Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Veleno d’api distrugge le cellule circostanti l’HIV e le parti di ricambio

Nanoparticelle contenenti veleno d’api tossina melittina possono distruggere il virus dell’immunodeficienza umana (HIV) mentre allo stesso tempo lasciano incolume le cellule circostanti, gli scienziati della Scuola di Medicina dell’Università di Washington hanno riportato nel numero di marzo 2013 di Antiviral Therapy.

I ricercatori hanno detto che la loro scoperta è un passo importante verso la creazione di un gel vaginale in grado di prevenire la diffusione dell’HIV. L’HIV è il virus che causa l’AIDS.

Joshua L. Hood, MD, PhD, un istruttore di ricerca in medicina, ha dichiarato:

“La nostra speranza è che nei luoghi in cui l’HIV sta dilagando, le persone potrebbero usare questo gel come misura preventiva per fermare l’infezione iniziale”.

La melittina distrugge alcuni virus e cellule tumorali maligne

La melittina è una potente tossina che si trova nel veleno delle api. Può bucare i buchi dell’involucro protettivo virale che circonda il virus dell’immunodeficienza umana, così come altri virus. La melittina libera in quantità sufficientemente grandi può causare danni considerevoli.

L’autore senior, Samuel A. Wickline, MD, J. Russell Hornsby, professore di scienze biomediche, ha dimostrato che le nanoparticelle caricate con melittina hanno proprietà anti-cancro e hanno la capacità di uccidere le cellule tumorali. Il collegamento tra veleno d’api e terapie antitumorali non è nuovo, nel 2004 gli scienziati croati hanno riportato nel Journal of the Science of Food and Agriculture che i prodotti a base di miele, incluso il veleno, potrebbero benissimo avere applicazioni nel trattamento e nella prevenzione del cancro.

Le cellule normali rimangono intatte – gli scienziati hanno dimostrato che le nanoparticelle caricate con melittina non danneggiano le cellule normali e sane. I paraurti protettivi sono stati aggiunti alla superficie delle nanoparticelle, in modo che quando entrano in contatto con le cellule normali (che tendono ad essere molto più grandi), le nanoparticelle rimbalzano invece di attaccarsi.

Un'ape
Gli scienziati hanno scoperto una potente tossina nel veleno delle api che potrebbe finire per giocare un ruolo cruciale nella prevenzione della diffusione dell’HIV. L’HIV è molto più piccolo delle nanoparticelle e si inserisce tra i paraurti. Quando l’HIV si imbatte in una nanoparticella, passa tra i paraurti e entra in contatto diretto con la sua superficie, che è rivestita dalla tossina delle api, che la distrugge.

Hood ha spiegato “Melittina sulle nanoparticelle si fonde con l’involucro virale.La melittina forma piccoli complessi di attacco simili a pori e rompe la busta, togliendola dal virus”.

Mentre la maggior parte dei farmaci anti-HIV agisce inibendo la capacità del virus di replicarsi, questo attacca una parte vitale della sua struttura. Il problema con l’attaccare la capacità di replicare di un agente patogeno è che non gli impedisce di iniziare un’infezione. Alcuni ceppi di HIV hanno trovato il modo di aggirare i farmaci che inibiscono la replicazione e si riproducono a prescindere.

Hood ha detto:

“Stiamo attaccando una proprietà fisica intrinseca dell’HIV. In teoria, non c’è alcun modo per il virus di adattarsi a questo: il virus deve avere un rivestimento protettivo, una membrana a doppio strato che copre il virus”.

Le nanoparticelle di melitina possono prevenire e curare le infezioni da HIV esistenti

Hood crede che le nanoparticelle caricate con melitina abbiano il potenziale per due tipi di terapie:

  • Un gel vaginale per prevenire la diffusione dell’infezione da HIV
  • Terapia per le attuali infezioni da HIV, in particolare quelle resistenti ai farmaci

In teoria, se le nanoparticelle sono state iniettate nel sangue del paziente, dovrebbero essere in grado di liberare il sangue dall’HIV.

Hood ha detto “La particella di base che stiamo usando in questi esperimenti è stata sviluppata molti anni fa come un prodotto di sangue artificiale.Non ha funzionato molto bene per fornire ossigeno, ma circola in modo sicuro nel corpo e ci dà una bella piattaforma che noi può adattarsi a combattere diversi tipi di infezioni “.

La melittina attacca le membrane a doppio strato in modo indiscriminato, rendendolo un potenziale per terapie farmacologiche che vanno oltre le infezioni da HIV. I virus dell’epatite B e C, tra molti altri, si affidano allo stesso tipo di involucro protettivo e potrebbero essere mirati e distrutti somministrando nanoparticelle caricate con melitina.

Il gel ha anche il potenziale per indirizzare lo sperma, hanno spiegato i ricercatori, rendendolo un possibile farmaco contraccettivo. Lo studio, tuttavia, non ha preso in considerazione la contraccezione.

Hood ci ha detto “Anche noi stiamo osservando questo per le coppie in cui solo uno dei partner ha l’HIV, e vogliono avere un bambino. Queste particelle di per sé sono in realtà molto sicure per lo sperma, per lo stesso motivo per cui sono sicure per le cellule vaginali. “

Questo studio è stato condotto su cellule in un ambiente di laboratorio. Tuttavia, le nanoparticelle sono facili da produrre – abbastanza di loro potrebbero essere facilmente fornite per futuri studi sull’uomo.

Ricerche recenti sull’HIV

Negli ultimi anni, gli scienziati hanno compiuto passi da gigante nel miglioramento dei trattamenti per l’HIV / AIDS e delle strategie di prevenzione.

Baby “funzionalmente guarita” dall’infezione da HIV – ricercatori del Johns Hopkins Children’s Center, dell’Università del Mississippi Medical Center e della University of Massachusetts Medical School hanno riferito che un bambino a cui era stata somministrata la terapia antiretrovirale trenta ore dopo la nascita era “funzionalmente guarito”. Una cura funzionale significa che non vi è alcuna replicazione virale rilevabile dopo l’interruzione della terapia retrovirale.

Aumentare i trattamenti antiretrovirali anti-HIV ha un costo extra – gli investigatori dell’Università di Harvard, USA, hanno riferito che aumentare il trattamento antiretrovirale HIV in una remota provincia del Sud Africa (KwaZulu-Natal) riduce il rischio di trasmettere l’HIV a partner sessuali del 96%.

Scritto da Christian Nordqvist

Like this post? Please share to your friends: