Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Vaccino contro la varicella efficace a lungo

La varicella, l’infezione infantile delle generazioni precedenti, è stata recentemente neutralizzata dal vaccino contro la varicella – un vaccino che ha dimostrato un’efficacia a lungo termine contro la malattia, secondo un nuovo studio del Kaiser Permanente Vaccine Study Center.

I risultati dello studio, pubblicati sulla rivista Pediatrics, erano basati su uno studio di 14 anni composto da 7.585 bambini di età compresa tra 12 e 23 mesi.

I ricercatori hanno mirato a esaminare l’efficacia a lungo termine del vaccino e la sua influenza sull’epidemiologia della varicella (varicella) e dell’herpes zoster (fuoco di Sant’Antonio). Inoltre, hanno esaminato i risultati di una seconda dose di vaccino della varicella, che è diventato disponibile nel 2006.

Il vaccino della varicella è efficace nel tempo

Il vaccino contro la varicella è diventato autorizzato negli Stati Uniti nel 1995 ed è stato poi proposto per l’uso regolare ai bambini dal comitato consultivo sulle pratiche di immunizzazione. Prima di questo, la varicella era diffusa in tutto il mondo – con oltre il 90% degli adolescenti che si erano infettati prima dei 20 anni.

Lungo il periodo di follow-up, il tasso di prevalenza della varicella in questa coorte era da 9 a 10 volte inferiore rispetto ai tassi corrispondenti nei bambini della stessa età che non erano stati vaccinati prima che il vaccino entrasse nel mercato.

Ciò significa che il vaccino della varicella ha un tasso di efficacia totale di quasi il 90 percento.

Randy Bergen, MD, capo della pediatra ambulatoriale presso il Walnut Creek Medical Center di Kaiser Permanente e un consulente di malattie infettive pediatriche, ha dichiarato:

“Chiaramente, il vaccino è uno strumento molto efficace per prevenire o limitare la gravità della varicella tra i giovani: come per ogni vaccino, tuttavia, il tasso di vaccinazione ha un enorme impatto sull’efficacia: più bambini vaccinati, più efficace è il Il vaccino è per l’intera comunità.In Kaiser Permanente, il nostro utilizzo di una cartella clinica elettronica completa, Kaiser Permanente HealthConnect®, ci consente di identificare rapidamente i bambini nelle fasce d’età target che non sono stati vaccinati e di contattare i loro genitori per Garantire che ottengano i colpi. Mantenere alti i tassi di vaccinazione conferisce benefici alla comunità nel suo complesso perché ci sono meno bambini che possono contrarre e diffondere il virus “.
All’interno della coorte di studio, nei 14 anni successivi alla vaccinazione contro la varicella, sono stati riportati un totale di 1.505 casi di varicella segnalati. I “casi eccezionali” sono etichettati in questo modo perché avvengono anche se un bambino ha ottenuto il vaccino contro la varicella.

I casi di varicella erano classificati in:

  • lieve – meno di 50 lesioni
  • moderato – da 51 a 300 lesioni
  • grave – oltre 300 lesioni

Seconda dose di vaccino ancora più efficace

Solo pochi casi erano gravi, tuttavia, prima dell’era della vaccinazione, la maggior parte dei bambini presentava sintomi gravi. Prevenzione della varicella da moderata a grave è stata raggiunta con successo dopo una dose di vaccino della varicella – nessun caso è stato documentato dopo la seconda dose.

Questi vaccini aiutano a proteggere i bambini piccoli quando entrano in contatto con bambini vaccinati, secondo una precedente ricerca del CDC nel 2011.

La prevalenza di varicella svolta nel tempo è diminuita e non si è osservato alcun aumento durante il periodo di follow-up di 14 anni.

L’evidente aumento del successo del vaccino nel tempo, secondo l’autore principale Roger Baxter, MD, co-direttore del Kaiser Permanente Vaccine Study Center, “è probabilmente il risultato del fallimento del vaccino precoce, mentre le scoperte sono diventate rare a causa dell’elevata efficacia del vaccino sia direttamente che attraverso l’immunità della mandria “.

La costante diminuzione dei tassi di sfondamento registrata nel 2008 e nel 2009 potrebbe essere dovuta alla somministrazione della seconda dose nel 2006, hanno suggerito i ricercatori. La seconda dose di varicella viene normalmente somministrata tra i 4 e i 6 anni.

Tuttavia, i ricercatori sottolineano che, se somministrati prima dopo la prima dose, potrebbe essere più vantaggioso, fornendo maggiore protezione.

Uno studio separato condotto dai ricercatori della Yale University nel 2011 ha dimostrato che le dosi doppie del vaccino contro la varicella sono risultate più efficaci di una.

Il rischio di herpes zoster, spesso noto come fuoco di Sant’Antonio, non era elevato nei bambini vaccinati ed è stato visto essere ridotto nei bambini vaccinati rispetto all’era pre-vaccino. Tra la coorte, ci sono stati 46 casi di herpes zoster – mostrando un calo del 40 per cento circa dell’incidenza di herpes zoster nei bambini vaccinati.

Nel luglio del 2011, uno studio del National Center for Immunization and Respiratory Diseases ha riportato che la varicella potrebbe presto essere sradicata negli Stati Uniti. Il loro studio ha dimostrato che le morti per malattia da quando il vaccino ha iniziato a circolare sono state ridotte a zero.

Scritto da Kelly Fitzgerald

Like this post? Please share to your friends: