Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Vaccino della malattia di Lyme

La malattia di Lyme è un’infezione batterica, diffusa dalle zecche. La malattia colpisce molte migliaia di americani ogni anno. Nonostante la sua prevalenza e anni di ricerca, la ricerca di un vaccino contro la malattia di Lyme è in corso.

LYMErix, il primo e l’ultimo vaccino contro la malattia di Lyme che è stato autorizzato e approvato dalla Food and Drug Administration (FDA), è stato ritirato dal mercato nel 2002.

Da allora, sono proseguite ricerche e studi sulla malattia e sui potenziali vaccini, ma non è stato presentato un altro vaccino per la malattia di Lyme commercialmente disponibile al pubblico.

Fatti veloci sul vaccino contro la malattia di Lyme

Ecco alcuni punti chiave sul vaccino contro la malattia di Lyme. Maggiori dettagli e informazioni di supporto sono nell’articolo principale.

  • La malattia di Lyme è diffusa dalla zecca, Borrelia burgdorferi
  • LYMErix è l’unico vaccino ad essere stato approvato per la malattia di Lyme
  • Gli scienziati stanno ancora affrontando il problema del vaccino da un certo numero di angolazioni

Qual è la malattia di Lyme?

[Zecca della malattia di Lyme]

La malattia di Lyme si contrae attraverso la puntura di un segno di zecca zampe nere infetto dal batterio Borrelia burgdorferi.

Chiamata anche Borreliosi di Lyme, la malattia di Lyme è la più comune malattia trasmessa da vettori, o trasmessa da zecche, negli Stati Uniti.

Secondo i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC), oltre 30.000 casi sono segnalati ogni anno. Questa cifra non riflette la portata completa della malattia poiché alcuni casi non vengono segnalati.

Il CDC suggerisce che il numero di persone diagnosticate con la malattia di Lyme ogni anno è di circa 300.000.

I primi sintomi di Lyme comprendono febbre, brividi, stanchezza e altri sintomi simil-influenzali. Successivamente, i sintomi possono evolvere in mal di testa, artriti, paralisi facciali (perdita di controllo muscolare a parte del viso), ritmi cardiaci irregolari, infiammazione del cervello e del midollo spinale e problemi di memoria.

Prendere provvedimenti per evitare di essere morsi dalle zecche può aiutare a prevenire la malattia di Lyme e, è curabile con gli antibiotici. Tuttavia, la malattia può portare a gravi complicazioni se non viene diagnosticata precocemente o se non viene curata.

Vaccino della malattia di Lyme

Negli anni ’90, GlaxoSmithKline, conosciuta come SmithKline Beecham (SKB) all’epoca, sviluppò un vaccino basato sulla proteina di superficie esterna A (OspA), una proteina presente sulla superficie cellulare del batterio di B. burgdorferi. Il vaccino aumenta la produzione di anticorpi contro OspA; mira al batterio all’interno del segno di spunta piuttosto che all’essere umano.

Quando una zecca morde una persona vaccinata, il sangue pieno di anticorpi entra nel segno di spunta e uccide il batterio prima che possa essere trasmesso alla persona.

Il vaccino SKB, denominato LYMErix, è stato sottoposto a studi clinici di fase 3 ed è stato infine approvato dalla FDA nel 1998. LYMErix è stato somministrato a persone in tre dosi ed è risultato essere efficace all’80 percento circa nella prevenzione della malattia di Lyme.

Non molto tempo dopo la sua liberazione, il vaccino è stato accolto con una reazione pubblica quando sono emerse segnalazioni di reazioni avverse. SKB ha ricevuto un’azione legale collettiva da uno studio legale di Filadelfia che ha rappresentato oltre un centinaio di persone che hanno affermato di aver avuto reazioni avverse al vaccino. Citando la bassa domanda e diminuendo le vendite come motivo, SKB alla fine ha ritirato LYMErix dal mercato nel 2002.

Sebbene LYMErix sia stato il primo e l’ultimo vaccino contro la malattia di Lyme approvato dalla FDA, non è stato l’unico a essere sviluppato.

Più o meno nello stesso periodo in cui SKB ha creato LYMErix, Pasteur Merieux Connaught ha anche prodotto il proprio vaccino basato su OspA. Anche il vaccino, ImuLyme, è stato sottoposto a studi clinici di fase 3, ma l’azienda ha deciso di non richiedere l’approvazione regolamentare senza rivelare le ragioni.

Altre ricerche

Dopo il ritiro di LYMErix dal mercato, Erol Fikrig, uno dei medici che ha contribuito allo sviluppo del vaccino, ha provato un approccio diverso.

Si concentrò sulla saliva della zecca e trovò un modo per bloccare la trasmissione del batterio di B. burgdorferi e potenzialmente anche altri batteri. Nel 2009, Fikrig e il suo gruppo di ricerca hanno pubblicato i risultati dei loro studi sui topi di.

Nel 2013, i ricercatori della Stony Brook University, Brookhaven National Laboratory, NY e Baxter International Inc., IL, hanno pubblicato i risultati delle loro prove su un altro vaccino basato su OspA.

[Segno zodiacale nero]

Il gruppo ha condotto studi clinici in Germania e Austria e ha somministrato il vaccino a 300 partecipanti. Vi sono state solo alcune lievi reazioni avverse e nessun evento avverso grave correlato al vaccino.

I ricercatori devono ancora condurre studi di efficacia del vaccino.

Nel 2015, MassBiologics, un produttore di vaccini senza fini di lucro presso la University of Massachusetts Medical School, ha presentato le loro ricerche sulla profilassi pre-esposizione.

Il loro vaccino ha il potenziale per prevenire l’infezione della malattia di Lyme e proteggere la persona vaccinata per circa 6 mesi, giusto il tempo necessario per superare il periodo di rischio di infezione. Il laboratorio sta cercando di fare ulteriori ricerche e ulteriori test, compresi gli studi sull’uomo.

Un altro progetto degno di nota per studiare i potenziali vaccini contro la malattia di Lyme è diretto dal dott. Richard Marconi della Virginia Commonwealth University School of Medicine.

Il team del Dr. Marconi sta sviluppando un vaccino basato su OspC, un’altra proteina di superficie, simile a OspA. Questo vaccino non richiede i ripetitori regolari che il vaccino OspA si basa per rimanere attivo. Finora, il vaccino è stato sperimentato nei cani e ha fornito risultati promettenti.

Sebbene medici e scienziati continuino le loro ricerche sui metodi per combattere la malattia di Lyme, non ci sono notizie di alcun prototipo di vaccino che sembra prossimo all’approvazione.

Like this post? Please share to your friends: