Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Una nuova scoperta potrebbe “influire sul trattamento delle malattie autoimmuni”

Un nuovo studio ha trovato un modo di manipolare la differenziazione delle cellule T nel sistema immunitario in modo da raggiungere un equilibrio tra cellule pro-infiammatorie e anti-infiammatorie. Questa scoperta potrebbe avere implicazioni per il trattamento di malattie autoimmuni e alcuni tipi di cancro.

microscopio

Le malattie autoimmuni si innescano quando il nostro sistema immunitario identifica erroneamente le cellule sane come corpi estranei e decide di attaccarle. In questo processo, alcune cellule chiamate “cellule T”, che si trovano nel sistema immunitario, sono coinvolte.

Le cellule T sono di diversi tipi e hanno funzioni distinte, ma il loro ruolo principale è quello di mediare le reazioni immunitarie nel corpo. Alcune cellule T sono pro-infiammatorie, promuovendo una risposta immunitaria, mentre altre sono immunosoppressive, regolando l'”aggressività” di questa risposta.

Le malattie autoimmuni, così come alcuni tipi di cancro come il cancro del colon-retto e il cancro del polmone, sono mediati da alcuni squilibri di cellule T nel sistema immunitario. Questi squilibri portano a infiammazioni anomale o ad una mancanza di reazione, in cui il corpo non è in grado di identificare i patogeni.

Recentemente, sono state condotte molte ricerche su un particolare tipo di cellule T chiamate “cellule T helper 17” (Th17). Gli studi hanno trovato che le cellule Th17 possono essere instabili, sostenendo così le malattie autoimmuni e mediando alcuni tumori.

Un nuovo studio guidato dal Dr. Sheng Ding, degli Istituti Gladstone di San Francisco, in California, ha scoperto un modo per cambiare il destino delle cellule per determinare la differenziazione nelle cellule Th17, che sono pro-infiammatorie, o nelle cellule T regolatorie, che sono immunosoppressive .

I ricercatori hanno pubblicato i loro risultati sulla rivista.

“Le nostre scoperte potrebbero avere un impatto significativo sul trattamento delle malattie autoimmuni, così come sulle terapie con cellule staminali e immuno-oncologia”, afferma il dott. Ding.

Chiave chimica composta per la manipolazione cellulare

In questo studio, sono stati condotti esperimenti sia in vitro (utilizzando colture cellulari) che in vivo (utilizzando topi) per testare l’effetto di un composto chimico chiamato “(amminoossi) acido acetico” (AOA).

I ricercatori hanno scoperto che l’AOA è fondamentale nel “dire” a una cellula progenitrice di specializzarsi in cellule T Th17 o regolatorie. Ciò consente la formazione di strategie per aiutare a promuovere l’equilibrio cellulare all’interno del sistema immunitario.

Il dott. Ding e i suoi colleghi spiegano che questa scoperta può avere implicazioni più ampie per i trattamenti di cancro e malattie autoimmuni.

Determinare la differenziazione in cellule T regolatorie piuttosto che Th17 nel caso di malattie autoimmuni, ad esempio, potrebbe inibire l’effetto infiammatorio esacerbato causato dalle cellule helper.

I ricercatori sono anche desiderosi di indagare sui potenziali benefici che questa strategia potrebbe portare alla terapia basata sulle cellule staminali; a volte possono essere utilizzate cellule T regolatorie per impedire al sistema di rifiutare i trapianti di organi.

Il dott. Ding e i suoi colleghi ora suggeriscono che la produzione di cellule T regolatorie potrebbe essere utilizzata anche per promuovere la tolleranza immunitaria dei trapianti di cellule. Hanno anche espresso la speranza che la stessa strategia possa rivelarsi efficace, seppure indirettamente, nella terapia del cancro.

“Il nostro lavoro potrebbe anche contribuire agli sforzi in corso di immuno-oncologia e trattamento del cancro.Questo tipo di terapia non mira direttamente al cancro, ma piuttosto lavora sull’attivazione del sistema immunitario in modo che possa riconoscere le cellule tumorali e attaccarle.”

Primo autore Dr. Tao Xu, Gladstone Institutes

Mentre c’è ancora un modo per capire come utilizzare AOA al meglio per rendere i trattamenti più efficaci, i ricercatori suggeriscono che questo è il primo passo per riguadagnare il controllo dei meccanismi del sistema immunitario difettosi.

Like this post? Please share to your friends: