Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Un nuovo trattamento potrebbe aiutare i pazienti con lesioni spinali a camminare “

Gli scienziati dicono di aver scoperto che respirare bassi livelli di ossigeno in brevi raffiche potrebbe aiutare a migliorare la mobilità delle persone con lesioni del midollo spinale. Questo è secondo uno studio pubblicato sulla rivista.

La lesione del midollo spinale (SCI) è definita come la rottura dei nervi attaccati al midollo spinale nella schiena. Quando i nervi sono danneggiati, questo può portare a una sensazione ridotta nel corpo e alla perdita di mobilità, come l’incapacità di camminare.

Secondo il National Statistical Center National Spinal Cord (NSCISC), ci sono circa 12.000 nuovi casi di lesioni del midollo spinale negli Stati Uniti ogni anno.

Randy D. Trumbower, della Emory University di Atlanta, GA, e autore di uno studio di questa ricerca più recente, afferma che circa il 59% di tutte le lesioni spinali sono incomplete. Ciò significa che il danno al midollo spinale non è assoluto, quindi c’è la possibilità che il midollo spinale recuperi.

“Sfortunatamente, di solito una persona affetta da questo tipo di lesione spinale raramente recupera la capacità di camminare normalmente”, aggiunge Trumbower.

Ma gli investigatori ritengono che la loro nuova ricerca possa dare promessa a coloro che hanno perso la mobilità a causa di lesioni del midollo spinale.

Pazienti esposti al trattamento con ipossia

Per raggiungere le loro scoperte, i ricercatori hanno analizzato 19 individui che hanno sofferto lesioni della colonna vertebrale tra i livelli C2 (nel collo) e T12 (nelle vertebre toraciche) della colonna vertebrale.

I partecipanti non avevano accorciamento delle articolazioni, alcuni movimenti controllati alla caviglia, al ginocchio e all’anca e avevano la capacità di camminare almeno un passo senza l’aiuto umano.

I soggetti sono stati divisi in due gruppi. Nel primo gruppo, nove persone sono state esposte a ipossia – brevi periodi di respirazione a bassi livelli di ossigeno – oa un trattamento fittizio (trattamento di controllo) in cui hanno ricevuto solo livelli normali di ossigeno. Dopo 2 settimane, hanno ricevuto l’altro trattamento.

Il trattamento con ipossia coinvolgeva soggetti che respiravano bassi livelli di ossigeno attraverso una maschera per 90 secondi, seguiti da 60 secondi di livelli normali di ossigeno e dovevano farlo per 40 minuti al giorno per 5 giorni.

Il secondo gruppo ha ricevuto l’ipossia o il trattamento sham, quindi gli è stato chiesto di camminare il più velocemente possibile per 30 minuti entro 1 ora dal trattamento. Sono stati anche passati all’altro trattamento 2 settimane dopo.

I ricercatori hanno monitorato la velocità di cammino e la resistenza dei partecipanti prima dell’inizio dello studio, al primo e al quinto giorno di trattamento, e 1 e 2 settimane dopo il termine del trattamento.

Endurance ‘aumentata del 250%’

I risultati hanno rivelato che in un test di camminata di 10 metri, i partecipanti che hanno ricevuto il trattamento con ipossia hanno fatto una media di 3,8 secondi più velocemente, rispetto a quando hanno respirato solo i livelli normali di ossigeno.

In una prova di quanto tempo i soggetti potevano camminare in 6 minuti, quelli che ricevevano il trattamento con ipossia più a piedi aumentavano la loro resistenza di una media di 100 metri – un aumento del 250%, rispetto a quelli che avevano ricevuto un trattamento farsa più camminare.

Nel complesso, è stato riscontrato che tutti i partecipanti hanno mostrato una migliore capacità di deambulazione. In dettaglio, oltre il 30% ha aumentato la propria velocità di cammino di un minimo di 1/10 di metro al secondo e il 70% ha aumentato la propria resistenza di almeno 50 metri.

In un editoriale collegato allo studio, Michael G. Fehlings, dell’Università di Toronto in Canada, ipotizza come possa funzionare il trattamento dell’ipossia:

“Una domanda che questa ricerca porta alla luce è come un trattamento che richiede alle persone di assumere bassi livelli di ossigeno può aiutare il movimento, figuriamoci in quelli con funzionalità polmonare compromessa e abilità motorie.

Una possibile risposta è che la serotonina spinale, un neurotrasmettitore, innesca una cascata di cambiamenti nelle proteine ​​che aiutano a ripristinare le connessioni nella colonna vertebrale. “

Gli investigatori avvertono che l’ipossia cronica o sostenuta dovrebbe essere effettuata solo da individui addestrati all’interno di un ambiente medico controllato, o che potrebbe causare gravi lesioni.

recentemente riferito su uno studio che dettaglia la creazione di una vescica protesica che potrebbe aiutare il controllo delle urine per le persone con lesioni del midollo spinale.

Like this post? Please share to your friends: