Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Vitamina C: perché è importante?

La vitamina C è un nutriente vitale per la salute. Aiuta a formare e mantenere ossa, pelle e vasi sanguigni. Si presenta naturalmente in alcuni alimenti, in particolare, frutta e verdura. Sono disponibili anche i supplementi.

È anche conosciuto come acido L-ascorbico, acido ascorbico o L-ascorbato.

Perché abbiamo bisogno della vitamina C.

[pillole di vitamina C e arancione]

Le vitamine, compresa la vitamina C, sono composti organici. Un composto organico è uno che esiste negli esseri viventi e contiene gli elementi carbonio e ossigeno.

La vitamina C è solubile in acqua e il corpo non la immagazzina. Per mantenere livelli adeguati di vitamina C, gli esseri umani hanno bisogno di un apporto giornaliero di cibo che li contenga.

La vitamina C svolge un ruolo importante in un certo numero di funzioni corporee tra cui la produzione di collagene, L-carnitina e alcuni neurotrasmettitori. Aiuta a metabolizzare le proteine ​​e la sua attività antiossidante può ridurre il rischio di alcuni tumori.

Il collagene, che la vitamina C aiuta a produrre, è il componente principale del tessuto connettivo e la proteina più abbondante nei mammiferi. Tra 1 e 2 per cento del tessuto muscolare è il collagene. È un componente vitale nei tessuti fibrosi come:

  • tendini
  • legamenti
  • pelle
  • cornea
  • cartilagine
  • ossatura
  • l’intestino
  • vasi sanguigni

Nel caso della guarigione delle ferite, la ricerca del lontano 1942 suggeriva che le ferite impiegavano più tempo a guarire se qualcuno aveva lo scorbuto.

Lo scorbuto deriva dalla carenza di vitamina C. I suoi sintomi includono articolazioni gonfie, gengive sanguinanti e denti sciolti, anemia e stanchezza.

Lo scorbuto di rimbalzo può accadere se una persona assume dosi molto elevate di vitamina C e poi la interrompe rapidamente.

Guarigione delle ferite, infezioni e tubercolosi

Nel 1982, i ricercatori hanno concluso che ferite, tagli e escoriazioni possono guarire più velocemente nelle persone con un maggior apporto di vitamina C rispetto a quello che solitamente si ottiene dal loro cibo. Questo può essere dovuto al fatto che la vitamina C contribuisce alla produzione di collagene.

Il ruolo della vitamina C come antiossidante aiuta anche a riparare i tessuti e a ridurre i danni da infiammazione e ossidazione.

Si ritiene che le persone con livelli adeguati di vitamina C siano maggiormente in grado di combattere le infezioni rispetto alle persone con deficit di vitamina C.

La vitamina C può anche aiutare a prevenire le infezioni respiratorie acute, specialmente nelle persone con malnutrizione e in quelle che sono fisicamente stressate.

I ricercatori hanno anche scoperto che la vitamina C può uccidere i batteri resistenti alla tubercolosi (TB) in una coltura di laboratorio. Uno studio pubblicato nel 2013 suggerisce che l’aggiunta di vitamina C ai farmaci anti-TBC potrebbe abbreviare la terapia.

Vitamina C e terapia del cancro

La vitamina C può aiutare nel trattamento del cancro. Come antiossidante, protegge il corpo dallo stress ossidativo e aiuta a prevenire l’ossidazione di altre molecole. Sembra rigenerare anche altri antiossidanti nel corpo.

[chemioterapia e vitamina C]

Le reazioni di ossidazione producono radicali liberi. I radicali liberi possono iniziare reazioni a catena che danneggiano le cellule.

Alte dosi di vitamina C sono state trovate per ridurre la velocità di crescita di alcuni tipi di tessuto canceroso. I ricercatori hanno proposto di utilizzare la vitamina C in pazienti oncologici le cui opzioni di trattamento sono limitate.

Sono necessari ulteriori studi per capire quali tumori potrebbero essere influenzati dalla vitamina C e quali altri trattamenti efficaci possono essere utilizzati in combinazione con la vitamina C, così come gli effetti a lungo termine di questo approccio.

Alcuni scienziati hanno contestato l’uso della vitamina C nel trattamento del cancro.

Nel 2013, tuttavia, i ricercatori hanno trovato prove del fatto che alte dosi di vitamina C per via endovenosa potrebbero favorire i pazienti oncologici. Uno studio del 2015 ha confermato la sua efficacia.

Il National Cancer Institute riporta diversi studi che utilizzavano alte dosi di vitamina C per via endovenosa con pochi effetti collaterali.

Un certo numero di medici lo supporta e lo sta già utilizzando in terapia.

“La ricerca attualmente in corso ha dimostrato che alte concentrazioni di vitamina C possono arrestare la crescita, o addirittura uccidere una vasta gamma di cellule tumorali, solo la somministrazione endovenosa di vitamina C può fornire le dosi elevate che si rivelano efficaci contro il cancro”. Dr. Ronald Hoffman

La FDA (Food and Drug Administration) statunitense non ha ancora approvato l’uso di vitamina C per via endovenosa nel trattamento di pazienti oncologici, compresi quelli sottoposti a chemioterapia e radioterapia, e non è riconosciuto come trattamento.

Altri benefici

Altri benefici della vitamina C possono includere quanto segue:

[integratori di vitamina C]

  • Salute cardiovascolare: la vitamina C può allargare i vasi sanguigni e questo potrebbe aiutare a proteggere dalle malattie cardiache e ipertensione o dalla pressione alta.
  • Livelli di colesterolo: sono risultati inferiori nei soggetti con livelli adeguati di vitamina C.
  • Cataratta: la vitamina C può aiutare a ridurre il rischio di cataratta e di degenerazione maculare senile.
  • Diabete: i pazienti hanno meno probabilità di sperimentare il deterioramento dei reni, degli occhi e dei nervi se mangiano molta frutta e verdura che sono ricchi di vitamina C.
  • Anemia: la vitamina C aumenta l’assorbimento del ferro.
  • I livelli di piombo possono essere ridotti se c’è un’adeguata assunzione di vitamina C.
  • Istamina: l’istamina è una sostanza prodotta dal sistema immunitario che causa infiammazione e altri problemi. Uno studio del 1992 ha rilevato livelli più bassi di istamina nel sangue nelle persone che assumevano 2 grammi (g) di vitamina C al giorno.
  • Mal di mare: in uno studio su 70 persone che hanno assunto 2 g di vitamina C o un placebo e poi hanno trascorso 20 minuti su una zattera di salvataggio in una piscina a onde, coloro che hanno assunto l’integratore hanno ridotto il mal di mare.

La vitamina C può curare il raffreddore?

Molte persone credono che la vitamina C possa curare un raffreddore comune, ma la ricerca non lo ha confermato. Tuttavia, grandi dosi di vitamina C possono proteggere le persone esposte a gravi attività fisiche e temperature rigide.

Le persone con una bassa vitamina C, a causa del fumo o dell’età avanzata, ad esempio, potrebbero trovare dei benefici.

Fonti e requisiti

I maschi adulti dovrebbero consumare 90 milligrammi (mg) di vitamina C al giorno e le femmine dovrebbero consumare 75 mg al giorno, secondo il National Institutes of Health (NIH). Durante la gravidanza, le donne dovrebbero avere 85 mg al giorno e 120 mg durante l’allattamento.

[frutta e verdura sono una buona fonte di vitamina C]

Le migliori fonti di vitamina C sono frutta e verdura fresca. Il calore e la cottura in acqua possono distruggere parte del contenuto di vitamina C, quindi i cibi crudi sono i migliori.

Gli alimenti contenenti vitamina C includono:

  • Mezza tazza di peperone rosso dolce: 95 mg o 158% del valore giornaliero raccomandato (DV).
  • Un arancio medio: 70 mg o 155 percento di DV.
  • Mezza tazza di fragole fresche: 49 mg o 82% di DV.
  • Mezza tazza di spinaci: 9 mg o 15 percento di DV.

Altre buone fonti includono agrumi, pomodori e patate.

Nei paesi sviluppati, la maggior parte delle persone riceve abbastanza vitamina C, anche se alcuni gruppi hanno maggiori probabilità di mancare di questo nutriente.

Questi gruppi includono:

  • fumatori e fumatori passivi
  • persone con varietà alimentare limitata
  • neonati che consumano latte evaporato o bollito
  • persone con malassorbimento e alcune malattie croniche

I fumatori hanno livelli più bassi di vitamina C rispetto ai non fumatori, in parte perché hanno livelli più elevati di stress ossidativo. Il fumo provoca anche infiammazioni e danni alle mucose della bocca, della gola e dei polmoni.

La vitamina C è necessaria per la mucosa sana e aiuta a ridurre l’infiammazione, quindi l’NIH raccomanda che i fumatori consumino ogni giorno 35 mg di vitamina C in più.

Puoi avere troppo?

È improbabile che troppa vitamina C causi un problema. Tuttavia, un’assunzione elevata di oltre 1.000 mg al giorno può significare che non tutta la vitamina C viene assorbita nell’intestino. Questo può portare a diarrea e disturbi gastrointestinali.

Un’assunzione elevata di vitamina C attraverso integratori, ma non la dieta, può causare calcoli ai reni e può aumentare il rischio di problemi cardiovascolari nelle donne dopo la menopausa, ma questo non è confermato.

Le persone con emocromatosi ereditaria, un disturbo di assorbimento del ferro, dovrebbero parlare con il proprio medico prima di assumere integratori di vitamina C, poiché alti livelli di vitamina C potrebbero causare danni ai tessuti.

L’assunzione giornaliera massima raccomandata di vitamina C per i maschi e le femmine adulti è di 2.000 mg.

Like this post? Please share to your friends: