Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Vi siete mai chiesti perché il graffio rende il prurito peggiore?

Scratching un prurito fa sì che il cervello rilasci la serotonina del neurotrasmettitore che regola l’umore e il controllo del dolore, secondo una nuova ricerca della Washington University School of Medicine di St. Louis, MO. I ricercatori suggeriscono che la serotonina ha l’effetto di intensificare la sensazione di prurito.

uomo che graffia

Gli scienziati sanno da precedenti studi che una leggera quantità di dolore nella pelle è causata da graffi, che interferiscono temporaneamente con la sensazione di prurito. Questa interferenza avviene perché, mentre si gratta, le cellule nervose del midollo spinale trasmettono segnali dolorosi al cervello anziché segnali di prurito.

“Il problema è che quando il cervello riceve quei segnali di dolore, risponde producendo la serotonina del neurotrasmettitore per aiutare a controllare quel dolore”, dice il ricercatore senior Dr. Zhou-Feng Chen, PhD, direttore del Centro per lo studio del prurito dell’Università di Washington.

Il dottor Chen e il team hanno scoperto che la serotonina ha un effetto confuso sulla sensazione di dolore e prurito, per cui, mentre la serotonina si diffonde dal cervello al midollo spinale, i neuroni sensoriali del dolore influenzano invece l’intensità del prurito.

Sulla base delle nostre esperienze di eczema cronico, ha chiesto al Dott. Chen se il team ha trovato qualche prova che la serotonina abbia guidato il ciclo prurito fornendo una sensazione di “gratificazione” quando si gratta.

“Nella condizione di prurito cronico, come hai avuto esperienza, probabilmente non ottieni molto gratificazione / piacere dal graffio, perché l’obiettivo del graffio è creare dolore per inibire il prurito”, ha risposto il dottor Chen. “Quindi, in altre parole, sei costretto a scegliere il minore dei due mali, perché il dolore e il prurito sono antagonisti.”

Lui continua:

“Il graffio incessante non è dovuto alla sensazione additiva, è perché il tuo graffio non funziona. Il motivo è che, almeno dai nostri studi sui topi, quando si gratta per creare dolore, il cervello in risposta inizia a produrre più serotonina per inibire dolore (il cervello non vuole avere dolore nel tuo corpo). Quello che abbiamo scoperto è che mentre la serotonina inibisce il prurito, può anche attivare il recettore del prurito e fare più prurito. “

“Ora più prurito provi, più dolore vorresti creare per contrastarlo”, spiega. “Il risultato è più prurito …”

I ricercatori hanno allevato topi che mancavano dei geni necessari per la produzione di serotonina. Quando i topi senza serotonina sono stati iniettati con una sostanza che normalmente causerebbe prurito, i ricercatori hanno scoperto che i topi non hanno scalfito tanto quanto un gruppo di controllo di topi con i geni che producono la serotonina.

Successivamente, i topi a cui mancavano i geni della serotonina venivano iniettati con serotonina. La serotonina iniettata ha causato la scalfittura dei topi in modo coerente con il gruppo di controllo.

Il team ha preso in considerazione approcci diversi che potrebbero essere utili per ridurre al minimo la sensazione di prurito. Hanno escluso la soppressione della serotonina perché – anche se questo ha reso i topi meno sensibili al prurito – la serotonina è una sostanza chimica troppo preziosa nel corpo.

La crescita, l’invecchiamento, il metabolismo osseo, l’umore e il dolore sono tutti regolati dalla serotonina, quindi bloccare questo neurotrasmettitore avrebbe conseguenze in tutto il corpo. Invece, il team ha focalizzato la loro attenzione sull’interruzione della comunicazione tra la serotonina e le cellule nervose nel midollo spinale che trasmettono l’impulso pruriginoso dal cervello alla pelle.

La serotonina attiva i neuroni GRPR attraverso il recettore 5HT1A

Il dottor Chen e colleghi hanno lavorato per isolare il recettore utilizzato dalla serotonina per attivare queste cellule – chiamate neuroni GRPR. Hanno raggiunto questo risultato stimolando il prurito nei topi usando la sostanza iniettata e poi attivato sistematicamente diverse combinazioni di recettori della serotonina sui neuroni GRPR.

topo

Alla fine, questo processo ha rivelato che il recettore 5HT1A ha attivato il prurito dei neuroni GRPR nel midollo spinale. Per stabilire che il 5HT1A fosse il recettore corretto, il team ha somministrato un composto per bloccare questo recettore nei topi, il che ha provocato una riduzione dei topi molto meno.

Poiché il team ha deciso di non bloccare la serotonina come opzione terapeutica a causa delle conseguenze diffuse che la sua inibizione avrebbe avuto per il corpo, abbiamo chiesto al Dr. Chen quali conseguenze potrebbe avere il blocco 5HT1A.

“5HT1A è ampiamente espresso nel cervello, sì, bloccandolo potrebbe avere effetti negativi”, ha risposto. “Questo sarà scoperto con studi clinici sul fatto che gli effetti avversi sono tollerabili.”

Tuttavia, il Dr. Chen suggerisce che, quando il prurito non è presente, “5HT1A in altre aree del cervello potrebbe non essere molto attivo”, mentre in una situazione di prurito cronico, l’attività 5HT1A potrebbe essere “più forte nel midollo spinale, quindi bloccare la sua attività potrebbe avere il beneficio di cui hai bisogno. “

Sulla base delle scoperte del team, il dottor Chen identifica il ciclo del dolore pruriginoso come accadendo in questo ordine:

  • Innanzitutto, graffiare provoca una sensazione di dolore
  • Quindi il corpo fa più serotonina per controllare il dolore
  • Oltre a inibire il dolore, la serotonina attiva i neuroni GRPR attraverso i recettori 5HT1A
  • I neuroni GRPR attivati ​​poi peggiorano la sensazione di prurito.

Successivamente, il team continuerà a lavorare per comprendere meglio i meccanismi molecolari e cellulari coinvolti in questo ciclo.

Like this post? Please share to your friends: