Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Ultrasuoni al seno: usi e cosa aspettarsi

L’ecografia del seno utilizza onde sonore ad alta frequenza per creare un’immagine in bianco e nero dei tessuti e delle strutture del seno.

Il test viene spesso utilizzato per valutare la dimensione e la forma dei noduli al seno e determinare se si tratta di escrescenze potenzialmente tumorali o di cisti piene di liquido.

usi

ultrasuono

L’ecografia è spesso utilizzata come strumento diagnostico iniziale o precoce per valutare i noduli al seno.

A differenza della tomografia computerizzata (TC) e dei raggi X, un ultrasuono non usa radiazioni ionizzanti. Per questo motivo, è spesso raccomandato per individui che non sono buoni candidati per le tecniche di imaging basate sulle radiazioni.

Le persone che dovrebbero evitare le radiazioni includono:

  • donne in gravidanza o che allattano
  • donne sotto i 25 anni
  • donne con protesi mammarie

Un medico può anche usare gli ultrasuoni per guidare un ago da biopsia in modo che i tessuti possano essere raccolti dal nodulo e testati. Questa procedura è chiamata biopsia ecoguidata.

In molti casi, un medico programmerà un’ecografia del seno dopo che un grumo è stato scoperto durante un normale esame fisico oa casa.

Altri motivi per cui è possibile eseguire un’ecografia del seno includono:

  • per valutare l’insolita secrezione dei capezzoli
  • valutare casi di mastite o infiammazione dei tessuti mammari
  • valutare le protesi mammarie
  • per valutare i sintomi, come dolore al seno, arrossamento e gonfiore
  • per valutare i cambiamenti della pelle, come scolorimento
  • per aiutare a monitorare i noduli di seno benigni esistenti
  • per aiutare a leggere i risultati di altri test di imaging, come la risonanza magnetica (MRI) o la mammografia

Preparazione per il test

Non è una buona idea inserire lozioni o polveri prima del test, in quanto possono ridurre la precisione delle immagini ad ultrasuoni.

Qualsiasi forma di metallo può anche interferire con il test, quindi gioielli e orologi sono meglio lasciati a casa.

Il test viene solitamente eseguito da un ecografista. Un radiologo può anche essere presente o eseguire il test.

L’ecografista o il radiologo possono essere maschi. Coloro che desiderano fare eseguire una prova da una persona femminile dovrebbero fare questa richiesta in anticipo.

Di solito è anche possibile portare un accompagnatore, come un’infermiera, un parente o un amico, che può rimanere nella stanza durante il test.

La maggior parte degli ultrasuoni del seno viene eseguita nel reparto di radiologia di un ospedale o in una clinica privata o specialistica.

Indossando una parte superiore e una inferiore separate è più facile spogliarsi e offrire più privacy. Per alcune persone, la scelta di una camicia abbottonata o con cerniera può anche rendere più confortevole il processo di svestizione.

Cosa aspettarsi

La maggior parte degli ultrasuoni del seno dura da 15 a 30 minuti. I test ad ultrasuoni sono solitamente indolori a meno che il nodulo non sia tenero.

ecografia del seno

Il processo inizia con l’ecografista che esamina fisicamente il seno. Di solito faranno domande sul nodulo, come quando è stato notato, se sono presenti altri sintomi e come è progredito.

Dopo l’esame, l’ecografo applicherà un gel fresco e chiaro al seno. Limitando le bolle d’aria, questo gel aumenta la capacità delle onde sonore di muoversi attraverso i tessuti.

In alcuni casi, l’ecografo posizionerà un cuscino triangolare sotto la spalla, facendo rotolare il corpo da un lato. Il braccio può anche essere sollevato sopra la testa. Queste posizioni possono rendere più facile per le onde sonore viaggiare ed essere ricevute.

L’ecografo può attenuare le luci nella stanza per rendere più facile vedere lo schermo del computer e le immagini.

Una volta che il gel è stato uniformemente diffuso, l’ecografo passerà un dispositivo simile a una bacchetta chiamato trasduttore sul seno. Il trasduttore invia onde sonore attraverso il seno e registra la loro attività.

Quando un’onda sonora colpisce un tessuto o una struttura, viene rimbalzata indietro. Le informazioni su quanto tempo impiega l’onda a riprendersi, l’ampiezza o il volume e l’altezza o la frequenza, vengono inviate dal trasduttore a un computer che la traduce in un’immagine chiamata ecografia.

L’ecografista esaminerà tutti i tessuti e le strutture del seno e scatta ancora immagini riprese in diversi siti e angoli.

Di solito scattano più foto del nodulo e dell’area circostante. Possono essere registrati anche brevi video in movimento.

Dopo il seno, la regione delle ascelle sarà esaminata anche per linfonodi e linfonodi rigonfi o rigidi.

Se un ecografista ha dubbi sulla precisione dell’immagine, potrebbe chiedere la prospettiva di un radiologo. A volte il radiologo può aver bisogno di ripetere le parti degli ultrasuoni per valutare l’area di interesse.

Dopo che il test è stato completato, alla persona verrà dato un fazzoletto per pulire il gel e verrà data la privacy per vestirsi. Un appuntamento di follow-up per discutere i risultati sarà di solito impostato prima che la persona se ne vada.

risultati

medico che parla al paziente

Aspettare i risultati di un test di salute può essere stressante. È facile immaginare lo scenario peggiore, ma è importante notare che circa l’80% dei noduli al seno non è cancerogeno, né è benigno.

Le cisti di solito non necessitano di ulteriori interventi medici a meno che non stiano causando dolore o siano vicino a condotti mammari o vasi sanguigni.

A seconda del singolo medico, dello studio o dell’ospedale, i risultati potrebbero essere pronti lo stesso giorno o pochi giorni dopo.

Nella maggior parte dei casi, i risultati verranno scritti e inviati a un medico di famiglia che esaminerà i risultati durante una visita in ufficio.

Altri fattori che influenzano la velocità con cui i risultati vengono elaborati includono:

  • Quanto alla salute sembrano i sintomi
  • se il radiologo ha bisogno di più informazioni per interpretare i risultati
  • se i risultati devono essere confrontati con gli ultrasuoni precedenti o altri risultati dei test di imaging, come una TC o radiografia
  • se i sintomi sono considerati il ​​risultato di una condizione medica sottostante o preesistente
  • come vengono forniti i risultati, ad esempio, via e-mail, fax, telefono o posta ordinaria

Tessuto fluido e solido appaiono in modo diverso sul sonogramma. Se il nodulo viene confermato come una cisti piena di liquido, i risultati possono essere discussi per telefono.

Se il nodulo non viene diagnosticato come una cisti piena di liquido, quindi un solo ultrasuono non è sufficiente per confermare o escludere altre complicazioni di salute. Una RM e una biopsia vengono spesso utilizzate per valutare ulteriori risultati ecografici anormali.

Quando si interpretano risultati inconcludenti o anormali, è utile tenere a mente che il cancro non è l’unica condizione di salute nota per causare noduli al seno.

Le cause comuni di noduli al seno non cancerose includono:

  • cisti
  • seno fibrocistico
  • papilloma intraduttale
  • adenofibroma o fibroadenoma
  • grumi grassi fatti di cellule di grasso mammarie ammaccate, morte o ferite
  • ghiandole mammarie iperattive
  • condizioni ormonali, cambiamenti o terapie
  • mastite o infezione al seno
  • alcuni farmaci
Like this post? Please share to your friends: