Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Undici modi per aiutare a prevenire i calcoli renali

I calcoli renali sono depositi solidi di minerali e sali che si sono cristallizzati insieme nei reni.

Di solito, il fluido nelle urine impedisce che i prodotti di scarto entrino in contatto l’uno con l’altro. I calcoli renali cominciano a formarsi quando non c’è abbastanza liquido o troppo contenuto di rifiuti solidi nelle urine.

Sebbene la maggior parte dei calcoli renali si sviluppi nei reni, possono formare ovunque nel tratto urinario.

Quanto sono comuni i calcoli renali?

Secondo la National Kidney Foundation, 1 persona su 10 negli Stati Uniti sviluppa un calcolo renale durante la loro vita. Il rischio di calcoli renali è del 19% per gli uomini e del 9% per le donne.

La maggior parte degli uomini sperimenta il loro primo calcolo renale dopo i 30 anni.

Prevenzione

Un calcolo renale su uno sfondo bianco, con accanto un campione di vetro.

I ricercatori non sono ancora esattamente sicuri su come e perché avvengono i calcoli renali, sebbene siano una delle più antiche condizioni mediche conosciute per colpire gli esseri umani.

La disidratazione è considerata il più grande fattore di rischio per calcoli renali. Tuttavia, determinati alimenti e varie abitudini di vita possono aumentare il rischio di sviluppare calcoli.

Le persone che sospettano di avere calcoli renali o sono ad alto rischio di svilupparle dovrebbero consultare un medico per scoprire quale tipo di calcoli renali hanno e determinare quali alimenti o attività specifici da evitare.

Ci sono molte cose che una persona può fare per aiutare a prevenire i calcoli renali, tra cui:

1. Rimanere idratato

Quando l’urina contiene più liquido, è meno probabile che minerali e sali si raggruppino insieme e inizino a formare pietre. L’urina più scura è un segno di disidratazione. Idealmente, l’urina dovrebbe apparire leggermente gialla.

Per molte persone, gli 8 bicchieri d’acqua raccomandati al giorno non sono sufficienti. Per ridurre il rischio di calcoli renali, una persona può provare a bere almeno 12 bicchieri di liquidi al giorno.

Almeno metà del consumo di liquidi dovrebbe essere acqua pura. Le bevande caffeinate, gassate e zuccherate possono aumentare il rischio di calcoli.

2. Ridurre l’assunzione di sale

Il sodio, o sale, può causare ritenzione idrica e portare alla disidratazione. Gli adulti dovrebbero mirare a mantenere l’assunzione di sale al di sotto di 2300 milligrammi (mg) al giorno o l’equivalente di un cucchiaino di sale da cucina.

Esempi di cibi salati includono:

  • salumi o affumicati
  • pasti più confezionati o preparati
  • patatine
  • la maggior parte delle zuppe in scatola
  • più tagliatelle o contorni pronti da preparare
  • alimenti che contengono altri tipi di sodio, inclusi bicarbonato di sodio, disodio fosfato, glutammato monosodico, polvere lievitante, nitriti e nitrato di sodio

3. Mantenere un peso corporeo sano

Essere sovrappeso può stressare i reni; tuttavia, è importante perdere peso in modo sicuro. Diete con dieta a basso contenuto di carboidrati e diete ad alto contenuto di proteine ​​animali possono aumentare il rischio di calcoli renali.

4. Limitare gli alimenti con ossalato di calcio

I calcoli renali possono essere costituiti da molti diversi composti, tra cui acido urico, struvite e cisteina. Il tipo più comune di calcoli renali riguarda l’ossalato di calcio. Uno studio del 2014 che ha esaminato circa 50.000 calcoli renali ha rilevato che il 67% delle pietre era costituito prevalentemente da ossalato di calcio.

Limitare l’assunzione di ossalato è solitamente raccomandato solo per quelli ad alto rischio di calcoli renali o quelli con alti livelli di ossalato.

Il consumo di calcio con cibi ricchi di ossalato può ridurre il rischio di calcoli legando le sostanze chimiche prima che raggiungano i reni.

Gli alimenti che sono ricchi di ossalato comprendono:

  • pompelmo e succo di mirtillo
  • patate
  • semi di soia
  • spinaci
  • alcune noci, tra cui anacardi e arachidi
  • cioccolato
  • rabarbaro
  • barbabietole
  • asparago
  • la maggior parte delle bacche
  • sedano e prezzemolo
  • cereali integrali

5. Ridurre l’assunzione di alcol

L’alcol fa sì che le cellule aumentino la produzione di fluido e impediscano l’assorbimento dei liquidi, portando alla disidratazione.

6. Evitare il consumo eccessivo di caffeina

La caffeina accelera il metabolismo e può causare disidratazione. Il limite superiore raccomandato per gli adulti è di 400 milligrammi (mg) di caffeina al giorno, equivalenti a circa 4 tazze di caffè.

È importante ricordare che alcune bevande gassate, cioccolata, tè e bevande energetiche contengono caffeina.

7. Evitare le bevande zuccherate

Le bevande zuccherate, in particolare quelle contenenti sciroppo di mais ad alto contenuto di fruttosio, sono state collegate ad un aumentato rischio di calcoli renali.

8. Ottenere abbastanza calcio dietetico

Una scodella di cereali con fiocchi di crusca in cima, accanto a un bicchiere di succo d'arancia per colazione.

Mentre l’ossalato di calcio è il composto più comune nei calcoli renali, parte del calcio presente nel cibo aiuta a ridurre il rischio di calcoli.

La maggior parte dei latticini è una buona fonte di calcio. Molti altri alimenti sono fortificati con calcio, tra cui:

  • succo d’arancia
  • salsa di soia
  • pesce in scatola con ossa, come le sardine
  • tofu
  • alcuni cereali

9. Aumento dell’assunzione di acido citrico

Circa il 60% delle persone con calcoli renali presenta anche ipocitraturia o bassi livelli di acido citrico.

Buone fonti di acido citrico includono:

  • un bicchiere da 4 once di succo di limone o di lime non diluito, non zuccherato
  • un bicchiere da 8 once di succo d’arancia
  • un bicchiere da 8 once di melone o succo di mango

10. Monitoraggio dell’assunzione di cibi ad alto contenuto di acidi

L’urina altamente acida può aumentare il rischio di calcoli renali e rendere più doloroso il passaggio delle pietre.

Elevate quantità di acido nelle urine incoraggiano anche i reni a riassorbire, piuttosto che espellere, il citrato. Il citrato è un composto indicato per aiutare a scovare le pietre a base di calcio e comprometterne la crescita.

Gli alimenti ad alto contenuto di acido includono:

  • carne rossa e maiale
  • pollame
  • la maggior parte dei tipi di pesce
  • la maggior parte dei formaggi
  • uova

Gli alimenti ad alto contenuto di acido non devono essere assolutamente evitati, in quanto possono essere una buona fonte di proteine. Tuttavia, una persona dovrebbe monitorare e limitare l’assunzione di questi alimenti se si verificano frequenti calcoli renali.

11. Assunzione di integratori e vitamine

Una vasta gamma di integratori e vitamine naturali può aiutare a ridurre il rischio di calcoli renali, tra cui:

  • citrato di potassio
  • vitamina B-6, che si trova in alimenti come banane, mango, soia, avocado e halibut
  • integratori di piridossina
  • olio di pesce

Sintomi

Uomo d'affari seduto fuori, tenendo la schiena bassa nel dolore.

I piccoli calcoli renali non possono causare alcun sintomo e talvolta passare da soli senza troppi disagi. I calcoli renali da medi a grandi possono causare dolore intenso e acuto.

I sintomi di solito iniziano quando le pietre hanno iniziato a viaggiare attraverso il sistema urinario. Le pietre che si bloccano possono causare un backup delle urine, che può essere estremamente doloroso.

I sintomi comuni di calcoli renali includono:

  • dolore intenso senza sosta nella parte bassa della schiena
  • urina sanguinante
  • vomito o nausea, spesso dal dolore intenso
  • febbre e brividi
  • urina molto sgradevole o dispendiosa
  • urina nuvolosa
  • mal di stomaco dolorante che non migliora con i farmaci a base di gas

Trattamento e quando vedere un dottore

Ogni volta che una persona sospetta che un calcolo renale sia causa di dolore o disagio sostanziale, è importante consultare un medico.

Sebbene la maggior parte delle persone non abbia conseguenze a lungo termine per i calcoli renali, può essere estremamente dolorosa e richiedere un monitoraggio medico.

Nella maggior parte dei casi, il trattamento dei calcoli renali comporta un aumento dell’assunzione di liquidi, l’assunzione di farmaci antidolorifici e l’assunzione di farmaci che rendono l’urina meno acida.

In casi minori, gli individui possono essere autorizzati a tornare a casa e attendere il passaggio della pietra o delle pietre. Nei casi più gravi, può essere necessario il ricovero in ospedale.

Le pietre troppo grandi per essere passate o bloccate nel tratto urinario possono richiedere un intervento chirurgico. La chirurgia per rimuovere le pietre può anche essere necessaria se si è sviluppata un’infezione intorno ad essa.

Like this post? Please share to your friends: