Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Un integratore vitaminico potrebbe prevenire la perdita dell’udito?

La perdita dell’udito causata dal rumore è associata a sinapsi danneggiate che collegano i nervi e le cellule ciliate nella coclea – una parte dell’orecchio interno. Ma un nuovo studio sui topi suggerisce che l’ipoacusia indotta dal rumore può essere prevenuta con un semplice composto chimico che protegge i nervi che stimolano la coclea.

Uomo con perdita dell'udito

I ricercatori, del Weill Cornell Medical College di New York, NY, riportano le loro scoperte sulla rivista.

Spiegano che la coclea trasmette messaggi sonori attraverso i nervi al ganglio a spirale, che, a sua volta, passa quei messaggi al cervello. Quando un individuo è esposto a forti rumori, le sinapsi che collegano i nervi cocleari e le cellule ciliate si danneggiano, causando la perdita dell’udito.

Il Dr. Kevin Brown, autore principale e professore associato presso la Scuola di Medicina della Carolina del Nord Carolina (ha condotto la ricerca a Weill Cornell), afferma che uno dei “principali limiti nella gestione dei disturbi dell’orecchio interno, inclusa la perdita dell’udito, c’è un numero molto limitato di opzioni di trattamento “.

Per esplorare potenziali trattamenti, lui e il suo team hanno usato il riboside di nicotinamide chimica (NR) – un precursore della vitamina B3 – sui topi prima o dopo averli esposti a forti rumori.

Da questo, i ricercatori hanno osservato che l’NR ha prevenuto con successo il danneggiamento delle connessioni sinaptiche nei topi, prevenendo sia la perdita dell’udito a breve che a lungo termine.

Inoltre, il team ha scoperto che NR era ugualmente efficace quando somministrato sia prima che dopo che i topi erano stati esposti al rumore.

‘NR entra nelle cellule e può essere assorbito per via orale’

In un precedente lavoro, il dott. Brown e colleghi avevano dimostrato che la nicotinammide adenina dinucleotide (NAD +) – a cui NR è un precursore – proteggeva le cellule nervose della coclea dall’essere feriti. Tuttavia, poiché NAD + è instabile, i ricercatori non erano sicuri se potesse essere usato in un animale vivo.

Come tali, hanno deciso di usare NR, che è un composto stabile. La dottoressa Samie Jaffrey, co-autrice di Weill Cornell, spiega:

“L’NR penetra nelle cellule molto facilmente e può essere assorbito quando lo si prende per via orale. Ha tutte le proprietà che ci si aspetterebbe da un medicinale che potrebbe essere somministrato alle persone”.

Anche se i risultati del loro ultimo studio hanno importanti implicazioni per evitare la perdita dell’udito, i ricercatori dicono che potrebbero essere applicati al trattamento delle condizioni legate all’età, come l’ipertensione polmonare.

La chiave sta nella proteina sirtuin 3 (SIRT3), che è coinvolta nella funzione delle centrali elettriche della cellula, i mitocondri. Attraverso la loro ricerca, il team ha dimostrato che NR e NAD + prevengono la perdita dell’udito aumentando l’attività di SIRT3.

Da questo risultato, il team ha teorizzato che il potenziamento di SIRT3 è legato alle proprietà protettive di NR.

I risultati potrebbero aiutare nel trattamento delle sindromi metaboliche

Per indagare ulteriormente, i ricercatori hanno ottimizzato i livelli di SIRT3 indipendentemente dalla NR per osservare se potevano ancora prevenire la perdita dell’udito a causa dell’esposizione al rumore erogando NR.

Hanno scoperto che l’eliminazione del gene SIRT3 nei topi ha annullato qualsiasi proprietà protettiva di NR. Inoltre, i ricercatori hanno dimostrato che un nuovo ceppo di topi progettato per esprimere alti livelli di SIRT3 era naturalmente resistente all’ipoacusia indotta dal rumore, anche in assenza di NR.

Poiché SIRT3 diminuisce con l’età, i ricercatori dicono che questo potrebbe spiegare la perdita dell’udito legata all’età. E alcuni individui hanno versioni diverse dei geni SIRT 3 che riducono l’attività degli enzimi, rendendoli più suscettibili alle perdite uditive causate dal rumore.

Commentando la loro ricerca, il dott. Eric Verdin, autore dello studio e professore di medicina all’Università della California-San Francisco, afferma:

“Il successo di questo studio suggerisce che bersagliare SIRT3 utilizzando NR potrebbe essere un obiettivo praticabile per il trattamento di tutti i tipi di disturbi legati all’invecchiamento – non solo la perdita dell’udito, ma anche sindromi metaboliche come obesità, ipertensione polmonare e persino il diabete.”

Nell’ottobre di quest’anno, è stato riportato uno studio in cui i ricercatori sono stati in grado di ripristinare la perdita dell’udito causata dal rumore nei topi.

Like this post? Please share to your friends: