Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Usi, benefici e rischi dell’aspirina

L’aspirina, o acido acetilsalicilico (ASA), è comunemente usato come antidolorifico per dolori e dolori minori e per ridurre la febbre. È anche un farmaco antinfiammatorio e può essere utilizzato come anticoagulante.

Le persone ad alto rischio di coaguli di sangue, ictus e infarto possono utilizzare l’aspirina a lungo termine a basse dosi.

L’aspirina contiene salicilato, che deriva dalla corteccia di salice. Il suo uso fu registrato per la prima volta intorno al 400 aC, ai tempi di Ippocrate, quando le persone masticarono la corteccia di salice per alleviare l’infiammazione e la febbre.

Viene spesso somministrato ai pazienti immediatamente dopo un attacco cardiaco per prevenire l’ulteriore formazione di coaguli e la morte del tessuto cardiaco.

Fatti veloci sull’aspirina

Ecco alcuni punti chiave sull’aspirina. Maggiori dettagli sono nell’articolo principale.

  • L’aspirina è uno dei farmaci più usati al mondo.
  • Deriva dal salicilato, che può essere trovato in piante come salici e mirto.
  • L’aspirina è stato il primo farmaco antinfiammatorio non steroideo (NSAID) a essere scoperto.
  • Interagisce con una serie di altri farmaci, tra cui warfarin e metotrexato.

Cos’è l’aspirina?

aspirina

L’aspirina è un farmaco antinfiammatorio non steroideo (NSAID).

I FANS sono farmaci con i seguenti effetti:

  • Analgesico: allevia il dolore senza anestesia o perdita di coscienza
  • Antipiretico: riduce la febbre
  • Anti-infiammatorio: abbassa l’infiammazione se usato in dosi più elevate

Non steroideo significa che non sono steroidi. Gli steroidi hanno spesso benefici simili, ma possono avere effetti collaterali indesiderati.

Come analgesici, i FANS tendono ad essere non narcotici. Ciò significa che non causano insensibilità o stupore. L’aspirina è stato il primo NSAID a essere scoperto.

Il salicilato sotto forma di corteccia di salice è stato utilizzato per oltre 2.000 anni. Alcune persone usano ancora la corteccia di salice come un rimedio più naturale per mal di testa e dolori e dolori minori.

L’aspirina nella sua forma attuale esiste da oltre 100 anni. È ancora uno dei farmaci più usati al mondo. Si stima che circa 35.000 tonnellate di aspirina vengano consumate ogni anno.

Aspirin è un marchio di proprietà dell’azienda farmaceutica tedesca, Bayer. Il termine generico per l’aspirina è l’acido acetilsalicilico (ASA).

usi

L’aspirina è uno dei farmaci più comunemente usati per il trattamento di dolore da lieve a moderato, emicrania e febbre.

Gli usi comuni includono mal di testa, dolori mestruali, raffreddori e influenza, distorsioni e stiramenti e condizioni a lungo termine, come l’artrite.

Per il dolore da lieve a moderato, è usato da solo. Per il dolore da moderato a severo, è spesso usato insieme ad altri analgesici oppioidi e FANS.

Ad alte dosi, può trattare o aiutare a ridurre i sintomi di:

  • febbre reumatica
  • artrite reumatica
  • altre condizioni infiammatorie articolari
  • pericardite

A basse dosi, è usato:

  • per prevenire la formazione di coaguli di sangue e ridurre il rischio di un attacco ischemico transitorio (TIA) e angina instabile
  • per prevenire l’infarto del miocardio in pazienti con malattie cardiovascolari prevenendo la formazione di coaguli
  • per prevenire un ictus, ma non per trattare un ictus
  • per prevenire il cancro del colon-retto

Aspirina e bambini

L’aspirina di solito non è adatta a persone di età inferiore a 16 anni, perché può aumentare il rischio di sindrome di Reye, che può manifestarsi dopo un virus, come raffreddore, influenza o varicella. Può portare a lesioni cerebrali permanenti o morte.

Tuttavia, uno specialista può prescrivere l’aspirina per un bambino sotto controllo se ha la malattia di Kawasaki e per prevenire la formazione di coaguli di sangue dopo un intervento chirurgico al cuore.

Generalmente vengono utilizzati acetaminofene (paracetamolo, tilenolo) e ibuprofene.

Aspirina a basso dosaggio

Una bassa dose di aspirina, a 75-81 milligrammi (mg) al giorno, può essere utilizzata come farmaco antiaggregante per prevenire la formazione di coaguli di sangue.

Questo può essere dato ai pazienti seguenti:

  • un’operazione di innesto di bypass coronarico
  • un infarto
  • un infarto
  • fibrillazione atriale
  • sindrome coronarica acuta

Alle persone può essere somministrata un’aspirina a basso dosaggio se hanno i seguenti fattori di rischio e se il medico ritiene che vi sia una possibilità di infarto o ictus:

  • alti livelli di colesterolo nel sangue
  • ipertensione o ipertensione arteriosa
  • diabete
  • fumo

Altri che possono essere consigliati di assumere aspirina a basso dosaggio includono:

  • quelli con danni alla retina o retinopatia
  • persone che hanno avuto il diabete per oltre 10 anni
  • pazienti che assumono farmaci antipertensivi

La Task Force dei servizi preventivi degli Stati Uniti (USA) attualmente consiglia l’uso giornaliero di aspirina a basso rischio per prevenire le malattie cardiovascolari e il cancro del colon-retto negli adulti di età compresa tra 50 e 59 anni che:

  • ha un rischio del 10% o superiore di malattie cardiovascolari
  • chi non ha un alto rischio di sanguinamento
  • rischiano di vivere almeno altri 10 anni
  • sono disposti a prendere la dose per almeno 10 anni

In tutti questi casi, l’individuo continuerà normalmente a prendere l’aspirina a basse dosi quotidianamente per il resto della sua vita.

Precauzioni

L’aspirina non è raccomandata per le persone che:

  • avere un’ulcera peptica
  • emofilia o qualsiasi altro disturbo emorragico
  • una nota allergia all’aspirina
  • un’allergia a qualsiasi FANS, come l’ibuprofene
  • sono a rischio di sanguinamento gastrointestinale o ictus emorragico
  • bere alcolici regolarmente
  • sono sottoposti a trattamento odontoiatrico o chirurgico, per quanto piccolo

Le persone con le seguenti condizioni dovrebbero essere caute nell’assumere l’aspirina e dovrebbero farlo solo se il medico è d’accordo:

  • asma
  • ipertensione incontrollata
  • una precedente ulcera peptica
  • problemi al fegato
  • problemi ai reni

L’aspirina non viene somministrata durante un ictus, perché non tutti i tratti sono causati da un coagulo. In alcuni casi, l’aspirina potrebbe peggiorare il colpo.

Chiunque si stia preparando per un’operazione chirurgica dovrebbe dire al proprio medico se sta assumendo regolarmente l’aspirina. Potrebbe dover interrompere l’assunzione dell’aspirina almeno 7 giorni prima dell’operazione.

I pazienti in gravidanza o in allattamento possono assumere aspirina a basso dosaggio, ma solo sotto la supervisione di un medico. L’aspirina ad alte dosi non è raccomandata.

interazioni

A volte, un farmaco può rendere un altro farmaco meno efficace, o la combinazione può aumentare il rischio per il paziente. Questa è chiamata interazione farmacologica.

I farmaci più comuni con cui l’aspirina può interagire sono:

  • Antidolorifici antinfiammatori, come diclofenac, ibuprofene, indometacina e naprossene. Questi possono aumentare il rischio di sanguinamento dello stomaco se assunto in combinazione con l’aspirina.
  • Metotrexato, utilizzato nel trattamento del cancro e alcune malattie autoimmuni. L’aspirina può rendere più difficile per il corpo eliminare il metotrexato, determinando livelli elevati e potenzialmente pericolosi di metotrexato nel corpo.
  • Antidepressivi selettivi del reuptake della serotonina (SSRI), come citalopram, fluoxetina, paroxetina, venlafaxina e sertralina. Assunti con l’aspirina, questi possono aumentare il rischio di sanguinamento.
  • Warfarin, un anticoagulante o un anticoagulante, che blocca il sangue dalla coagulazione. Se l’aspirina viene assunta con il warfarin, può ridurre gli effetti anticoagulanti del farmaco e aumentare il rischio di sanguinamento. In alcune situazioni, tuttavia, un medico può prescrivere l’aspirina insieme al warfarin.

Questi non sono gli unici farmaci che non possono essere utilizzati con l’aspirina. Chiunque prenda l’aspirina deve informare il proprio medico, poiché anche altri farmaci possono interagire.

Effetti collaterali

Gli effetti collaterali più comuni dell’aspirina sono:

  • irritazione dello stomaco o dell’intestino
  • indigestione
  • nausea

Sono possibili i seguenti effetti avversi, ma meno comuni:

  • peggioramento dei sintomi dell’asma
  • vomito
  • infiammazione dello stomaco
  • sanguinamento dello stomaco
  • ecchimosi

Un raro effetto collaterale dell’aspirina a basse dosi è l’ictus emorragico.

L’aspirina può aiutare a prevenire e trattare una serie di condizioni, ma chiunque stia prendendo l’aspirina dovrebbe prima parlare con un medico. Chiunque di età inferiore a 16 anni non dovrebbe normalmente prendere l’aspirina, tranne in casi rari e sotto controllo medico.

Like this post? Please share to your friends: