una carta d’identità o un braccialetto medico. Ciò consentirà agli operatori sanitari, ai servizi di emergenza e ad altri di sapere cosa fare prima.

Porta via

Una persona con diabete dovrebbe seguire attentamente il suo piano di gestione del diabete.

Quelli senza diabete che sono inclini a ipoglicemia dovrebbero mangiare piccole quantità di cibo frequentemente durante il giorno.

Abbiamo scelto gli articoli collegati in base alla qualità dei prodotti ed elencato i pro e i contro di ciascuno per aiutarti a determinare quale funzionerà meglio per te. Collaboriamo con alcune delle aziende che vendono questi prodotti, il che significa che Healthline UK e i nostri partner potrebbero ricevere una parte dei ricavi se si effettua un acquisto utilizzando un link (s) di cui sopra.

Like this post? Please share to your friends: