Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Un nuovo fastidioso effetto a lungo termine dei farmaci antidepressivi; Disforia tardiva.

La depressione resistente al trattamento (TRD) può essere correlata alla somministrazione inadeguata di antidepressivi o alla tolleranza antidepressiva. In alternativa, ci sono ragioni per credere che il trattamento antidepressivo stesso possa contribuire a una sindrome depressiva cronica. Questo studio riporta un caso di sospensione antidepressiva in un paziente TRD, un uomo bianco di 67 anni con esordio della malattia depressiva maggiore all’età di 45 anni. Era omozigote per la forma breve del trasportatore della serotonina. È stato curato e continuato fino all’età di 59 anni e ha continuato a sottoporsi a un antidepressivo fino all’età di 67 anni. Negli ultimi 2 anni era stato depresso senza alcun sollievo con farmaci o 2 trattamenti elettroconvulsivi. I suoi farmaci al momento della valutazione includevano paroxetina 10 mg al giorno, venlafaxina 75 mg al giorno e clonazepam 3 mg al giorno. Il suo punteggio di depressione Hamilton a 17 voci era di 22. Nei successivi 6 mesi, è stato avviato su bupropione e poi ha diminuito gradualmente tutti gli antidepressivi, incluso il bupropione. Il suo punteggio di depressione di Hamilton scese a 18. Il paziente non era soddisfatto dei suoi progressi e cercò un’altra opinione per ricominciare gli antidepressivi. Un anno dopo, su duloxetina 60 mg al giorno, continuava a lamentarsi di una depressione incessante.

Un possibile effetto prodepressivo degli antidepressivi è stato precedentemente proposto. Fava è stata la prima a suggerire che un meccanismo neurobiochimico correlato agli antidepressivi di crescente vulnerabilità alla depressione potrebbe svolgere un ruolo nel peggioramento dell’esito a lungo termine della malattia. La comprensione dei potenziali meccanismi di questo fenomeno può essere ricavata dalle osservazioni riguardanti la forma breve del trasportatore della serotonina (5HTTR). I pazienti con la forma breve del 5HTTR e l’esposizione prolungata all’antidepressivo possono essere particolarmente vulnerabili al peggioramento correlato agli antidepressivi. In altre parole, l’esposizione prolungata agli antidepressivi può indurre cambiamenti neuroplastici che determinano la genesi dei sintomi disforici indotti da antidepressivi. Gli investigatori propongono il termine “disforia tardiva” per descrivere un tale fenomeno e descrivere criteri diagnostici per esso. Tapering o interrompere l’antidepressivo potrebbe invertire lo stato disforico. La sospensione di antidepressivi potrebbe non fornire un sollievo immediato. In effetti, è probabile che i sintomi transitori di astinenza si verifichino nelle 2-4 settimane iniziali successive alla sospensione o alla riduzione progressiva dell’antidepressivo. Tuttavia, dopo un periodo prolungato di astinenza da antidepressivi, si può vedere un graduale ritorno alla linea di base del paziente.

Fonte: Journal of Psychotherapy and Psychosomatics, Fondazione AlphaGalileo.

Like this post? Please share to your friends: