Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Vulvodinia: cosa devi sapere

Vulvodinia e vestibolodinia si riferiscono a un disagio cronico della vulva, la parte del corpo di una donna che protegge i genitali.

Include i genitali femminili esterni, tra cui il mons pubis, le grandi labbra e la minora, il clitoride e il perineo.

Il dolore vaginale può verificarsi per una serie di ragioni, ma la vulvodinia e la vestibolodinia sono specificamente collegate a un’ipersensibilità delle terminazioni nervose della pelle.

Si stima che circa il 16% delle donne abbia avuto dolore o bruciore nella zona vulvare in qualche momento della loro vita.

Trattamento

Il trattamento ha lo scopo di alleviare i sintomi. Poiché la causa è sconosciuta, trovare una soluzione che funzioni potrebbe richiedere alcuni tentativi ed errori.

Farmaci per bloccare il dolore possono includere antidepressivi, anticonvulsivanti o inibitori del reuptake della serotonina-noradrenalina (SNRI).

Altre soluzioni includono creme, lozioni e gel anestetico da applicare all’area vulvare.

Gli esempi includono creme di ormoni topici contenenti estrogeni e testosterone, anestetici topici, come la lidocaina e prodotti che contengono un antidepressivo o un ingrediente anticonvulsivo. Questi possono essere applicati da 15 a 20 minuti prima dell’attività sessuale o quando necessario.

Un blocco nervoso è un farmaco anestetico che viene iniettato nei nervi che trasmettono segnali di dolore, in questo caso, dalla vulva alla colonna vertebrale. L’interruzione dei segnali del dolore in questo modo può fornire sollievo a breve termine.

[il dolore vulvale può portare a problemi di relazione]

Se nessun altro metodo è efficace, può essere appropriato un intervento chirurgico per rimuovere il tessuto doloroso.

Due tecniche attualmente in fase di studio sono la neurostimolazione e la pompa di infusione spinale.

La neurostimolazione comporta l’erogazione di stimolazione elettrica a bassa tensione a un determinato nervo. Questo può sostituire il dolore con una sensazione di formicolio.

Una pompa per infusione spinale è un dispositivo impiantato in grado di somministrare farmaci a basso dosaggio per il midollo spinale e le radici nervose. Questo può offuscare il dolore.

Tuttavia, vi sono prove limitate sull’uso di queste misure per la vulvodinia.

Alcuni ricercatori hanno scoperto che la terapia fisica e psicosessuale può aiutare a migliorare il funzionamento sessuale, ad esempio aiutando a invertire la paura del contatto.

Sintomi

[la vulvodinia può essere dolorosa]

La vulvodinia presenta una sensazione di bruciore, pizzicore, prurito, irritazione o sensazione cruda nel tessuto vulvare, che può apparire o meno infiammata. I pazienti possono descrivere una sensazione di palpitazione, prurito, dolore, dolore e gonfiore.

Il dolore può interessare un punto particolare, o può essere sentito in un’area più ampia, incluso il clitoride, il perineo, il mons pubis e l’interno coscia. Può anche interessare l’area intorno all’uretra e la parte superiore delle gambe e l’interno delle cosce.

Il dolore coinvolto nella vulvodinia è neuropatico, il che significa che deriva da segnali anormali delle fibre nervose nella zona vulvare. Le terminazioni nervose sono ipersensibili.

Può essere costante o intermittente. Un dolore costante che si verifica quando non c’è alcun contatto o pressione è noto come vulvodinia non provocata.

Vestibolodinia, precedentemente nota come vestibolite, comporta un dolore che viene attivato da un tocco leggero o provocato dolore.

I sintomi possono essere peggiori durante o dopo un rapporto sessuale, camminando, seduti o esercitandosi. Può accadere quando si inserisce un tampone o quando si applica una pressione prolungata, ad esempio durante l’equitazione.

La vulvodinia viene solitamente definita come duratura per almeno 3 mesi. Spesso inizia improvvisamente e può durare mesi o anni. Non è mortale, ma il dolore può impedire all’individuo di svolgere alcune normali attività. Questo può anche portare a turbamenti o depressione.

complicazioni

Possono sorgere problemi di relazione, perché il rapporto sessuale è doloroso. Uno studio suggerisce che il 60% delle donne con vulvodinia non è in grado di praticare sesso.

Gli studi suggeriscono che le donne che hanno la vulvodinia possono avere una gravidanza normale e che in alcuni casi i livelli di dolore diminuiscono durante la gravidanza. Tuttavia, le donne con questa condizione hanno maggiori probabilità di avere un parto cesareo.

Rimedi casalinghi

Alcune misure possono essere prese che non comportano farmaci.

Se si verifica vulvodinia, il primo passo è smettere di usare sostanze irritanti, come i saponi per profumi. Un cambiamento nei prodotti mestruali potrebbe aiutare, ad esempio, a passare dagli articoli sintetici a quelli a base di cotone.

Gli impacchi di gel fresco possono offrire sollievo dal dolore immediato a breve termine.

Esercizi muscolari del pavimento pelvico possono aiutare rilassando i tessuti nel pavimento pelvico e rilasciando la tensione nei muscoli e nelle articolazioni.

Il biofeedback utilizza la tecnologia per aumentare la consapevolezza di un individuo su come potrebbero stressare il proprio corpo. Questa informazione può aiutare le persone a cambiare abitudini che portano a danni o disagi. Per le donne con vulvodinia, può aiutare a rafforzare i muscoli del pavimento pelvico, e ciò può ridurre il dolore.

Un punto di innesco è un’area specifica di disagio. La terapia con trigger point coinvolge il massaggio di una piccola area di muscoli contratti per rilasciare la tensione e alleviare il dolore. Un farmaco anestetico applicato direttamente, per esempio, come una crema, può anche essere usato per alleviare il dolore in un punto di innesco.

Poiché lo stress può giocare un ruolo nella vulvodinia, sia come fattore scatenante che come conseguenza, la gestione dello stress può aiutare ad alleviare i sintomi.

L’agopuntura e la terapia cognitiva comportamentale sono opzioni attualmente in fase di studio.

Le cause

Il dolore vulvare può essere causato da infezioni, problemi neurologici, condizioni infiammatorie e neoplasie, come il carcinoma a cellule squamose.

La vulvodinia non è correlata a una condizione di base. La causa esatta è sconosciuta. Non è causato da una infezione sessualmente trasmessa o da altre infezioni, malattie della pelle o cancro, sebbene possano anche causare dolore.

I fattori che possono aumentare il rischio di vulvodinia includono:

  • Danneggiamento o irritazione dei nervi intorno alla vulva
  • Un’alta densità di fibre nervose sensibili al dolore nell’area vulvare
  • Alti livelli di sostanze infiammatorie nella zona vulvare, ad esempio a causa dell’infiammazione
  • suscettibilità genetica
  • i muscoli del pavimento pelvico sono deboli o instabili
  • reazione insolita oa lungo termine a infezioni, traumi o ad un altro fattore ambientale
  • cambiamenti innescati da ormoni

[il ciclismo può scatenare il dolore vulvare]

Altri fattori che aumentano la suscettibilità includono:

  • frequenti infezioni da lieviti
  • infezioni sessualmente trasmesse (IST)
  • irritazione chimica dei genitali esterni, causata da saponi, prodotti per l’igiene femminile o detergenti nell’abbigliamento
  • eruzioni cutanee sulla zona genitale
  • precedenti trattamenti laser o interventi chirurgici sui genitali esterni
  • irritazione nervosa, lesioni o spasmi muscolari nella zona pelvica
  • diabete
  • condizioni precancerose o cancerose sulla cervice

Vestibolodinia provocata potrebbe derivare da:

  • rapporto sessuale
  • inserimento del tampone
  • un esame ginecologico
  • seduta prolungata
  • indossare biancheria intima o pantaloni stretti
  • attività come il ciclismo o l’equitazione

Clitorodinia si riferisce al dolore nel clitoride.

La vulvodinia può essere confusa con altri problemi vulvovaginali, come tensione cronica o spasmo dei muscoli dell’area vulvare chiamata vaginismo.

Dieta

Un cambiamento nella dieta può aiutare. Tagliare un alimento alla volta può aiutare a individuare un grilletto.

Gli elementi che generano comunemente una reazione includono:

  • caffeina
  • alimenti ad alto contenuto di zucchero
  • alimenti acidi
  • alimenti trasformati

Prevenzione

Le misure che possono ridurre il rischio di provocare dolore includono:

  • indossare biancheria intima di cotone e abiti larghi attorno all’area genitale
  • evitando carta igienica profumata e creme e saponi profumati
  • evitando attriti o sedute per periodi prolungati
  • astenendosi dall’eccessivo lavaggio dei genitali
  • non lavare o utilizzare salviette vaginali
  • usando lubrificanti idrosolubili durante i rapporti sessuali
  • tamponando la zona asciutta dopo il risciacquo o la minzione

Se si sospetta un’infezione vaginale, è importante sottoporla a una diagnosi ea un trattamento tempestivo e discutere con un medico se alcuni trattamenti sembrano peggiorare la condizione.

Diagnosi

La diagnosi può comportare un esame pelvico, cercare cambiamenti della pelle e valutare il dolore.

Un test del tampone di cotone viene utilizzato per delineare le aree del dolore e categorizzare la loro gravità. Il medico può premere con il tampone su diverse aree mentre chiede al paziente di valutare il livello del dolore.

Il paziente dovrebbe essere pronto a descrivere il dolore, incluso il tipo di dolore e la sua gravità, dire quando è iniziato e se è iniziato gradualmente o improvvisamente, dove fa male e con quale frequenza.

Il medico può usare una lente d’ingrandimento speciale per eseguire una colposcopia.

I test possono essere effettuati per cercare di trovare la fonte del dolore e per eliminare altre cause.

Questi includono:

  • prendendo una coltura per batteri e lievito
  • esami del sangue per valutare i livelli di estrogeni, progesterone e testosterone
  • una biopsia

In una biopsia, il dottore dapprima intorpidisce l’area genitale con un antidolorifico, quindi un piccolo pezzo di tessuto viene prelevato per l’esame al microscopio.

Like this post? Please share to your friends: