Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Un nuovo studio supporta il collegamento tra ADHD e trauma cranico

Un recente studio di adulti canadesi ha trovato collegamenti tra lesioni cerebrali traumatiche e una storia di disordine da deficit di attenzione e iperattività, suggerendo che gli adulti con una storia di lesioni cerebrali possono beneficiare di uno screening migliorato per il disturbo comportamentale.

Immagine del cervello e del sistema nervoso.

Lo studio, pubblicato nel, ha utilizzato i dati ottenuti da un sondaggio telefonico dei residenti adulti dell’Ontario, in Canada.

“Questi nuovi dati suggeriscono un’associazione significativa tra ADHD [disturbo da deficit dell’attenzione e iperattività] e TBI [trauma cranico]”, afferma il co-principale ricercatore Dr. Robert Mann. “Vediamo che gli adulti con TBI hanno una probabilità doppia rispetto a quelli senza riportare i sintomi di ADHD”.

L’ADHD è un disturbo comportamentale cronico caratterizzato da problemi come il comportamento impulsivo e difficoltà nel sostenere l’attenzione. La condizione di solito inizia durante l’infanzia e frequentemente continua nell’età adulta.

Secondo i Centers for Disease Control and Prevention (CDC), a partire dal 2011, circa l’11% dei bambini di età compresa tra 4 e 17 anni (6,4 milioni) è stato diagnosticato con ADHD, con questa cifra in aumento anno dopo anno.

Nel frattempo, il CDC riferisce che nel 2010, circa 2,5 milioni di TBI si sono verificati come lesioni isolate o insieme ad altre lesioni. L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ritiene che, entro il 2020, il TBI potrebbe diventare la terza più grande fonte di malattie e disabilità al mondo, dietro le malattie cardiache e la depressione.

Ricerche precedenti hanno indicato che potrebbe esserci una connessione tra ADHD e TBI sperimentati durante l’infanzia.

“Questo non è sorprendente perché alcune delle conseguenze più persistenti del TBI includono sintomi tipo ADHD, come la memoria e l’attenzione, deficit nelle funzioni esecutive come pianificazione e organizzazione, elaborazione di consonanti e vocali e comportamento impulsivo”, afferma l’autore principale Dr Gabriela Ilie, collega di post-dottorato al St. Michael’s Hospital di Toronto, in Canada.

“Associazioni positive significative tra TBI e ADHD attuali e passati”

Per indagare su questa potenziale relazione, i ricercatori hanno esaminato le risposte di 3.993 adulti di età pari o superiore a 18 anni che hanno partecipato al Centro per le dipendenze e il monitoraggio della salute mentale (CAMH) – un sondaggio continuo che valuta la salute fisica, la salute mentale e l’uso di sostanze degli adulti in Ontario.

I sondaggi sono stati condotti con Computer Assisted Telephone Interviewing (CATI) nel 2011 e 2012. Per lo studio, il TBI è stato definito come “un trauma alla testa che ha comportato la perdita di coscienza per almeno 5 minuti o il ricovero notturno”.

I ricercatori hanno scoperto che tra i partecipanti con una storia di TBI, il 5,9% ha dichiarato di essere stato precedentemente diagnosticato con ADHD a un certo punto della loro vita. Un ulteriore 6,6% è andato a schermo positivo per ADHD sulla scala Self-Report per adulti ADHD durante le interviste telefoniche.

Gli esperti hanno precedentemente suggerito che il TBI potrebbe causare cambiamenti psico-neurologici che aumentano le possibilità di sviluppo di ADHD. Altri hanno ipotizzato che avere l’ADHD potrebbe aumentare il rischio di cadere o di avere un incidente che potrebbe causare un trauma cranico.

“Pertanto può essere utile valutare la storia del TBI durante lo screening e la valutazione dell’ADHD nella popolazione adulta”, conclude il dott. Ilie.

A causa delle associazioni positive osservate nello studio tra il TBI a vita e l’ADHD attuale e passato, i ricercatori affermano che sono necessarie ulteriori ricerche per ampliare la loro comprensione di questa associazione e come influenza lo sviluppo e il trattamento di ADHD e TBI.

Recentemente, è stato riportato un altro studio che rivela che una classe di farmaci denominata anticolinergici può ritardare il recupero dalla TBI.

Like this post? Please share to your friends: