Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Un nuovo esame del sangue prevede l’Alzheimer, la demenza

I ricercatori hanno sviluppato un nuovo esame del sangue che può prevedere con una precisione del 90% se una persona sana svilupperà il decesso dell’Alzheimer o cognitivo entro 3 anni. Riferiscono come hanno identificato e convalidato i 10 biomarcatori che costituiscono la base del test in un soggetto pubblicato in.

Il leader dello studio Howard J. Federoff, professore di neurologia presso il MedicalCenter della Georgetown University di Washington, afferma:

“Il nostro nuovo esame del sangue offre il potenziale per identificare le persone a rischio di declino progressivo e può cambiare il modo in cui i pazienti, le loro famiglie ei medici curanti pianificano e gestiscono il disturbo”.

I tassi di malattia di Alzheimer – una condizione che si ostruisce gradualmente e uccide le cellule cerebrali e le perdite di memoria e il declino mentale – stanno aumentando rapidamente in tutto il mondo. Il diseredano colpisce le persone anziane, anche se ci sono forme rare che possono iniziare prima nella vita.

Nel 2010, c’erano 35 milioni di persone con malattia di Alzheimer in tutto il mondo. La World HealthOrganization (WHO) prevede che questo numero raddoppierà ogni 20 anni, salendo a 115 milioni entro il 2050.

La capacità di rilevare l’Alzheimer nelle fasi precliniche è la chiave

Al momento non ci sono trattamenti che curano o arrestano la malattia, qualcosa che gli scienziati credono potrebbe essere dovuto alla nostra incapacità di rilevarlo prima che sia progredito fino al punto in cui emergono sintomi clinici.

Esame del sangue
I ricercatori hanno creato un nuovo esame del sangue che prevede con una precisione del 90% che svilupperà una forma di compromissione cognitiva entro 3 anni.

Il prof. Federoff spiega che mentre ci sono stati molti tentativi di produrre farmaci che rallentano l’Alzheimer o hanno avuto un fallimento, tutti hanno fallito, e una ragione potrebbe essere perché i farmaci sono testati troppo tardi in una fase della malattia.

Pertanto, lui ei suoi colleghi si sono concentrati sullo stadio preclinico della malattia, alla ricerca di biomarcatori o di molecole rivelatrici che iniziano a circolare nel sangue prima che la malattia prenda possesso.

Ogni anno per 5 anni, i ricercatori hanno testato memoria e capacità mentali e campioni di sangue di oltre 500 partecipanti di età superiore ai 70 anni.

Hanno poi preso i dati di 53 partecipanti che hanno sviluppato l’Alzheimer o un lieve disturbo cognitivo (MCI) e l’hanno confrontato con 53 che rimanevano cognitivamente sani. Hanno usato la spettrometria di massa per analizzare i campioni di sangue. Questo metodo viene utilizzato per individuare l’unicità della composizione chimica delle molecole.

Un gruppo di 10 biomarcatori del sangue ha predetto l’Alzheimer, MCI con una precisione del 90%

Hanno trovato 10 fosfolipidi – un tipo di grasso che forma un componente importante delle membrane cellulari – erano presenti a livelli costantemente inferiori nei campioni di sangue della maggior parte del gruppo che sviluppava Alzheimer o MCI. Hanno convalidato i loro risultati in un altro gruppo di 41 partecipanti.

Il Prof. Federoff dice:

“Il pannello lipidico è stato in grado di distinguere con il 90% di accuratezza questi due gruppi distinti – partecipanti generalmente normali che passerebbero a MCI o AD entro 2 o 3 anni, e chi resterebbe normale nel prossimo futuro”.

I ricercatori ritengono che i 10 biomarcatori presenti nel pannello che hanno selezionato mostrino segni di changest che si verificano quando le membrane delle cellule cerebrali iniziano a degradarsi. Due di questi sono già stati linkati all’Alzheimer.

Ritengono che le loro scoperte rappresentino un importante passo in avanti nella produzione di un test sui biomarcatori che potrebbe essere utilizzato per lo screening su larga scala per trovare persone a rischio di Alzheimer o MCI.

Il Prof. Federoff spiega i loro risultati nel video qui sotto:

Rimangono ancora delle domande, sono necessari ulteriori test

Discussione tra professionista sanitario e paziente
Vorresti sapere se avresti avuto una malattia incurabile?

Sebbene questa sia una potenziale scoperta nella diagnosi di Alzheimer, è ancora una malattia incurabile, che lascia una domanda etica sulla possibilità o meno che i pazienti traggano beneficio dal sapere in anticipo che svilupperanno una condizione incurabile.

Inoltre, il tasso di precisione del 90% lascia ancora aperto il 10% alla domanda. NBC News ha riferito che non ci sono stati “falsi negativi” nell’analisi del sangue e ha citato il prof. Federoff nel dire: “Non abbiamo trovato nessun individuo che non fosse risultato positivo alla prova che è diventato demente”. Quindi, il 10% dei pazienti potrebbe ricevere un falso positivo?

Il prof. Federoff dice che i laboratori indipendenti ora devono fare studi più ampi, per periodi più lunghi, guardando a fasce di età diverse e un mix razziale più diversificato, per confermare i loro risultati, aggiungendo:

“Intendiamo progettare una sperimentazione clinica in cui utilizzeremo questo pannello per identificare le persone a rischio per l’Alzheimer per testare un agente terapeutico che potrebbe ritardare o prevenire l’insorgenza della malattia.”

Il National Institutes of Health e il Dipartimento della Difesa hanno finanziato lo studio.

Nel frattempo, ha recentemente riportato un altro studio condotto da ricercatori negli Stati Uniti e in Australia, che hanno scoperto alcuni biomarcatori del morbo di Alzheimer che fanno emergere i sintomi dell’assassinio. Hanno mostrato che le concentrazioni di fluido spinale di tre biomarcatori proposti per l’Alzheimer sono più elevate durante la fase preclinica della malattia. Le informazioni potrebbero essere importanti per gli studi clinici sui farmaci per il trattamento o la prevenzione della malattia.

Like this post? Please share to your friends: