Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Uso di marijuana e schizofrenia: nuove prove suggeriscono il collegamento

Un nuovo studio, pubblicato nel, ha aggiunto al corpo delle prove che indicano un legame tra la schizofrenia e l’uso della cannabis.

[uomo che fuma marijuana]

Ricerche recenti suggeriscono che non solo le persone che sono inclini alla schizofrenia hanno maggiori probabilità di provare la cannabis, ma che la cannabis può anche aumentare il rischio di sviluppare sintomi.

Gli studi dimostrano che l’uso di cannabis è più comune tra le persone con psicosi rispetto alla popolazione generale, e che può anche aumentare il rischio di sintomi psicotici.

Il suo uso è stato collegato a sintomi di psicosi, come la paranoia e il pensiero delirante, fino al 40% degli utenti.

All’inizio di quest’anno, gli scienziati hanno avvertito che i giovani che usano la cannabis potrebbero mettersi a rischio di disturbi psicotici. Le persone con schizofrenia sembrano avere una maggiore possibilità di provare psicosi se usano la cannabis.

Precedenti avvertimenti avevano espresso preoccupazioni per le varietà particolarmente potenti di cannabis, come “skunk”, che circolano attualmente tra i giovani.

Tuttavia, i risultati non sono stati considerati definitivi e gli esperti hanno chiesto ulteriori ricerche.

I dati sul genoma rivelano il possibile collegamento

Ora, il Dr. Suzi Gage e il suo team, della School of Experimental Psychology dell’università di Bristol nel Regno Unito, hanno scoperto più prove che la cannabis può essere particolarmente pericolosa per le persone con schizofrenia, anche se evidenziano che anche altri fattori influiscono sulla salute mentale.

Fatti veloci sulla cannabis

  • Circa il 44 percento dei dodicesimi ha utilizzato la marijuana nella loro vita
  • Si stima che il 46 percento delle persone negli Stati Uniti di 26 anni e più lo abbia usato
  • Approssimativamente il 12,8 percento degli studenti dell’ottavo anno ha utilizzato il farmaco, con lo 0,7 percento che lo utilizza quotidianamente.

Scopri di più sulla marijuana

Gli autori hanno esaminato i fattori genetici che possono predire se una persona è probabile che usi la cannabis e se è probabile che sviluppino la schizofrenia. I dati sono stati presi da uno studio genomico di ampio respiro.

La tecnica di Randomizzazione Mendeliana, utilizzata per analizzare i dati, ha permesso agli autori di spiegare una serie di varianti.

Questa tecnica è stata scelta perché il team ha previsto che le persone che usano la cannabis potrebbero essere geneticamente e biologicamente diverse da quelle che non lo fanno in vari modi.

I risultati indicano che l’uso della cannabis può aumentare il rischio di schizofrenia, ma soprattutto che una persona a rischio di schizofrenia ha maggiori probabilità di usare cannabis.

Ciò può essere dovuto al fatto che i fattori genetici per la schizofrenia sono più forti di quelli per l’uso di cannabis.

Gli autori dello studio vorrebbero indagare se un legame genetico potrebbe spiegare la portata dell’uso di cannabis, perché i risultati mostrano che le persone con schizofrenia hanno maggiori probabilità di essere utilizzatori pesanti di cannabis.

ha chiesto agli autori perché le persone con un rischio di schizofrenia potrebbero essere più propensi ad usare il farmaco.

Il Prof. Marcus Munafò, un membro del team, ha ipotizzato che “determinati comportamenti o sintomi associati al rischio di schizofrenia potrebbero essere alleviati dagli effetti della cannabis”. In altre parole, l’uso di cannabis può essere una sorta di automedicazione in questa popolazione.

Una spiegazione alternativa, ha detto, è che “le persone con un rischio maggiore di schizofrenia possono godere maggiormente degli effetti psicologici della cannabis”.

“Vi è un crescente consenso sul fatto che il consumo di cannabis potrebbe aumentare il rischio di sviluppare la schizofrenia, ma i nostri risultati lo confermano, ma suggeriscono anche che quelli a maggior rischio di schizofrenia potrebbero essere più propensi a provare la cannabis in primo luogo.”

Prof. Marcu Munafò

ha chiesto ai ricercatori quale ruolo potrebbe giocare la cannabis nell’aumentare o ridurre il rischio di schizofrenia.

Il Prof. Munafò ha sottolineato che mentre sono necessari ulteriori studi, la ricerca esistente suggerisce che due dei componenti della cannabis, il tetraidrocannabinolo (THC) e il cannabidiolo (CBD), potrebbero avere un impatto.

I ruoli di CBD e THC

L’intossicazione da THC è stata associata a esperienze psicotiche transitorie. Il CBD, d’altra parte, non innesca le esperienze di alterazione della mente e potrebbe avere un potenziale come farmaco, secondo l’Istituto nazionale per l’abuso di droghe (NIDA).

La NIDA sottolinea che la maggior parte della marijuana ricreativa è alta in THC e bassa in CBD.

Il dott. Gage e colleghi prevedono che la percentuale di THC in CBD sarà probabilmente significativa nei sintomi psicotici.

Inoltre, il prof. Munafò ha detto che saranno necessari risultati da più fonti, compresi studi di laboratorio ed epidemiologici, prima che possano essere raggiunte conclusioni definitive.

I limiti dello studio includono la sovrapposizione relativamente piccola tra gli utenti di cannabis e le persone con schizofrenia in circa 1.500 persone.

Fino ad ora, ci sono stati pochi studi coerenti per confrontare gli effetti della cannabis e, di conseguenza, la valutazione dell’impatto della cannabis sulle strutture cerebrali è rimasta una sfida. Tuttavia, è stato scoperto che le persone affette da schizofrenia che usano la cannabis hanno più probabilità di essere ricoverate in ospedale rispetto a quelle con la condizione che non usano il farmaco.

Il dott. Gage manifesta l’interesse a guardare più da vicino ai sottogruppi di consumatori di cannabis più vulnerabili, al fine di ottenere una migliore comprensione di quanto l’uso pesante possa influenzare il loro benessere.

Scopri come la cannabis può essere collegata alla depressione.

Like this post? Please share to your friends: