Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Una mela al giorno tiene davvero lontano il medico?

Il consiglio proverbiale di mangiare una mela al giorno prima apparizione in stampa nel 1866. Quasi 150 anni più tardi, un giornale medico ha usato la scusa del primo di aprile di pubblicare uno studio che chiede – sul serio – se questa saggezza realmente tenere il medico di torno .

mele

Lo studio ci dice che la “una mela al giorno toglie il medico di torno” aforisma è stato coniato nel 1913, ma si è basata sulla forma originale con una rima diversa, alcuni 149 anni in Galles: “Mangia una mela su di andare a letto e si terrò il dottore dal guadagnarsi il pane “, recitò il proverbio nel Pembrokeshire.

I ricercatori della University of Michigan School of Nursing di Ann Arbor ritengono che dare a tali proverbi medici una valutazione empirica “ci consenta di trarre profitto dalla saggezza dei nostri predecessori”.

Per la misura dello studio di mantenere il medico di torno, Matthew Davis, PhD, e co-autori hanno valutato un risultato di non più di una visita di un anno al medico come un mezzo per indagare il successo del proverbio in mangiatori di Apple Daily rispetto ai non-Apple mangiatori.

Quindi una mela quotidiana ha avuto successo nel tenere lontano il medico? No, non è stato così. Non c’era alcuna differenza statisticamente significativa nelle visite dal medico per i mangiatori di mele giornalieri nell’analisi. Ma lo studio ha scoperto che una mela al giorno teneva lontano il farmacista.

‘Evitare l’uso di servizi di assistenza sanitaria’

Quando sono state prese in considerazione le caratteristiche socio-demografiche e relative alla salute, come l’educazione e il fumo, il consumo giornaliero di mele non è stato associato al mantenimento di un massimo di una visita medica dichiarata ogni anno.

Degli 8.399 partecipanti che hanno risposto a un questionario per ricordare le loro prese dietetiche, il 9% (753) erano mangiatori di mele e il resto, 7.646, erano non mangiatori di mele.

I mangiatori di mele hanno mostrato un maggiore livello di istruzione, erano più propensi a venire da una minoranza etnica o razziale ed erano meno propensi a fumare. I dati per l’analisi provengono dalla National Health and Nutrition Examination Survey condotta nel periodo 2007-08 e 2009-10.

“Mentre la direzione delle associazioni che abbiamo osservato sostiene la superiorità di mangiatori di mele oltre mangiatori di non-Apple a evitare l’uso dei servizi di assistenza sanitaria, queste differenze in gran parte privi di significatività statistica”, dicono gli autori, dopo la contabilità per le differenze di mele mangiafuoco che – al di là degli effetti dello stesso consumo di mele – avrebbe potuto spiegare perché hanno usato meno i servizi sanitari.

Una mela al giorno significa uno di almeno 7 cm di diametro

Per analizzare il consumo di mele contro le visite al medico, i ricercatori hanno confrontato i mangiatori di mele ogni giorno con i non mangiatori di mele. Una mela al giorno contava se i partecipanti rispondevano di avere almeno 149 g di mela cruda.

Il consumo di meno di questa quantità è stato considerato come il consumo quotidiano di mele e anche il consumo di mele basato esclusivamente su succhi o salse è stato escluso. Lo studio ha anche cercato una risposta per aumentare la quantità di consumo giornaliero di mele confrontando le visite mediche di persone che non mangiavano mele con quelli che mangiavano una piccola mela, una mela media o una grande mela al giorno.

L’analisi non mostra alcuna relazione tra la “dose” di mela e la probabilità di tenere il medico di torno in termini di “evitare i servizi di assistenza sanitaria”. Tranne, ha trovato gli autori, per evitare farmaci da prescrizione.

Lo studio ha trovato che i mangiatori di mele erano più propensi a mantenere il medico di torno, ma questo era prima di regolare per le caratteristiche socio-demografiche e sanitarie degli intervistati – il 39,0% delle mele mangiatori evitati più di un anno visita medico, rispetto a 33,9 % di non mangiatori di mele.

I consumatori giornalieri di mele avevano anche maggiori probabilità di evitare l’uso di farmaci con prescrizione (47,7% contro il 41,8%) – e questa differenza è sopravvissuta all’analisi statistica.

L’associazione tra mangiare una mela al giorno e tenere il farmacista lontano, quindi, era una scoperta statisticamente significativa, mentre tenere lontano il medico non riusciva a mantenere la verità.

Né il proverbio mostra alcun effetto in un’analisi dei soggiorni in ospedale o delle visite di salute durante la notte – non c’era alcuna differenza per i mangiatori di mele nella probabilità di tenere uno di questi due lontano.

La conclusione generale di questo studio è stata che solo una scoperta ha supportato la saggezza di vecchia data. I consumatori di mele “erano un po ‘più propensi ad evitare l’uso di farmaci da prescrizione rispetto ai non-mangiatori di mele”.

Gli autori affermano nella loro analisi finale che la promozione del consumo di mele può avere solo “benefici limitati” nel ridurre la spesa sanitaria nazionale, aggiungendo:

“Nell’età delle affermazioni basate sull’evidenza, tuttavia, ci può essere il merito di dire: ‘Una mela al giorno mantiene la farmacista’”.

Like this post? Please share to your friends: