Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Volontario russo di 30 anni volontario per il primo trapianto di testa umana al mondo

Nel mese di febbraio, un chirurgo italiano ha annunciato un piano aggiornato per condurre il primo trapianto di testa umana al mondo entro i prossimi 2 anni. Ora, un uomo russo di 30 anni è destinato a diventare la prima persona a sottoporsi alla procedura.

Illustrazione del cervello e del midollo spinale

Il dott. Sergio Canavero, del Torino Advanced Neuromodulation Group (TANG) in Italia, ha parlato per la prima volta dei suoi progetti di effettuare il primo trapianto di testa umana nel luglio 2013 – un progetto denominato HEAVEN-GEMINI.

Alla 39a Conferenza Annuale dell’American Academy of Neurological and Orthopedic Surgeons ad Annapolis, MD, a giugno, il dott. Canavero presenterà piani aggiornati per il progetto, affrontando alcune delle sfide precedentemente identificate che ne derivano.

Sebbene i ricercatori abbiano seriamente messo in dubbio la fattibilità dei piani del dott. Canavero, sembra che il primo trapianto di testa umana sia un passo avanti verso il diventare realtà; Valery Spiridonov, una scienziata informatica trentenne di Vladimir, in Russia, è la prima persona che fa volontariato per la procedura.

Spiridonov ha la malattia di Werdnig-Hoffman – una rara condizione di deperimento muscolare genetico, nota anche come atrofia muscolare spinale di tipo 1 (SMA). La condizione è causata dalla perdita di motoneuroni nel midollo spinale e nella regione del cervello collegata al midollo spinale. Gli individui con la malattia non sono in grado di camminare e spesso non sono in grado di sedersi senza aiuto.

A Spiridonov è stata diagnosticata la malattia di Werdnig-Hoffman all’età di 1 anni e gli è stato detto che si è offerto volontario per HEAVEN-GEMINI perché vuole la possibilità di un nuovo corpo prima di morire.

“Ora riesco a malapena a controllare il mio corpo”, disse. “Ho bisogno di aiuto ogni giorno, ogni minuto. Ora ho 30 anni, anche se raramente le persone vivono con più di 20 con questa malattia”.

Il corpo del donatore sarà attaccato alla testa del ricevente attraverso la fusione del midollo spinale

Il Dr. Canavero ha detto di aver ricevuto una serie di e-mail e lettere da persone che chiedevano di essere prese in considerazione per la procedura, molte delle quali provenivano da persone transgender che cercavano un nuovo corpo. Tuttavia, il chirurgo dice che le prime persone a sottoporsi alla procedura saranno quelle con condizioni di deperimento muscolare come Spiridonov.

La procedura, che si stima impieghi 100 chirurghi per circa 36 ore, comporterà la fusione del midollo spinale (SCF). La testa del corpo di un donatore verrà rimossa usando una “lama ultra affilata” per limitare la quantità di danni sostenuti dal midollo spinale.

“La chiave per SCF è una netta separazione delle corde stesse”, spiega il dott. Canavero in un articolo pubblicato all’inizio di quest’anno, “con il conseguente danno minimo sia agli assoni nella sostanza bianca che ai neuroni nelle lamine grigie. è un punto chiave. “

Il midollo spinale del corpo del donatore sarà quindi fuso con il midollo spinale della testa del ricevente. Le sostanze chimiche chiamate polietilenglicole o chitosano possono essere utilizzate per incoraggiare l’SCF, secondo il dott. Canavero. I muscoli e il sangue saranno suturati.

Il ricevente sarà tenuto in coma per circa 3-4 settimane, afferma il dott. Canavero, durante il quale il midollo spinale sarà sottoposto a stimolazione elettrica tramite elettrodi impiantati per aumentare le nuove connessioni nervose.

Il chirurgo stima che – con l’aiuto della fisioterapia – il paziente sarebbe in grado di camminare entro 1 anno.

Spiridonov ammette di essere preoccupato di subire la procedura. “Ho paura? Sì, certo che lo sono,” disse. “Ma non è solo molto spaventoso, ma anche molto interessante.”

“Devi capire che non ho davvero molte scelte”, ha aggiunto. “Se non provo questa occasione, il mio destino sarà molto triste: ogni anno il mio stato sta peggiorando”.

Spiridonov parla della sua decisione di partecipare a HEAVEN-GEMINI nel video qui sotto:

Dr. Canavero ha bollato ‘noci’

Il dott. Canavero ha già ammesso che ci sono due principali sfide con HEAVEN-GEMINI: ricollegare il midollo spinale mozzato e impedire al sistema immunitario di respingere la testa. Ma sostiene che recenti studi su animali hanno dimostrato che la procedura è “fattibile”.

Non sorprende, tuttavia, che i ricercatori di tutto il mondo siano molto scettici nei confronti della proposta. Parlando con Arthur Caplan, PhD, direttore di etica medica e NYU Langone Medical Center di New York, New York, anche chiamato Dr. Canavero “matto”.

Caplan ha detto che la procedura deve essere condotta molte più volte sugli animali prima di essere applicata agli esseri umani, aggiungendo che se la tecnica è fattibile, il Dr. Canavero dovrebbe cercare di aiutare i pazienti paralizzati prima di tentare trapianti di tutto il corpo.

Parlando all’inizio di quest’anno, Harry Goldsmith, un professore clinico di neurochirurgia all’Università della California-Davis, ha affermato che il progetto è così “travolgente” che è improbabile che ciò accada.

“Non credo che funzionerà mai”, ha aggiunto, “ci sono troppi problemi con la procedura, cercando di mantenere una persona sana in coma per 4 settimane – non succederà”.

Spiridonov dice di essere ben consapevole dei rischi, anche se è ancora disposto a rischiare il dottor Canavero.

“È un neurochirurgo molto esperto e ha condotto molte operazioni serie, certo che non ha mai fatto nulla di simile e dobbiamo pensare attentamente a tutti i possibili rischi”, ha detto, ma aggiunge che “se vuoi qualcosa da fare, hai bisogno di parteciparvi. “

Anche se non è stato confermato quando la procedura verrà eseguita, Spiridonov dice che potrebbe essere già il prossimo anno. Guarda questo spazio.

Ultimo aggiornamento

Nell’ottobre 2015 abbiamo intervistato il dott.Sergio Canavero sul suo piano per eseguire il primo trapianto di testa umana nel dicembre 2017 – una procedura che sostiene impiegherà circa 150 chirurghi e infermieri circa 36 ore per completare e costerà circa $ 11 milioni. Puoi leggere l’intervista completa qui.

Like this post? Please share to your friends: