Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Un nuovo sistema di somministrazione di farmaci può aprire trattamenti per la malattia del rene policistico

I ricercatori che hanno trovato un modo per raggiungere i fattori di crescita che promuovono la crescita della cisti nella malattia del rene policistico, suggeriscono che apre la possibilità di riproporre un gran numero di farmaci esistenti per trattare il disturbo genetico.

rene policistico accanto al football americano

La malattia renale policistica (PKD) è la malattia renale ereditaria più comune al mondo, che colpisce circa 12 milioni di persone. Non ha una cura conosciuta.

Nella PKD, le cisti piene di liquido e ben sviluppate si sviluppano e crescono nei reni. Come fluido cumulativo, le cisti diventano sempre più grandi e distruggono i tessuti sani. Alla fine, questo porta a insufficienza renale, pressione alta e altre complicazioni.

Il nuovo studio, dell’Università della California di Santa Barbara (UCSB), prevede l’uso di anticorpi terapeutici. Queste terapie biologiche sono già ampiamente utilizzate per il trattamento di malattie che vanno dal cancro alle malattie autoimmuni.

Le terapie biologiche utilizzano normalmente una classe di anticorpi chiamata immunoglobulina-G (IgG) per legarsi e prevenire l’attività di specifiche proteine ​​o fattori di crescita.

Ma nella PKD, i fattori di crescita che guidano la crescita della cisti sono bloccati all’interno del lume pieno di fluidi – la cavità centrale della cisti – che gli anticorpi IgG vengono cannonizzati.

I ricercatori dell’UCSB – guidati da Thomas Weimbs, professore di biologia molecolare, cellulare e dello sviluppo – hanno scoperto che un’altra classe di anticorpi chiamati immunoglobuline-A (IgA), erano in grado di penetrare nella parete della cisti e di entrare nel lume.

Lo studio mostra che l’IgA può entrare nelle cisti di PKD e rimanere lì

Tre informazioni si sono riunite per stimolare la scoperta fatta nello studio. Theyarose in precedenti lavori e osservazioni del Prof. Weimbs, che ha lavorato su PKD per 10 anni.

La prima informazione riguardava il modo in cui le IgA potevano attraversare uno strato cellulare legando i recettori topolimerici dell’immunoglobulina (pIgR). Il secondo, è che un fattore di trascrizione chiamato STAT6 sembra essere iperattivo in PKD. E il terzo, fu che il Prof. Weimbs ricordava che STAT6 aveva dimostrato di attivare l’espressione di pIgR in altri organi.

Il Prof. Weimbs afferma che il momento “aha” è arrivato quando ha portato le tre informazioni insieme:

“Ho pensato che STAT6 è molto attivo nei reni policistici, forse esprime anche un sacco di pIgR – e questo è risultato essere il caso, quindi abbiamo testato questo nei modelli murini e nei tessuti del rene umano policlico, e, in entrambi i casi, livelli elevati di pIgR sono stati espressi in kidneycysts. “

Quando hanno iniettato IgA nei topi con reni policistici, il team ha rilevato che circa il 7% delle IgA iniettate è rimasto all’interno dei lumi cisti.

Il Prof. Weimbs dice che questo suggerisce che alcune IgA vengano prese nelle cisti – e poiché non c’è modo di uscirne – rimangono intrappolate:

“Così finiamo con un modo di sfruttare il sistema pIgR per indirizzare questi antibodiesspecificamente al rene policistico”.

Un passo fondamentale resta da verificare prima che la possibilità che il metodo apra nuove vie di trattamento per la PKD diventi una probabilità – e cioè trovare un modo per riformare gli IgGantibodies in tipi di IgA in modo che possano entrare nella cisti usando il sistema pIgR e bersagliare i fattori di crescita .

Se questo passo dovesse avere successo, allora, secondo il Prof. Weimbs:

“La nostra strategia consente il riutilizzo di migliaia di monoclonali esistenti che sono già stati sviluppati, il che apre una nuova classe di terapie finora non utilizzata per la terapia PKD”.

Nel frattempo, ha appreso come un altro team, riportando nel, potrebbe anche aver sviluppato un nuovo modo di trattare il PKD mirando ai vasi sanguigni che circondano le cisti.

Like this post? Please share to your friends: