Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Una pillola probiotica potrebbe curare il diabete?

Più di 29 milioni di persone negli Stati Uniti hanno il diabete, ed è la settima causa di morte nel paese. Ma una cura potrebbe essere all’orizzonte? Secondo i ricercatori della Cornell University di Ithaca, New York, potrebbe – sotto forma di una pillola probiotica.

Una cellula di ratto riprogrammata

In uno studio proof-of-principle pubblicato sulla rivista, l’autore senior John March e colleghi di Cornell hanno rivelato come sono stati in grado di ridurre i livelli di glucosio nel sangue nei ratti diabetici utilizzando un comune batterio trovato nell’intestino umano.

Il diabete è una condizione in cui il pancreas non è in grado di produrre abbastanza insulina ormonale, le cellule del corpo non rispondono efficacemente all’ormone o ad entrambi.

Di conseguenza, i livelli di glucosio nel sangue aumentano più del normale, nota come iperglicemia. Questo può causare una serie di complicazioni, tra cui ictus, malattie cardiache e danni ai nervi.

Negli ultimi anni la prevalenza del diabete è aumentata negli Stati Uniti, passando da 25,8 milioni di persone colpite nel 2010 a 29,1 milioni nel 2012.

Ma con i risultati del loro studio, March e colleghi dicono che potrebbero essere un passo avanti verso una cura per la condizione.

I ricercatori hanno progettato un ceppo comune di batteri intestinali umani “amichevoli” chiamati a secernere il peptide simile al glucagone 1 (GLP-1) – un ormone che rilascia insulina in risposta al cibo.

è un probiotico spesso usato per prevenire e curare la diarrea, così come la sindrome dell’intestino irritabile (IBS), il morbo di Crohn e alcuni disturbi della pelle.

Livelli probiotici ridotti di glucosio nel sangue fino al 30%

Ogni giorno per 90 giorni, il team ha somministrato per via orale il probiotico modificato a un gruppo di ratti diabetici. Hanno monitorato i suoi effetti sui livelli di glucosio nel sangue, confrontando i risultati con ratti diabetici che non l’hanno ricevuto.

Alla fine dei 90 giorni, i ricercatori hanno scoperto che i ratti che avevano ricevuto il probiotico modificato avevano livelli di glucosio nel sangue inferiori del 30% rispetto a quelli che non avevano ricevuto il probiotico.

Il team dice che il probiotico sembra convertire le cellule epiteliali intestinali superiori dei ratti in cellule che agiscono molto come le cellule beta pancreatiche, che – nelle persone sane – secernono insulina e regolano i livelli di glucosio nel sangue.

Marzo aggiunge:

“La quantità di tempo per ridurre i livelli di glucosio dopo un pasto è la stessa di un ratto normale, ed è pari alla quantità di glucosio nel sangue, proprio come sarebbe con un pancreas normale. di controllo del glucosio dal pancreas all’intestino superiore. “

Nel dare il probiotico modificato a ratti sani, tuttavia, il team ha scoperto che non sembrava influenzare i livelli di glucosio nel sangue. “Se il ratto sta gestendo il suo glucosio, non ha bisogno di più insulina”, dice marzo.

Il team dice che ora ha in programma di testare dosi più elevate del probiotico ingegnerizzato nei ratti diabetici per vedere se può invertire completamente la condizione.

Stanno anche lavorando con una società biofarmaceutica chiamata BioPancreate per trasformare il probiotico in una pillola per uso umano. Se il successo, i ricercatori dicono che sarebbe probabile che un diabetico prenderebbe la pillola ogni mattina per aiutare a gestire la loro condizione.

Nel novembre 2014, è stato riportato uno studio che suggerisce che un comune farmaco per la pressione del sangue potrebbe invertire completamente il diabete.

Like this post? Please share to your friends: