Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Un test del sangue potrebbe predire il rischio di schizofrenia?

Non esiste un singolo test per la schizofrenia; la sua diagnosi si basa sulle valutazioni degli esperti di salute mentale. Ma ora, un nuovo studio sostiene che un esame del sangue potrebbe determinare chi è ad alto rischio di schizofrenia e altre forme di psicosi, consentendo un trattamento precedente e risultati migliori.

esame del sangue

Il gruppo di ricerca, tra cui la dott.ssa Diana O. Perkins dell’Università della Carolina del Nord a Chapel Hill, pubblica i loro risultati sulla rivista.

La schizofrenia è un disturbo della salute mentale che colpisce circa 24 milioni di persone in tutto il mondo, l’equivalente di 7 persone su 1.000. La condizione è caratterizzata da allucinazioni, delusioni, pensieri disfunzionali e movimenti del corpo agitati.

È ben noto che prima un paziente riceve un trattamento per la schizofrenia, migliore è l’esito. Secondo il Dott. Perkins e colleghi, questo suggerisce che il trattamento durante la fase prodromica della malattia – quando i sintomi compaiono per la prima volta – potrebbe ridurre il rischio di gravi sintomi o disabilità.

Ma il team osserva che una barriera al trattamento precoce della schizofrenia e di altre forme di psicosi è l’incapacità di identificare chi è a più alto rischio per le condizioni. I loro risultati di studio potrebbero abbattere questa barriera?

Le analisi del sangue hanno accuratamente identificato quali pazienti hanno sviluppato psicosi

Studi precedenti, dicono i ricercatori, hanno indicato che i pazienti con schizofrenia hanno livelli anormali di marcatori di infiammazione, stress ossidativo, metabolismo e ormoni.

Con questo in mente, il team ha analizzato campioni di sangue di 32 pazienti con sintomi che suggerivano un alto rischio di psicosi, insieme a campioni di sangue di 35 soggetti di controllo. Volevano vedere se la presenza dei marcatori sopra menzionati potesse predire quali soggetti hanno sviluppato psicosi.

Tutti i partecipanti sono stati valutati clinicamente ogni 6 mesi e sono stati seguiti per un massimo di 2 anni.

Il team ha scoperto che tra i 32 pazienti ad alto rischio di psicosi, erano accuratamente in grado di identificare coloro che hanno continuato a sviluppare psicosi attraverso la presenza di 15 marcatori specifici, o analiti, nel loro sangue.

Di questi pazienti, 14 avevano la schizofrenia, 13 avevano una psicosi non specificata, due avevano una depressione maggiore con caratteristiche psicotiche, uno aveva un disturbo bipolare, uno aveva disturbi schizoaffettivi e uno aveva disturbi deliranti.

Commentando le loro scoperte, il Dott. Perkins dice:

“Mentre sono necessarie ulteriori ricerche prima che questo test del sangue possa essere clinicamente disponibile, questi risultati forniscono evidenze sulla natura fondamentale della schizofrenia e indicano nuovi percorsi che potrebbero essere obiettivi per interventi preventivi”.

I ricercatori sottolineano che è cruciale che questo esame del sangue venga utilizzato per valutare altri pazienti ad alto rischio di psicosi al fine di valutarne la riproducibilità.

“Tuttavia, è necessario più lavoro, poiché ci sono probabilmente molte altre combinazioni di analiti con utilità nella previsione del rischio psicotico, e un’analisi del sangue potrebbe essere combinata con altre misure cliniche, di imaging o elettrofisiologiche associate alla progressione verso la psicosi in clinicamente ad alto rischio soggetti “, aggiungono.

Nel complesso, concludono che le loro scoperte mostrano una promessa nell’identificazione di nuovi obiettivi per la prevenzione della psicosi e sottolineano la necessità di ulteriori ricerche in questo campo.

recentemente riportato su uno studio che afferma che la schizofrenia è composta da otto specifici disordini genetici, piuttosto che essere una singola malattia.

Like this post? Please share to your friends: