Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Uccidere dolcemente il cancro: un nuovo approccio blocca la crescita del tumore

Uno dei motivi per cui il cancro è così difficile da battere è il modo in cui il nostro sistema immunitario è in grado di lavorare contro di noi. Il trattamento uccide alcune cellule tumorali, ma ciò che rimane può “ingannare” il nostro sistema immunitario nell’aiutare i tumori a formarsi. Nuove ricerche potrebbero aver trovato un modo per rompere questo circolo vizioso.

cellula tumorale

In quello che è stato definito il “paradosso della crescita del tumore”, uccidere le cellule tumorali a volte può causare la diffusione di più cellule tumorali.

Ciò si verifica perché i detriti cellulari lasciati dietro scatenano una risposta infiammatoria dal nostro sistema immunitario, che a sua volta può stimolare la produzione di più cellule cancerose.

Ma i ricercatori potrebbero ora aver trovato una via d’uscita da questo enigma. Un nuovo studio ha scoperto che i resolvins – composti naturalmente secreti dal nostro corpo per fermare la risposta infiammatoria – possono impedire ai tumori di crescere quando tale crescita è indotta dai rifiuti cellulari.

La ricerca è stata condotta da Sui Huang, dell’Istituto di Systems Biology di Seattle, WA, e da Charles N. Serhan, del Brigham and Women’s Hospital della Harvard Medical School, Mark Kieran, del Dana-Farber Cancer Institute, e Dipak Panigrahy, del Beth Israel Deaconess Medical Center, che sono tutti a Boston, MA.

Megan Sulciner è il primo autore del documento e i risultati sono stati pubblicati in

‘Spada a doppio taglio’ della terapia convenzionale

Sulciner e colleghi hanno utilizzato il trattamento citotossico e altri farmaci mirati per uccidere le cellule tumorali coltivate in laboratorio. I detriti cellulari risultanti sono stati iniettati nei topi. I roditori contenevano già alcune cellule tumorali, ma queste non erano sufficienti a promuovere la crescita del tumore da sole.

I ricercatori hanno anche trattato topi con farmaci chemioterapici tradizionali.

Entrambi gli approcci hanno stimolato la diffusione delle cellule tumorali e aumentato la loro capacità di far crescere tumori. La crescita tumorale indotta da detriti potrebbe essere vista sia in vivo che nelle cellule in coltura.

Lo studio ha rivelato che un lipide chiamato fosfatidilserina – che si trova sulla superficie delle cellule morte e stressate – fa sì che le cellule immunitarie rilasciano citochine pro-infiammatorie.

Gli autori dello studio principale hanno parlato delle loro scoperte e dei meccanismi sottostanti.

“I nostri studi”, hanno spiegato, “insieme ad altri, mostrano che la terapia tradizionale del cancro può essere una” lama a doppio taglio “, in cui lo stesso trattamento usato per curare il cancro aiuta anche a sopravvivere e crescere”.

Sebbene mirino a uccidere le cellule tumorali, queste terapie lasciano dietro di sé “detriti cellulari tumorali” che, spiegano i ricercatori, “generano una” tempesta di citochine “di citochine pro-tumorigeniche pro-infiammatorie”.

Le poche cellule tumorali sopravvissute al trattamento “, combinate con un ambiente infiammatorio indotto da detriti cellulari tumorali, possono risultare nella” tempesta perfetta “per la progressione del cancro, pertanto la chemioterapia convenzionale […] può contribuire alla recidiva del tumore”, ha spiegato gli autori.

“I risultati sottolineano la vecchia idea che uccidere le cellule tumorali con farmaci sempre più efficaci potrebbe ritorcersi contro”, ha aggiunto Huang.

“Il tessuto tumorale è un sistema reattivo che trasforma la terapia di uccisione delle cellule in spade a doppio taglio: più si uccide più si possono stimolare le cellule tumorali sopravvissute”, ha aggiunto.

Huang ha spiegato: “La crescita stimolata delle cellule morte fa naturalmente parte del ciclo di rigenerazione dei tessuti: i detriti sono interpretati dal tessuto come segnale di lesioni e stimola la guarigione e la rigenerazione delle ferite”.

“Che un trattamento citotossico abbia successo o meno,” ha aggiunto, “dipende dal colpire una piccola finestra di opportunità: quando l’effetto netta è più forte dello stimolatore delle cellule morte che il trattamento crea”.

Gli autori principali dello studio hanno detto:

“Superare il dilemma della progressione tumorale indotta da detriti è di primaria importanza se vogliamo prevenire la recidiva dei tumori resistenti al trattamento – la principale ragione per [il] fallimento della terapia antitumorale”.

Resolvins ‘uccide il cancro delicatamente’

Per affrontare la sfida di questa spada a doppio taglio, i ricercatori hanno trattato i roditori con piccole quantità di resolvins. I resolvins sono “un prodotto naturale del tessuto che funge da segnale di arresto per terminare il processo infiammatorio”, hanno detto gli autori.

Questi composti chimici sono stati, infatti, scoperti in uno studio condotto dall’autore dello studio co-conduttore Serhan alcuni anni fa.

Il trattamento con resolvin ha fermato la crescita tumorale indotta da detriti e bloccato la diffusione delle cellule tumorali. Inoltre, i resolvins hanno potenziato l’attività di vari farmaci anti-cancro, rendendoli più efficaci nella loro lotta contro i tumori.

Huang ha anche parlato delle implicazioni cliniche dello studio:

“In breve, apprendiamo che quando si parla di terapia del cancro:” Non uccidere – o uccidere delicatamente e rimuovere immediatamente i cadaveri “.

“Il suo significato è che potrebbe essere utile uccidere o arrestare il ciclo di rigenerazione senza fine ininterrotto: questo naturalmente porta all’utilizzo di risolventi per l’eliminazione dell’infiammazione”, ha aggiunto.

Gli autori rilevano che i resolvin sono già stati testati clinicamente per le loro proprietà terapeutiche in altre malattie.

Huang afferma: “Mirare ai percorsi resolvin fornisce un approccio completamente nuovo, non tossico e non immunosoppressivo alla terapia del cancro”.

Huang ha anche condiviso con i lettori alcune delle loro indicazioni per la ricerca futura, dicendo: “Abbiamo bisogno di trovare prove da studi clinici che gli stessi principi che abbiamo trovato nei topi (anche se in alcuni casi usano cellule umane) si applichino al cancro umano”.

Like this post? Please share to your friends: