Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Un estratto di curcuma potrebbe aiutare a trattare il cancro del pancreas?

Un ostacolo comune nel trattamento del cancro del pancreas è la resistenza ai farmaci. Tuttavia, una nuova ricerca ha dimostrato che la curcumina – un composto che può essere trovato nella curcuma – può aiutare a superare la resistenza alla chemioterapia.

radice di curcuma e polvere

La curcumina è il composto attivo trovato in piante come la curcuma e sempre più studi hanno indicato il potenziale terapeutico del composto per varie condizioni, che vanno dal cancro al diabete.

Studi preclinici hanno suggerito che il composto ha varie proprietà antiossidanti, neuroprotettive, antinfiammatorie e anticancerogene.

Tuttavia, il composto viene rapidamente metabolizzato ed eliminato dal corpo umano quando assunto per via orale. Per questo motivo, sono necessari più studi e studi clinici per testare i benefici terapeutici che può avere – da solo o in combinazione con altri tipi di trattamento convenzionale.

Una nuova ricerca aiuta a colmare questa lacuna di ricerca, in quanto mette alla prova i benefici della curcumina in combinazione con la chemioterapia tradizionale nel trattamento del cancro del pancreas.

Nello specifico, il nuovo studio indaga il potenziale della curcumina per superare la chemioresistenza, che rappresenta una sfida comune nel trattamento dell’adenocarcinoma duttale pancreatico (PDAC).

Lo studio è stato condotto da ricercatori guidati da Ajay Goel, Ph.D., direttore della ricerca gastrointestinale e genomica traslazionale e oncologia presso il Baylor Scott & White Research Institute di Dallas, TX.

I risultati sono stati pubblicati sulla rivista

Inibendo percorsi di resistenza al farmaco

Si ritiene che le cellule staminali del cancro siano il principale responsabile dello sviluppo della resistenza alla chemioterapia nel trattamento del PDAC; gli studi hanno suggerito che hanno la capacità di sfuggire alla chemioterapia e che potrebbero essere la causa principale delle metastasi.

Tuttavia, come spiegano gli autori del nuovo studio, altre ricerche hanno dimostrato che la curcumina può bloccare questa chemoresistenza acquisita, sebbene i meccanismi molecolari precisi per questo potenziale beneficio siano sconosciuti.

Prove recenti hanno indicato una subunità di un cosiddetto gruppo proteico polivinile come elemento cruciale nel mantenimento delle cellule staminali. Le proteine ​​Polycomb svolgono un ruolo chiave nella differenziazione delle cellule staminali e una subunità del complesso repressivo 2 del polifibio ha dimostrato di regolare la resistenza ai farmaci.

Questa subunità è chiamata Enhancer of Zeste Homolog 2 (EZH2), e la sua espressione anormale ha dimostrato di bloccare l’azione dei soppressori tumorali.

Quando il dottor Goel e colleghi hanno trattato le cellule pancreatiche con la curcumina, ha inibito la via EZH2, rendendo le cellule più ricettive alla chemioterapia.

Inoltre, i ricercatori hanno scoperto che la curcumina blocca la formazione di sferoidi nelle colture cellulari, il che suggerisce che inibirebbe anche la crescita e la recidiva dei tumori.

“Trattando alcune cellule con piccole dosi di curcumina, siamo stati in grado di invertire i percorsi che portano alla chemioresistenza”, afferma Dr Goel.

“Questo è un importante passo avanti che potrebbe portare a una prognosi migliore e una vita più lunga per i pazienti con carcinoma pancreatico chemioresistente”.

Ajay Goel, Ph.D.

Precedenti studi hanno dimostrato che la curcumina ha benefici preventivi, ma per quanto riguarda gli autori, questo è il primo studio che mostra l’effetto benefico dell’estratto vegetale in combinazione con la chemioterapia e i suoi vantaggi nel superare la resistenza ai farmaci.

Il dottor Goel e il suo team sperano che questo composto naturale abbia un potenziale di guarigione unico. “I prodotti botanici a base alimentare hanno il potenziale per ripristinare un’espressione genica più sana nei pazienti, ma senza la tossicità di alcuni farmaci”, conclude.

Like this post? Please share to your friends: