Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Un terzo dei pazienti asmatici viene diagnosticato erroneamente, lo studio rileva

L’asma colpisce centinaia di milioni di persone in tutto il mondo e decine di milioni di persone solo negli Stati Uniti. Tuttavia, la nuova ricerca canadese suggerisce che un numero significativo di casi di asma può essere falsamente diagnosticato.

[la donna ha difficoltà a respirare]

L’asma è una malattia cronica che colpisce i bronchi, che normalmente permettono all’aria di entrare e uscire dai polmoni.

In tutto il mondo, la condizione colpisce circa 300 milioni di persone. Negli Stati Uniti, si stima che 1 persona su 12, o circa 25 milioni di individui, viva con la condizione.

Tuttavia, un nuovo studio, pubblicato su, suggerisce che la condizione possa essere sovradiagnosticata.

I ricercatori – guidati dal dott. Shawn Aaron, respirologo presso l’Ottawa Hospital e professore all’Università di Ottawa in Canada – hanno esaminato 613 pazienti selezionati a caso da 10 città canadesi tra gennaio 2012 e febbraio 2016.

I ricercatori hanno reclutato adulti che hanno riferito di essere stati diagnosticati con asma nei 5 anni precedenti allo studio.

Aaron e il team hanno rivalutato i partecipanti per vedere se potevano confermare l’attuale asma. Hanno usato un misuratore di portata del picco domestico, spirometria e test di sfida bronchiale seriale per monitorare i sintomi.

Oltre il 33% dei pazienti con diagnosi di asma non ce l’ha

Lo studio ha rilevato che un gran numero di partecipanti potrebbe aver inizialmente ricevuto una falsa diagnosi. Inoltre, la stragrande maggioranza di coloro la cui asma non è stata confermata dal nuovo studio ha smesso di prendere i farmaci e sono stati in grado di vivere tranquillamente senza di essa per un anno.

I ricercatori hanno escluso l’asma in 203 dei 613 pazienti, che costituiscono il 33,1 per cento dell’intero campione.

Di questi, 12 partecipanti allo studio hanno avuto altre gravi malattie cardiorespiratorie che potrebbero essere state erroneamente diagnosticate come asma.

Inoltre, l’80% dei pazienti con diagnosi errate ha assunto farmaci per l’asma e il 35% di loro lo ha fatto quotidianamente.

I pazienti che sono stati giudicati senza asma non hanno mostrato segni di peggioramento acuto dei sintomi dell’asma e nessuna evidenza di ostruzione del flusso aereo reversibile o iperresponsività bronchiale, anche dopo aver smesso di assumere il farmaco. I partecipanti sono stati esaminati da uno pneumologo dello studio.

Tra i partecipanti la cui asma non è stata confermata, il 28% non ha avuto alcuna condizione respiratoria, mentre la maggioranza ha avuto problemi minori, come allergie o bruciore di stomaco.

Aaron e il team hanno seguito i 203 pazienti per 12 mesi. Durante questo periodo, hanno gradualmente ridotto il trattamento farmacologico dei pazienti che lo assumevano ogni giorno in quattro visite di studio.

Oltre il 90 percento dei pazienti con diagnosi errate è stato in grado di interrompere in modo sicuro l’assunzione dei farmaci per un anno.

“È impossibile dire quanti di questi pazienti sono stati inizialmente diagnosticati erroneamente con asma, e quanti hanno l’asma che non è più attivo. Quello che sappiamo è che erano tutti in grado di interrompere l’assunzione di farmaci di cui non avevano bisogno – farmaci che è costoso e può avere effetti collaterali. ”

Dr. Shawn Aaron

Gli autori riconoscono due possibili cause dell’incapacità di confermare la diagnosi di asma in oltre il 33% dei partecipanti. Una causa potenziale è il fatto che l’asma tende a chiarirsi spontaneamente – che gli autori suggeriscono potrebbe verificarsi nell’11,8% dei casi – mentre l’altra ragione potrebbe essere semplicemente una diagnosi errata iniziale.

Lo studio ha anche rivelato che alla prima diagnosi, oltre il 49% dei pazienti non era sottoposto a procedure di test oggettivi, come test di flusso di picco seriale, test di stimolazione bronchiale o spirometria.

“I medici non diagnosticano il diabete senza controllare i livelli di zucchero nel sangue, o un osso rotto senza ordinare una radiografia”, afferma Dr Aaron. “Ma per qualche motivo, molti medici non stanno ordinando i test spirometrici che possono sicuramente diagnosticare l’asma.”

Il Dr. Aaron continua a sottolineare la necessità di un’educazione alla salute pubblica su come diagnosticare correttamente l’asma.

“Abbiamo bisogno di educare i medici e il pubblico per ottenere la diagnosi giusta in primo luogo.Pazienti che hanno difficoltà a respirare dovrebbero chiedere al loro medico di ordinare un test respiratorio – spirometria – per determinare se potrebbero avere l’asma o anche malattia polmonare ostruttiva cronica. “

“Allo stesso modo,” aggiunge, “se i pazienti pensano che possano essere stati diagnosticati erroneamente con asma o che non hanno più asma, dovrebbero chiedere al loro medico un test di spirometria. L’asma può essere mortale, quindi i pazienti non dovrebbero mai abbandonare i loro farmaci senza parlare prima con un dottore. “

Scopri come i salumi possono peggiorare i sintomi dell’asma.

Like this post? Please share to your friends: