Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Vitamina B6: cosa devi sapere

La vitamina B6 è una delle vitamine del gruppo B a beneficio del sistema nervoso centrale. È coinvolto nella produzione dei neurotrasmettitori serotonina e norepinefrina e nella formazione della mielina.

Conosciuto anche come piridossina, la vitamina B6 è una vitamina idrosolubile, il che significa che si dissolve in acqua. Non è immagazzinato dal corpo, ed è escreto nelle urine, quindi le persone hanno bisogno di assumere vitamina B6 ogni giorno. Fa parte della famiglia delle vitamine del complesso B.

Altre funzioni della piridossina includono il metabolismo delle proteine ​​e del glucosio e la produzione di emoglobina.

L’emoglobina è un componente dei globuli rossi. Trasporta l’ossigeno. La vitamina B6 è anche coinvolta nel mantenere sani i linfonodi, il timo e la milza.

Potenziali benefici per la salute della vitamina B6

[Vitamina B6 alimenti]

La vitamina B6 ha molte funzioni nel corpo e svolge un ruolo in oltre 100 reazioni enzimatiche.

Funzione cerebrale

La vitamina B6 può aiutare a migliorare le prestazioni cerebrali. Uno studio pubblicato nel trovato che le persone con alte concentrazioni di vitamina B-6 testato meglio su due misure della funzione di memoria.

La vitamina B6 è necessaria per la trasmissione di neuroni nel cervello.

Ricercatori dell’Università di Oxford in Inghilterra hanno notato che assumere alte dosi di vitamine del gruppo B ogni giorno è stato benefico per le persone anziane con lieve deficit cognitivo. La velocità con cui il loro cervello diminuiva diminuiva del 50%, riducendo potenzialmente il rischio di demenza.

Nausea durante la gravidanza

La ricerca ha pubblicato la conclusione che la piridossina può ridurre la gravità della nausea all’inizio della gravidanza.

Tuttavia, sono necessari ulteriori studi di alta qualità per confermare questo. Non usare più della dose raccomandata se si prende un supplemento.

Protezione dall’inquinamento atmosferico

Uno studio pubblicato su PNAS nel 2017 ha indicato che la vitamina B6 può aiutare a proteggere dall’inquinamento atmosferico, riducendo l’impatto dell’inquinamento sull’epigenoma.

I ricercatori sperano che i loro risultati possano portare a nuove misure per prevenire i cambiamenti epigenetici che possono derivare dall’esposizione all’inquinamento atmosferico.

[Inquinamento dell'aria]

Con il 92 percento della popolazione mondiale stimata che vive in luoghi dove i limiti di inquinamento sono superiori al limite superiore dell’Organizzazione Mondiale della Sanità di 10 μg / m3, questo potrebbe essere un risultato importante quando si tratta di controllare la malattia innescata dall’ambiente.

La vitamina B6 è importante per molte ragioni. Uno è quello di garantire il normale funzionamento degli enzimi digestivi che abbattere il cibo, mantenere la pelle sana e produrre prodotti sanguigni come i globuli rossi.

Questa importante vitamina ha molti altri usi e una carenza può portare a danni permanenti ai nervi.

Quanta vitamina B6 dovrei avere ogni giorno?

Una serie di fattori influenzerà il fabbisogno giornaliero di una persona per la vitamina B6, poiché questo influisce su diversi aspetti del metabolismo. L’effetto sull’apporto proteico è stato ampiamente studiato.

Le persone che seguono una dieta ricca di proteine ​​potrebbero aver bisogno di assumere più vitamina B6. Dovrebbero parlare con il loro medico.

Secondo l’ufficio degli integratori alimentari degli Stati Uniti, il fabbisogno giornaliero raccomandato per la vitamina B6 è:

Età Maschio Femmina
Da 0 a 6 mesi 0,1 mg 0,1 mg
Da 7 a 12 mesi 0,3 mg 0,3 mg
Da 1 a 3 anni 0,5 mg 0,5 mg
Da 4 a 8 anni 0,6 mg 0,6 mg
Da 9 a 13 anni 1,0 mg 1,0 mg
14 a 18 anni 1,3 mg 1,3 mg
Da 19 a 50 anni 1,3 mg 1,3 mg
Più di 51 anni 1,7 mg 1,5 mg
Durante la gravidanza 1,9 mg
Durante l’allattamento 2,0 mg

Fonti alimentari di vitamina B6

La maggior parte dei cibi ha un po ‘di vitamina B6. Una persona con una dieta ben bilanciata non dovrebbe avere una carenza, a meno che non abbia un problema fisico, o sta prendendo alcuni farmaci.

[Tonno pinnagialla]

Le seguenti sono buone fonti di B6:

  • Ceci: una tazza contiene 1,1 milligrammi o il 55 percento del valore giornaliero raccomandato (DV)
  • Fegato di manzo: 3 once contiene 0,9 mg, o il 45 per cento del DV
  • Tonno pinna gialla: 3 once contiene 0,9 mg, o 45 per cento del DV
  • Petto di pollo arrosto: 3 once contiene 0,5 mg o 25 percento di DV
  • Una banana media: contiene 0,4 mg o 20 percento di DV
  • Tofu: mezza tazza contiene 0,1 mg o 5 percento di DV

Altre fonti includono:

  • Avocado
  • riso integrale
  • Carote
  • Pesce
  • Cereali fortificati
  • Nocciole
  • latte
  • Maiale
  • Patata
  • semi
  • Germogli di soia
  • Spinaci
  • tacchino
  • Cocktail di succo di verdure
  • Cereali integrali

La maggior parte degli alimenti contiene vitamina B6.

Carenza di B6

Le carenze sono rare, ma possono verificarsi se l’individuo ha scarso assorbimento intestinale o sta assumendo estrogeni, corticosteroidi, anticonvulsivanti e alcuni altri farmaci.

A lungo termine, il consumo eccessivo di alcol può portare a una carenza di vitamina B6, così come l’ipotiroidismo e il diabete.

Segni e sintomi di carenza di vitamina B6 includono:

  • Neuropatia periferica con formicolio, intorpidimento e dolore alle mani e ai piedi
  • Anemia
  • Convulsioni
  • Depressione
  • Confusione
  • Sistema immunitario indebolito

Può portare ad una sindrome simile alla pellagra, con dermatite seborroica, infiammazione della lingua, o glossite, e infiammazione e screpolature delle labbra, noto come cheilosi.

Nei neonati, le convulsioni possono persistere anche dopo il trattamento con anticonvulsivanti. Altre deficienze, come la neuropatia periferica, possono essere permanenti.

B6 Supplementi

Secondo il National Institutes of Health (NIH), tra il 28 e il 35% della popolazione negli Stati Uniti assume integratori vitaminici contenenti vitamina B6.

I supplementi sono disponibili in forma di capsule o compresse.

L’NIH rileva inoltre che la maggior parte delle persone di tutte le età negli Stati Uniti consuma B6 in quantità sufficiente. Quelli che hanno maggiori probabilità di avere bassi livelli di B6 sono quelli che bevono quantità eccessive di alcol, persone che sono obese, donne in gravidanza e che allattano.

Non ci sono prove di alcun effetto negativo dal consumare troppa vitamina B6 nel cibo.

Tuttavia, assumere da 1 a 6 grammi di piridossina orale al giorno per 12-40 mesi ha dimostrato di causare neuropatia sensoriale grave e progressiva e una perdita di controllo del movimento del corpo.

Le linee guida dietetiche per gli americani del 2015-2020 raccomandano che la maggior parte dei nutrienti provenga dagli alimenti. Incoraggiano il consumo di una dieta equilibrata con cibi nutrienti e abbondanti fibre alimentari.

Like this post? Please share to your friends: