Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Una singola posa yoga ogni giorno può migliorare la curvatura della colonna vertebrale per i pazienti affetti da scoliosi

Un nuovo studio sostiene che eseguire una singola posa yoga per 90 secondi per almeno 3 giorni alla settimana potrebbe ridurre la curvatura della colonna vertebrale in pazienti con scoliosi in appena 3 mesi.

Donna che effettua la posa di yoga della sponda laterale

I ricercatori, tra cui il Dr. Loren Fishman del Columbia University College of Physicians and Surgeons di New York, New York, pubblicano le loro scoperte sulla rivista.

La scoliosi, una condizione in cui la colonna vertebrale si curva di lato, colpisce circa 6 milioni di persone negli Stati Uniti ed è responsabile di oltre 600.000 visite mediche ogni anno. Sebbene la scoliosi possa interessare tutti i gruppi di età, l’esordio è più comune tra i 10-15 anni.

La scoliosi grave – definita come una curvatura della colonna vertebrale di oltre 45 gradi – viene solitamente trattata con un intervento chirurgico. Esistono tecniche non chirurgiche disponibili per i pazienti con curvature della colonna vertebrale inferiori ai 45 gradi – uno dei più comuni è il rinforzo.

Ogni anno, circa 30.000 bambini e adolescenti con scoliosi sono dotati di un tutore che viene indossato per circa 23 ore al giorno, aiutando a raddrizzare le spine dei bambini mentre crescono.

I ricercatori osservano che un metodo di controvento popolare – il più comunemente usato nelle adolescenti – richiede ai pazienti di frequentare 40 sessioni di 2 ore, tre volte alla settimana per 3-4 mesi. I pazienti sono quindi invitati a svolgere esercizi per tutta la vita per 30 minuti al giorno.

“Dal momento che molti pazienti affetti da scoliosi sono adolescenti, l’ingombrante esercizio fisico e il lungo esercizio sono socialmente imbarazzanti, emotivamente dolorosi e fisicamente difficili”, afferma il Dr. Fishman. “Eppure la scoliosi non trattata può progredire al 7% all’anno, e comportare disabilità e rischi per la salute pericolosi per la vita”.

I pazienti dovevano eseguire l’asse laterale sul lato più debole della colonna vertebrale

Nel loro studio, il Dr. Fishman e i suoi colleghi hanno deciso di determinare l’efficacia di una posa yoga di base – nota come asse laterale – su 25 partecipanti di età compresa tra 14 e 85 anni con scoliosi idiopatica.

La sponda laterale consiste nel giacere su un lato del corpo con le ginocchia dritte e puntellare la parte superiore del corpo con il gomito e l’avambraccio.

Dopo aver subito un esame iniziale, una radiografia e una valutazione da parte di un radiologo, i pazienti sono stati mostrati come eseguire la posa yoga.

Nella prima settimana, sono stati istruiti a fare la posa sul lato la loro colonna vertebrale è stata curvata verso per 10-20 secondi ogni giorno. Gli è stato poi chiesto di fare la posa una volta al giorno il più a lungo possibile, sempre sul lato della loro curvatura della colonna vertebrale.

Spiegando le ragioni che stanno dietro di chiedere ai pazienti di fare la posa sul lato della loro curvatura, il Dr. Fishman dice:

“Poiché la scoliosi è una condizione asimmetrica, l’ho trattata in modo asimmetrico, chiedendo ai pazienti di fare la posa solo sul lato più debole, che rafforza i muscoli spinali specifici sul lato convesso che sono necessari per aiutare nella riduzione della curva.”

Aggiunge che la National Scoliosis Foundation raccomanda che le persone con scoliosi eseguano 25 posizioni yoga per aiutare con la loro curvatura della colonna vertebrale. Tuttavia, sottolinea che nessun risultato clinico supporta l’efficacia di questo e ai pazienti non è consigliato eseguire queste pose in modo asimmetrico.

Le curvature della colonna vertebrale dei pazienti sono state misurate all’inizio e alla fine dello studio utilizzando la tecnica standard dell’angolo di Cobb e le radiografie sono state riprese una volta cessato lo studio.

La posa dello yoga ha migliorato la curvatura della colonna vertebrale di circa il 32% in tutti i pazienti

In media, i partecipanti hanno fatto la posa della tavola laterale per 1,5 minuti al giorno, 6,1 giorni alla settimana per 6,8 mesi.

I ricercatori hanno scoperto che la curvatura della colonna vertebrale è migliorata del 32% circa su tutti i pazienti. Tra 19 pazienti che hanno praticato yoga per almeno 3 giorni alla settimana, la curvatura della colonna vertebrale è migliorata del 40,9%. Di questi pazienti, gli adolescenti hanno registrato un miglioramento della curvatura del 49,6%, mentre gli adulti hanno registrato un miglioramento del 38,4%.

Commentando i risultati, i ricercatori dicono:

“Rafforzare asimmetricamente il lato convesso della curva primaria con la pratica quotidiana della posa della doga, mantenuta il più a lungo possibile per una media di 6,8 mesi, ha ridotto significativamente l’angolo delle curve scoliotiche primarie, garantendo ulteriori test”.

Numerosi studi hanno accolto i benefici dello yoga per altri problemi di salute. All’inizio di quest’anno, secondo uno studio che suggeriva che lo yoga poteva ridurre il rischio di ansia e depressione nelle donne incinte, mentre uno studio del 2013 affermava che lo yoga poteva aiutare ad abbassare la pressione sanguigna.

Like this post? Please share to your friends: