Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Virus Zika: sintomi, fatti e diagnosi

Il virus Zika è una malattia trasmessa dalle zanzare che viene diffusa dalla zanzara, la stessa specie che trasmette i virus della dengue e del chikungunya.

A differenza delle zanzare portatrici di malaria, è molto attivo durante il giorno. I metodi di prevenzione della barriera, come le zanzariere, sono meno efficaci. Le zanzare possono sopravvivere in ambienti sia interni che esterni.

Diverse specie di possono trasmettere Zika. Le principali sono la zanzara tigre asiatica o asiatica e la zanzara della febbre gialla.

Il virus Zika è stato identificato per la prima volta nelle scimmie in Uganda nel 1947, ma ha colpito persone in Africa, Asia, Isole del Pacifico e America centrale e meridionale.

Nel 2016, un importante focolaio in Brasile ha sollevato la consapevolezza internazionale, e casi a causa di trasmissione trasmessa dalle zanzare sono stati segnalati negli Stati Uniti (USA), in Texas e in Florida.

I sintomi dell’infezione sono lievi, ma se una donna incinta prende il virus, può avere un grave impatto sulla gravidanza e sul nascituro.

Fatti veloci su Zika

  • I casi di virus Zika si verificano tipicamente nei climi tropicali.
  • Le infezioni negli Stati Uniti sono collegate ai viaggi da e verso le regioni tropicali.
  • I sintomi dell’infezione da virus Zika possono durare fino a 1 settimana, ma gli effetti su un feto possono essere gravi.
  • Al momento non esiste un trattamento per il virus.
  • Evitare le punture di zanzara è un aspetto chiave della prevenzione del virus Zika.

Sintomi

Zanzara Zika aedes

Il virus Zika può essere asintomatico o i sintomi possono essere vaghi e miti. Durano fino a una settimana.

I sintomi iniziali includono:

  • febbre
  • eruzione cutanea
  • dolori articolari
  • congiuntivite o occhi rossi
  • dolore muscolare
  • mal di testa
  • dolore dietro gli occhi
  • vomito

L’infezione da virus Zika è raramente abbastanza grave da giustificare il ricovero in ospedale, ed è ancora più raro che un individuo muoia di conseguenza.

Tuttavia, le complicanze di Zika possono essere devastanti, specialmente se una donna contrae il virus mentre è incinta.

Può causare un difetto cerebrale noto come microcefalia nel nascituro. Il cervello e la testa del neonato saranno più piccoli del solito. Anche la perdita di gravidanza, la natimortalità e altre disabilità congenite sono più probabili.

Durante l’epidemia recente in Brasile, c’è stato un aumento di 10 volte dei neonati con microcefalia dopo l’ottobre 2015, rispetto agli anni precedenti.

Ci sono state anche segnalazioni di persone che hanno sviluppato la sindrome di Guillain-Barré a seguito di un’infezione da virus Zika. La sindrome di Guillain-Barré è una malattia autoimmune rara ma grave che colpisce il sistema nervoso centrale.

Cause e fattori di rischio

Viaggiare in un’area in cui è presente Zika è il principale fattore di rischio per il virus.

Viene trasmesso principalmente attraverso le punture di zanzara, ma può anche essere trasmesso:

  • Da una donna incinta al suo feto
  • Attraverso il contatto sessuale
  • Forse, attraverso una trasfusione di sangue

Ad oggi, non sono state trasmesse note trasmissioni del virus da madre a figlio durante l’allattamento.

Dopo che una persona ha avuto il virus, sono protetti da esso in futuro.

Luoghi a rischio

Una donna incinta deve fare particolare attenzione a evitare le punture di zanzara se vive o viaggia in un paese in cui è presente Zika. Può essere consigliabile evitare di viaggiare in determinati luoghi durante la gravidanza.

I Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) emettono avvisi di viaggio sulla trasmissione di Zika.

Queste sono principalmente le regioni tropicali di:

  • America centrale e meridionale
  • caraibico
  • Oceania
  • Nord America
  • Africa
  • Asia

I viaggiatori dovrebbero fare riferimento al sito Web CDC per gli aggiornamenti.

Negli Stati Uniti, la maggior parte dei casi è stata collegata al viaggio, ma alcuni sono il risultato della trasmissione trasmessa dalle zanzare. Le zanzare infettate da Zika possono essere presenti in aree con pianure umide e temperature più calde.

Diagnosi

Zika incinta

I sintomi di Zika assomigliano a quelli dell’influenza e possono essere così lievi da passare inosservati. La maggior parte delle persone non visitano un medico o vanno in ospedale.

Tuttavia, una donna incinta che manifesta sintomi dovrebbe consultare un medico per esami del sangue o delle urine.

Diversi test di rilevamento rapido sono disponibili per i laboratori qualificati. Questi sono distribuiti dal CDC.

Questi test possono confermare un’infezione.

Trattamento

Attualmente, non c’è trattamento per Zika.

Una persona con sintomi dovrebbe:

  • riposo
  • aumentare l’assunzione di liquidi per prevenire la disidratazione
  • prendere antidolorifici over-the-counter (OTC) per alleviare il dolore e la febbre

Il CDC sconsiglia l’uso di aspirina o altri farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) fino a quando non sia stata esclusa una diagnosi di dengue nei soggetti a rischio a causa del rischio di emorragia.

Il CDC consiglia inoltre di prendere in considerazione le donne in gravidanza che sono state diagnosticate con Zika per il monitoraggio della crescita fetale e del programma di anatomia ogni 3-4 settimane.

Raccomandano inoltre di consultare un medico specializzato in gestazione della gravidanza e malattia infettiva o medicina materno-fetale.

Prevenzione

Non esiste attualmente alcuna vaccinazione per proteggere contro Zika. Evitare le punture di zanzara è fondamentale per evitare la trasmissione.

Per aumentare la protezione, si consiglia alle persone di:

  • usa un repellente per insetti
  • indossare indumenti a maniche lunghe e pantaloni lunghi
  • posizionare le zanzariere sui letti (in alcuni casi)
  • utilizzare gli schermi per finestre e porte
  • evitare le aree con acqua stagnante, svuotare i serbatoi o scegliere di accamparsi lontano da laghi o stagni

I repellenti per insetti dovrebbero contenere uno di questi:

  • DEET (> concentrazione del 10%)
  • Picaridin
  • IR3535
  • olio di limone eucalipto (cioè para-mentano-diolo)

Il repellente per insetti è più efficace se applicato:

  • dopo aver applicato la protezione solare
  • sui vestiti e sul corpo, ad esempio, vestiti trattati con permetrina
  • sotto i vestiti

Controllare sempre le istruzioni per la particolare marca di repellente o protezione solare per le istruzioni per l’uso.

Evitare di diffondere il virus

Una persona infetta da Zika dovrebbe fare tutto il possibile per evitare di essere morsa da una zanzara per 3 settimane dopo la comparsa dei sintomi, perché la zanzara può passare il virus alla persona successiva. Questo include le persone che sono tornate da un viaggio con la malattia.

La persona deve anche fare attenzione a evitare il sesso non protetto, in quanto anche questo può trasmettere il virus. Il CDC raccomanda di usare il preservativo durante e dopo il viaggio nelle regioni colpite dal virus.

In alcuni paesi, compresi gli Stati Uniti, le autorità sanitarie raccomandano che gli uomini che visitano un’area a rischio ma non sviluppino sintomi dovrebbero usare il preservativo per un massimo di 6 mesi se non hanno sintomi e fino a 6 mesi dal momento dell’insorgenza dei sintomi . Se il loro partner è incinta, dovrebbero usare il preservativo per tutta la durata della gravidanza.

Una persona che ha avuto il virus Zika è normalmente protetta ed è improbabile averla di nuovo.

Dopo che il virus lascia il corpo, una donna può tranquillamente concepire senza il rischio che suo figlio nasca con microcefalia.

Like this post? Please share to your friends: