Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Virus del Nilo occidentale: sintomi, prevenzione e trattamento

West Nile Virus (WNV) è un’infezione virale potenzialmente pericolosa per la vita.

Può passare agli animali e agli esseri umani se vengono morsi da una zanzara infetta

WNV è un virus della famiglia Flaviviridae, che include i virus responsabili dell’encefalite giapponese e della dengue.

Colpisce principalmente gli uccelli, ma può anche essere sperimentato da mammiferi e rettili.

Tra il 70 e l’80% delle persone non ha sintomi. Fino all’uno per cento di coloro che si ammalano ha complicanze gravi e potenzialmente fatali.

Il virus del Nilo occidentale (WNV) esisteva solo nelle zone temperate e tropicali, ma nel 1999 le infezioni sono apparse a New York. Da allora si è diffuso in gran parte degli Stati Uniti (Stati Uniti) ed è una malattia soggetta a denuncia.

Fatti veloci su West Nile Virus

Ecco alcuni punti chiave su West Nile Virus (WNV). Maggiori dettagli sono nell’articolo principale.

  • Le zanzare trasmettono il WNV dagli uccelli agli umani.
  • WNV in precedenza non esisteva negli Stati Uniti, ma nel 1999 alcuni casi importati hanno provocato un’epidemia.
  • Circa l’80% delle persone non ha sintomi, ma fino all’1% dei casi il virus può portare a complicazioni neurologiche potenzialmente letali.
  • Il modo migliore per prevenire WNV è evitare le punture di zanzara.

segni e sintomi

West Nile Virus

Il WNV può colpire l’uomo in tre modi diversi:

  • Infezione asintomatica: in circa l’80% dei casi non ci sono segni o sintomi.
  • West Nile Fever: circa il 20% delle persone soffre di una lieve sindrome febbrile.
  • Malattia neuroinvasiva: circa l’1% dei pazienti sviluppa complicanze nel sistema nervoso centrale (SNC) che colpiscono il cervello e la colonna vertebrale.

Febbre del Nilo occidentale

I sintomi compaiono da 2 a 8 giorni dopo l’infezione. Questo è noto come il periodo di incubazione.

Possono includere:

  • mal di schiena e dolori muscolari
  • febbre e sudorazione eccessiva
  • diarrea, nausea, vomito e perdita di appetito
  • sonnolenza
  • mal di testa
  • eruzione cutanea
  • linfonodi ingrossati o ghiandole

Questi sintomi si risolvono entro 7-10 giorni. L’affaticamento può persistere per diverse settimane, mentre le ghiandole possono essere gonfie fino a 2 mesi.

Malattia neuroinvasiva

Circa l’1% degli individui infetti sviluppa infezioni neurologiche più gravi e circa il 10% di questi casi è fatale.

Possibili complicazioni sono:

  • Encefalite: infiammazione del cervello
  • Meningite: infiammazione dei tessuti che circondano il cervello e il midollo spinale
  • Mielite, o poliomielite del Nilo occidentale: infiammazione del midollo spinale
  • Paralisi acuta flaccida: improvvisa debolezza delle braccia, delle gambe e dei muscoli respiratori.

Segni e sintomi possono includere:

  • confusione e disorientamento
  • convulsioni
  • febbre alta
  • muscolo spasmi
  • dolore
  • Sintomi simil-malattia di Parkinson, inclusi tremori
  • debolezza improvvisa, scarsa coordinazione e parziale paralisi
  • forte mal di testa
  • torcicollo
  • stupore
  • coma

Le persone più a rischio sono le persone di età superiore a 60 anni e quelle con condizioni esistenti, come malattie renali, diabete, cancro e condizioni che indeboliscono il sistema immunitario.

Alcuni effetti neurologici possono essere permanenti.

Cause e fattori di rischio

Il pettirosso americano è uno dei principali responsabili della presenza di WNV negli Stati Uniti.

Gli uccelli infetti hanno alti livelli del virus. Negli Stati Uniti, il pettirosso americano e il corvo americano sono vettori comuni.

Se una zanzara morde un uccello infetto, e quindi morde una persona, il virus entrerà nel flusso sanguigno di quell’individuo.

La zanzara di Culex Pipiens è nota per trasmettere WNV negli Stati Uniti.

Resta sconosciuto esattamente come funziona il virus. WNV entra nel flusso sanguigno e si riproduce, e talvolta può attraversare la barriera emato-encefalica per causare infiammazione nel cervello.

La trasmissione è possibile anche attraverso:

  • Trasfusioni di sangue: le autorità sanitarie ora esaminano i pazienti per WNV prima di accettare una trasfusione.
  • Trapianti di organi: secondo i Centers for Disease Control and Prevention, alcuni centri testano donatori di organi per WNV, mentre altri no.
  • Gravidanza: una madre infetta può infettare il suo feto, ma il rischio è molto basso.
  • Allattamento al seno: esiste una piccolissima possibilità di trasmettere il virus attraverso il latte materno, ma il rischio è talmente piccolo che i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) consigliano alle madri di continuare l’allattamento.

Fattori di rischio

Alcuni fattori aumentano il rischio di infezione.

Stagioni: nelle aree temperate, WNV inizia ad apparire all’inizio della primavera. Le infezioni raggiungono il picco a fine estate e all’inizio dell’autunno. Nelle aree tropicali e subtropicali, esiste un rischio di infezione per tutto l’anno.

Ubicazione: vivere o visitare un’area nota per avere WNV aumenta il rischio di infezione. Negli Stati Uniti, questo include tutti gli stati ad eccezione dell’Alaska e delle Hawaii.

Esposizione alle zanzare: trascorrere più tempo all’aperto aumenta la possibilità di infezione dopo essere stato morso da una zanzara infetta.

Lavoro di laboratorio: l’infezione può verificarsi nei laboratori in cui è presente WNV.

West Nile Virus negli Stati Uniti.

Virus del Nilo occidentale notificabile

Negli Stati Uniti, WNV è una malattia notificabile. Ciò significa che tutti i casi devono essere segnalati alle autorità.

Nel 1999, il WNV è stato importato negli Stati Uniti, provocando un “focolaio ampio e drammatico”, secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS).

Da allora, sono stati segnalati circa 44.000 casi. Di questi, oltre 20.000 persone con WNV hanno sviluppato complicanze neuroinvasive e oltre 1.900 sono morti.

Nel 1999, sono stati segnalati un totale di 62 casi, inclusi 7 decessi, un tasso di mortalità dell’11%. Entro il 2015, ci sono stati 2175 casi e 146 decessi, o un tasso di mortalità del 7%.

Il più alto numero di casi è stato nel 2003, a 9.862, e il più alto tasso di mortalità è stato nel 2001, al 15%.

Dal 2016 al 17 gennaio 2017, sono state segnalate a 2.038 persone il WNV.Il 56% di queste malattie neuroinvasive sviluppate, come la meningite.

Diagnosi

Il medico chiederà sintomi e effettuerà un esame fisico.

I seguenti test diagnostici possono essere ordinati:

  • Esame del sangue: questo potrebbe rivelare livelli di anticorpi superiori al normale a WNV. Può essere fatto un esame emocromocitometrico completo.
  • TAC o risonanza magnetica della testa: questo a volte può rivelare l’infiammazione e il gonfiore del cervello.
  • Puntura lombare o spinale: questo può diagnosticare la meningite.

In una puntura lombare, viene estratto il liquido cerebrospinale dal cervello e dal midollo spinale. Un ago viene inserito tra le vertebre inferiori della colonna vertebrale. Un alto livello di globuli bianchi suggerisce un’infezione.

Trattamento

La maggior parte dei pazienti effettua un recupero completo senza cure mediche. Trattamenti over-the-counter (OTC) possono aiutare con sollievo dai sintomi.

I sintomi severi richiederanno il ricovero in ospedale e il trattamento di supporto, come l’assistenza con la respirazione e i liquidi per via endovenosa.

Prevenzione

Al momento non esiste un vaccino disponibile per la protezione contro WNV.

Gli esseri umani non possono trasmettere la malattia, quindi la migliore prevenzione è evitare di essere morsi dalle zanzare.

Le cose da considerare includono:

  • Abbigliamento: Coprire più pelle possibile. Indossa camicie a maniche lunghe, pantaloni lunghi, calze alte e un cappello. Alcune persone infilano il fondo dei pantaloni nelle loro calze.
  • Repellenti antizanzare: utilizzare uno con almeno il 10 percento di concentrazione di DEET. DEET non deve essere usato su bambini piccoli e il repellente per insetti non deve essere usato su bambini al di sotto dei 2 mesi.
  • Trappole, reti e zanzariere per zanzare: mantenere gli schermi su porte e finestre e avere reti su letti e passeggini per bambini. Assicurarsi che non ci siano buchi.
  • Odore: evitare saponi e profumi molto profumati, in quanto questi possono attrarre le zanzare.
  • Camping: Trattare vestiti, scarpe e attrezzatura da campeggio in anticipo con permetrina. I vestiti appositamente trattati sono disponibili in alcuni negozi.
  • L’ora del giorno: le zanzare sono più abbondanti all’alba e al tramonto.
  • Acqua stagnante: le zanzare si riproducono in acque pulite e stagnanti.

Per ridurre il rischio di WNV a causa di acqua stagnante:

  • Controlla e rimuovi l’acqua stagnante da casa e evita il campeggio vicino a laghi e stagni.
  • Girare secchi e annaffiatoi e riporli sotto il riparo può impedire che si riempiano d’acqua.
  • Rimuovere l’acqua dalle piastre del vaso della pianta, o evitare di usarle, se possibile. Allenta il terreno duro dalle piante in vaso per evitare che le pozzanghere si sviluppino sulla superficie.
  • Cambiare l’acqua in vasi di fiori ogni due giorni, e strofinare e risciacquare l’interno del vaso accuratamente ogni volta.
  • Non lasciare che le foglie causino pozzanghere.

Per rimuovere le uova di zanzare, pulire accuratamente e strofinare pentole, secchi e altri contenitori.

Mantenere i canali di scolo non bloccati e non coprirli con piante o altri oggetti.

Coprire trappole per burroni di uso raro, utilizzare trappole non perforate e installare valvole anti-zanzare.

Non mettere recipienti sotto o sopra le unità di condizionamento dell’aria.

Insieme a riportare eventuali uccelli morti alle autorità, queste misure possono aiutare a prevenire il WNV nella comunità più ampia.

Like this post? Please share to your friends: