Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Un anno dopo l’infarto, il dolore al petto rimane per molti

Circa il 20% dei pazienti con attacco di cuore sperimentano angina (dolore al petto) un anno dopo l’evento cardiaco maggiore, secondo i ricercatori che hanno pubblicato un nuovo studio nel numero del 23 giugno di Archives of Internal Medicine.

Sia in regime di ricovero che in regime ambulatoriale, un obiettivo primario di cura dopo infarto miocardico (MI), comunemente noto come infarto, è il dolore toracico theepisodico noto come angina. Fino a questo punto è stata fatta poca o nessuna ricerca, concentrandosi sulla prevalenza e sul trattamento del dolore più intenso che si verifica un anno dopo l’infarto miocardico. Autore Thomas M.Maddox, M.D., S.M. (Denver Veterans Affairs Medical Center e University of Colorado Denver) e colleghi osservano che, “Identificando questi fattori, può verificarsi una comprensione più completa di quei pazienti che sono maggiormente a rischio di angina dopo infarto miocardico”. Al fine di trattare il dolore toracico rimanente e migliorare la capacità del paziente di esercitare altri risultati correlati alla salute, è fondamentale per i medici identificare questa popolazione che soffre il maggior rischio di angina.

Lo studio comprendeva 1.957 pazienti selezionati dal gennaio 2003 al giugno 2004. I ricercatori hanno chiesto al paziente di compilare questionari che includevano domande sul dolore toracico che si verificavano un anno dopo la ospedalizzazione, informazioni sociodemografiche e dettagli sui fattori clinici e di stile di vita.

Angina un anno dopo il ricovero in ospedale è stata segnalata da quasi il 20% dei pazienti (389 su 1.957). Il dolore toracico giornaliero è stato riportato dall’1,2% (24 su 1.957), dal dolore toracico settimanale del 3% (59 su 1.957) e dal dolore al petto meno di una settimana del 15,6% (306 su 1.957).

Di maggiore interesse, i ricercatori hanno notato che i pazienti che erano giovani, maschi non bianchi con una precedente storia di procedura di innesto coronarico e quelli che hanno sperimentato dolore toracico all’ospedale dopo infarto miocardico avevano più probabilità di sperimentare anginaone un anno dopo l’infarto. Inoltre, il dolore toracico dopo un anno è stato associato a pazienti che hanno continuato a fumare, sottoposti a intervento chirurgico per consentire il flusso di sangue nel cuore (rivascolarizzazione) dopo l’ospedalizzazione e che presentavano sintomi significativi di nuova depressione, persistente o fugace.

“Sono stati associati molteplici fattori all’angina di un anno, tra cui le caratteristiche demografiche, cliniche, ospedaliere e ambulatoriale. Il riconoscimento di queste relazioni sarà importante nei pazienti a rischio di monitoraggio dopo infarto miocardico acuto”, concludono i colleghi di Maddoxand. “Inoltre, indagini future su fattori modificabili, come la depressione e la cessazione dell’abitudine al fumo, saranno importanti nella ricerca di alleviare l’angina e migliorare i successivi esiti cardiaci in pazienti dopo infarto miocardico.”

Angina a 1 anno dopo infarto miocardico: prevalenza e risultati associati
Thomas M. Maddox, MD, SM; Kimberly J. Reid, MS; John A.Spertus, MD, MPH; Murray Mittleman, MD, PhD; Harlan M. Krumholz, MD, SM; Susmita Parashar, MD, MPH; P. Michael Ho, MD, PhD; John S. Rumsfeld, MD, PhD
Archives of Internal Medicine (2008). 168 [12]: pp. 1310-1316.
Clicca qui per visualizzare l’abstract

Scritto da: Peter M Crosta

Like this post? Please share to your friends: