Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Un’altra email di lavoro fuori orario? Perché dovresti ignorarlo

È il fine settimana. Trascorri del tempo di qualità con la tua famiglia e i tuoi amici. Improvvisamente, il suono inconfondibile di una email di lavoro risuona dal tuo telefono. Lo leggi ora? O aspetti fino a lunedì? Se opti per il primo, tieni presente che potresti mettere a rischio il tuo benessere.

un uomo distratto dal suo telefono

Ricercatori dell’Università di Zurigo in Svizzera hanno scoperto che i dipendenti che permettono al loro lavoro di penetrare nelle loro vite personali si sentono più emotivamente esausti e hanno un minore senso di benessere, rispetto a quelli che mantengono una netta separazione tra il lavoro e le loro vite personali.

Purtroppo, questo è probabilmente un problema comune; sembra che pochi di noi riescano a raggiungere l’equilibrio tra lavoro e vita privata.

Un sondaggio della Society of Human Resource Management suggerisce che circa l’89% dei dipendenti negli Stati Uniti considera il work-life balance come un problema.

Con orari di lavoro più lunghi e crescenti richieste di lavoro, questa non è certo una sorpresa. Tuttavia, come evidenzia il nuovo studio, dobbiamo stare attenti; lasciare che il nostro lavoro goccioli nelle nostre vite personali potrebbe avere implicazioni significative per il nostro benessere.

Questa scoperta – come riportato dai ricercatori nel – può sembrare ovvia, ma ciò che è interessante del nuovo studio è che fa luce sul fatto che non riuscire a tracciare il confine tra il lavoro e il nostro tempo libero può avere effetti così negativi. In poche parole, è la quantità di tempo che ci permettiamo di recuperare dalle richieste di lavoro.

Studiando circa 2000 dipendenti

La coautrice dello studio Ariane Wepfer – dell’Epidemiologia, Istituto di Biostatistica e Prevenzione dell’Università di Zurigo – ei suoi colleghi hanno raggiunto i loro risultati analizzando i dati di 1.916 dipendenti dei paesi di lingua tedesca. Di questi impiegati, circa il 50 percento lavorava almeno 40 ore alla settimana.

Ogni dipendente ha preso parte a un sondaggio online, che ha valutato quanto bene separavano il proprio lavoro dalle proprie vite personali. Ad esempio, è stato chiesto loro se pensavano al lavoro nel loro tempo libero e quanto spesso lavoravano nei fine settimana.

Agli intervistati è stato anche chiesto se si concedevano il tempo di rilassarsi senza lavoro per godersi qualche hobby o socializzare. Il sondaggio ha anche raccolto informazioni sul senso di esaurimento fisico ed emotivo dei dipendenti e sulla sensazione di avere un buon equilibrio tra lavoro e vita privata.

Meno tempo di recupero porta all’esaurimento

I risultati del sondaggio hanno dimostrato che i dipendenti che non hanno tracciato il confine tra il lavoro e le loro vite personali hanno meno probabilità di prendere parte a hobby e altre attività che potrebbero aiutarli a riprendersi dalle richieste di lavoro.

Di conseguenza, questi dipendenti hanno riferito una maggiore stanchezza, rispetto a coloro che hanno posto dei rigidi confini tra il loro lavoro e la vita personale.

“I dipendenti che hanno integrato il lavoro nella loro vita non lavorativa”, afferma Wepfer, “hanno riferito di essere più esausti perché hanno recuperato meno. Questa mancanza di attività di recupero spiega inoltre perché le persone che integrano il loro lavoro nel resto della loro vita hanno un senso inferiore di benessere.”

Secondo i ricercatori, questi risultati dovrebbero incoraggiare ulteriormente i datori di lavoro a mettere in atto politiche per garantire che i dipendenti mantengano un buon equilibrio tra vita lavorativa e vita privata.

“La politica e la cultura organizzativa dovrebbero essere adattate per aiutare i dipendenti a gestire i loro confini di lavoro-non lavoro in un modo che non pregiudichi il loro benessere”, afferma Wepfer. “Dopo tutto, il benessere compromesso va di pari passo con una produttività ridotta e una creatività ridotta”.

Quindi, la prossima volta che le richieste di lavoro cercano di insinuarsi nella tua vita personale, dì a te stesso che può aspettare. Farai del tuo benessere il mondo del bene.

Like this post? Please share to your friends: