Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Uso di paracetamolo in gravidanza legato all’autismo, ADHD nella prole

L’acetaminofene è uno dei pochissimi antidolorifici considerati generalmente sicuri da usare durante la gravidanza. Un nuovo studio, tuttavia, suggerisce che potrebbe non essere così sicuro, dopo aver identificato un legame tra esposizione prenatale al farmaco e sintomi di autismo e disturbo da deficit di attenzione e iperattività.

[Una donna incinta in possesso di un farmaco]

Lo studio, condotto da ricercatori del Centro di ricerca sull’epidemiologia ambientale (CREAL) a Barcellona, ​​in Spagna, è pubblicato nel.

Conosciuto anche come paracetamolo, il paracetamolo è uno dei farmaci da banco più comunemente usati durante la gravidanza. Circa il 65% delle donne incinte negli Stati Uniti usa il farmaco.

Tutte le donne in gravidanza dovrebbero consultare un medico prima di assumere qualsiasi farmaco, ma per la maggior parte delle future mamme, l’uso di acetaminofene è considerato sicuro. Uno studio del 2010 condotto dai Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) non ha rilevato un aumento del rischio di difetti alla nascita maggiori con l’uso di paracetamolo nel primo trimestre di gravidanza e alcuni studi hanno persino suggerito che potrebbe ridurre il rischio di difetti alla nascita.

Tuttavia, ci sono state alcune prove che l’uso di acetaminofene durante la gravidanza può interferire con lo sviluppo cerebrale della prole. Nel 2014, uno studio pubblicato ha scoperto che le future mamme che usavano il paracetamolo avevano maggiori probabilità di avere bambini con comportamenti associati al disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD).

Valutare il legame tra paracetamolo e ADHD, autismo

Per questo ultimo studio, l’autrice principale Claudia Avella-Garcia, ricercatrice presso CREAL, e colleghi hanno cercato di approfondire l’associazione tra l’uso di paracetamolo in gravidanza e l’ADHD tra la prole, così come determinare se ci potrebbe essere un legame con l’autismo.

Il team ha iscritto 2644 donne in dolce attesa al loro studio. A 12 e 32 settimane di gravidanza, le donne hanno completato un questionario, nel quale è stato chiesto se avevano usato paracetamolo nel mese precedente la gravidanza o durante la gravidanza.

Alle donne veniva anche chiesto quanto spesso avevano usato il farmaco, anche se le dosi esatte utilizzate non potevano essere valutate, poiché le madri non erano in grado di richiamarle.

Lo sviluppo neuropsicologico dell’88 per cento della progenie femminile è stato valutato all’età di 1 anno, mentre il 79,9 per cento è stato valutato all’età di 5 anni.

A 1 anno, lo sviluppo neuropsicologico dei bambini è stato valutato utilizzando il Bayley Scales of Infant Development (BSID), mentre un certo numero di test – tra cui McCarthy Scales of Children’s Abilities (MCSA) e Childhood Autism Spectrum Test (CAST) – sono stati utilizzati per valutazione a 5 anni.

Esposizione al paracetamolo prenatale legata ai sintomi dell’autismo nei ragazzi

I ricercatori hanno scoperto che il 43% dei bambini valutati all’età di 1 e 41% di quelli valutati all’età di 5 anni erano nati da madri che hanno usato acetaminofene nelle prime 32 settimane di gravidanza.

Rispetto ai bambini nati da madri che non hanno assunto acetaminofene durante la gravidanza, i ricercatori hanno scoperto che coloro le cui madri hanno usato paracetamolo nelle prime 32 settimane di gravidanza erano il 30% più probabilità a 5 anni di avere problemi di attenzione, spesso nei bambini con autismo o ADHD.

I bambini esposti prenatalmente al paracetamolo avevano anche maggiori probabilità di avere sintomi di iperattività o impulsività all’età di 5 anni. Coloro che erano stati esposti in modo persistente al farmaco si comportavano in modo peggiore durante i test di attenzione, impulsività e elaborazione della velocità visiva.

Inoltre, i ricercatori hanno scoperto che i ragazzi con esposizione prenatale al paracetamolo avevano più probabilità di presentare sintomi clinici di autismo rispetto ai ragazzi non esposti e l’incidenza di tali sintomi aumentava con l’esposizione persistente al farmaco.

Questo risultato, spiega il team, potrebbe spiegare perché i ragazzi hanno maggiori probabilità di sviluppare l’autismo rispetto alle ragazze.

“Il cervello maschile può essere più vulnerabile alle influenze dannose durante la prima infanzia”, ​​afferma Avella-Garcia. “I nostri risultati di genere diversi suggeriscono che la rottura endocrina androgenica, a cui il cervello maschile potrebbe essere più sensibile, possa spiegare l’associazione”.

Nel complesso, i ricercatori dicono che i loro risultati indicano che i bambini esposti al paracetamolo nell’utero potrebbero essere maggiormente a rischio di sintomi di autismo o ADHD.

“[…] anche se abbiamo misurato i sintomi e non le diagnosi, un aumento del numero di sintomi che un bambino ha, può influenzarlo, anche se non sono abbastanza gravi da giustificare una diagnosi clinica di un disturbo dello sviluppo neurologico.”

Claudia Avella-Garcia

‘Le donne incinte non dovrebbero essere interessate’

Mentre i ricercatori non sono in grado di individuare i meccanismi esatti con cui l’esposizione prenatale al paracetamolo può essere collegata all’autismo o all’ADHD, essi notano che il farmaco allevia il dolore prendendo di mira i recettori dei cannabinoidi nel cervello, che ha il potenziale di ridurre la connettività tra le cellule nervose.

“Può anche influenzare lo sviluppo del sistema immunitario, o essere direttamente tossico per alcuni feti che potrebbero non avere la stessa capacità di un adulto di metabolizzare questo farmaco, o creando stress ossidativo”, dice il co-autore dello studio Dr. Jordi Júlvez , anche ricercatore presso CREAL.

I ricercatori concludono che sono necessari ulteriori studi per ottenere una migliore comprensione di come il paracetamolo possa influenzare lo sviluppo del cervello fetale.

È probabile che i risultati preoccupino le future mamme, ma il dott. James Cusack, direttore della scienza presso l’Autistica – un ente umanitario britannico specializzato nell’autismo – insiste che le donne non dovrebbero preoccuparsi di prendere il farmaco durante la gravidanza.

“Questo documento non fornisce prove sufficienti per sostenere l’affermazione che esiste una forte associazione tra l’uso di paracetamolo e la presentazione dei sintomi di autismo”, ha detto. “I risultati presentati sono preliminari nella loro natura, e quindi non dovrebbero riguardare le famiglie o le donne incinte”.

“Come affermano correttamente gli autori, è necessaria più ricerca, con un controllo accurato per altri fattori, per capire se esiste un collegamento”.

Scopri come l’esposizione al paracetamolo prenatale può aumentare il rischio di asma.

Like this post? Please share to your friends: