Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Wired Health 2018: vecchia tecnologia, nuove idee

Questa settimana, abbiamo partecipato alla conferenza Wired Health a Londra. Come sempre, l’evento è stato pieno di innovatori che si sono spinti per la posizione nella corsa verso un futuro più luminoso e più sano.

Conferenza sulla salute cablata

Wired Health si tiene annualmente a Londra, nel Regno Unito. Vanta una vasta gamma di relatori provenienti da ogni angolo del mondo della tecnologia sanitaria, al fianco di aziende lungimiranti che forniscono uno sguardo alle loro ultime offerte.

Quest’anno è stato più vario che mai, ei colloqui hanno riguardato il modo in cui la tecnologia potrebbe intervenire su temi diversi come l’HIV, il lutto nei bambini e la chirurgia cardiovascolare.

Ho passato la maggior parte del mio tempo alla fase di accesso alla salute EY WIRED, che comprendeva una vetrina annuale di aziende start-up.

Per me, il tema generale di quest’anno è stato di consolidamento. Ho visto meno attenzione alla tecnologia newfangled e più enfasi sull’uso delle recenti innovazioni in modi più efficienti.

Piuttosto che progettare soluzioni dal basso verso l’alto, sembra che si tratti più di capitalizzare su invenzioni duramente conquistate del passato recente.

Abbiamo i dati – ora cosa?

All’inizio del processo, Pamela Spence – Global Life Science Leader di EY – ci ha ricordato che siamo attualmente al ginocchio nella quarta rivoluzione industriale. E la chiave di questa nuova coraggiosa alba è quella parola di quattro lettere che promette tanto: i dati.

Grandi dati

Oggi, catturare i dati è più facile che mai. Ci sono più dati a nostra disposizione di quanto avremmo potuto immaginare solo dieci anni fa. Abbiamo una potenza di elaborazione quasi illimitata a portata di mano.

La domanda è: a quali parti prestiamo attenzione, chi può condividerla e cosa dobbiamo fare con essa?

Spence ha parlato dei problemi con la raccolta di questo nuovo sciame di numeri. I dati sanitari tendono a essere distribuiti e distribuiti in diversi silos.

Se potessero essere combinati in modo più efficiente e analizzati in modo efficace, potrebbero essere sfruttati per il bene più grande.

Ha scherzato sul fatto che i medici erano supportati dagli scienziati dei dati ma, sempre di più, gli scienziati dei dati sono supportati dai medici.

Questo è il futuro della tecnologia sanitaria. Tuttavia, al momento, si ha la sensazione che i dati che stiamo sfruttando non siano neanche lontanamente utili quanto promettono di diventare.

Una società che punta a sfruttare l’oceano di dati della nuova scoperta della medicina è eterogenea. Sebbene il sequenziamento del gene sia disponibile da un po ‘di tempo, gli eterogenei stanno offrendo sequenziamento dell’intero genoma a tassi più economici di quelli che si sarebbero potuti immaginare solo una manciata di anni fa.

Chiunque può registrarsi e, una volta ottenuto il sequenziamento del genoma, si ottiene la piena proprietà dei dati. Sarai quindi in grado di selezionare i progetti di ricerca ai quali vorresti rendere disponibili i tuoi dati.

Eterogeneo passare il genoma (in modo anonimo) per il loro studio. I ricercatori ricevono rapidamente dati di buona qualità e tu ricevi la calda soddisfazione di far avanzare passivamente la scienza dalla tua poltrona.

Questa non è una nuova idea; molte aziende offrono informazioni genomiche ai consumatori. Tuttavia, la maggior parte delle altre società vende questi dati a terzi senza informare il cliente. Questo è del tutto legale e di alto livello, ma eterogeneo vuole essere parte di un futuro più aperto e collaborativo.

Big data vs. personalizzazione

Sebbene molti dei cambiamenti sanitari siano previsti per il ricco arazzo di dati che raccogliamo, ci sono anche cambiamenti all’altra estremità dello spettro: la medicina personalizzata.

Bruce Levine – dell’Università della Pennsylvania a Philadelphia – ha parlato con un pubblico entusiasta del suo lavoro con i recettori chimerici dei recettori dell’antigene (CAR) -T.

In questa tecnologia, le cellule immunitarie dei pazienti oncologici, o cellule T, vengono rimosse, quindi geneticamente addestrate per colpire le cellule tumorali e reintrodotte nel paziente.

Già testato in leucemia e linfoma, la CAR-T può salvare vite umane: una singola infusione con cellule T di nuova formazione può eliminare “chilogrammi” di cellule tumorali. Sebbene il metodo non possa ancora attaccare i tumori solidi, Levine ei suoi colleghi sono alle calcagna.

Questo intervento è molto personalizzato per l’individuo. In effetti, l’ha paragonato a un trapianto di organi piuttosto che a un intervento farmacologico, definendolo “il massimo in termini di trattamento personalizzato”. Le cellule del paziente sono curate per riconoscere e distruggere il cancro specifico che portano.

La storia di Levine fornisce anche una panoramica di quanto velocemente una tecnica medica possa spostarsi dalla periferia al mainstream.

Ha ricordato che, solo pochi anni fa, lui e gli altri ricercatori che studiavano il potenziale di CAR-T erano considerati i “pittoreschi” ragazzi nell’angolo. Ora sono la “cosa calda”, approvata dalla Food and Drug Administration e, giustamente, al centro dell’attenzione.

App di generazione

Le conferenze tecniche in tutto il mondo sono inondate di smartphone e app. Ho dovuto smettere di roteare i miei occhi quando ho visto il numero di soluzioni basate su app a Wired Health quest’anno. Ma non dovrei roteare gli occhi.

Sì, ero deluso dal fatto che non ci fossero più robot con il laser e razzi a raggi X, ma questa era una conferenza scientifica, non una conferenza di fantascienza (non pagherò per il mio biglietto del Comic-Con).

Le app sono accessibili a milioni di persone in tutto il mondo tramite alcuni tocchi su un dispositivo tenuto in tasca. La loro incredibilmente rapida ascesa all’ubiquità – proviamo a ricordare che l’App Store di Apple ha aperto le sue porte digitali solo nel luglio 2008 – li rende uno strumento potenzialmente potente per il bene della salute dell’umanità, se maneggiato nelle mani giuste.

Un paio di mani sicure appartiene a Clinova, che ha sviluppato un’app chiamata Caidr.

Qualsiasi conferenza focalizzata sulla salute nel Regno Unitoè quasi obbligato a menzionare il servizio sanitario nazionale britannico in difficoltà. Sebbene le ragioni dei suoi problemi siano in gran parte di natura politica, è di particolare interesse trovare modi per tagliare le curve e risparmiare denaro.

Caidr, progettato da due farmacisti, aiuta gli utenti a “distinguere i disturbi minori da una malattia più grave”. Rispondendo a una serie di semplici domande, gli algoritmi dell’app valutano se devono visitare un medico o se un farmacista può offrire farmaci da banco efficaci.

Esempi di screenshot di Caidr

Negli Stati Uniti, dove i tempi di attesa per vedere un dottore si sono scatenati negli ultimi anni, questa app potrebbe aiutare a ridurre la pressione.

Un’altra società che offre un percorso di assistenza sanitaria più semplice e mobile è Index Ventures, che ha creato un’app chiamata Kry. L’app ti consente di parlare con un medico direttamente tramite il tuo cellulare.

Ciò risparmia sia il tempo del dottore che del paziente ed è significativamente più facile che dover prendere una pausa dal lavoro o destreggiarsi tra altri impegni per visitare l’ufficio del medico. È particolarmente utile per le persone che non possono visitare facilmente il medico o che vivono in regioni isolate.

Kry fa già parte del servizio sanitario svedese e il 2% di tutti gli appuntamenti di assistenza primaria avviene tramite l’app. Ancora una volta, questo è un buon esempio di tecnologia che esiste da un po ‘di tempo e che ora viene utilizzata in modi nuovi e utili.

Avvicinarsi all’obesità da nuove direzioni

Una società chiamata Modius ha creato un dispositivo indossabile che stimola l’ottavo nervo cranico, aiutando le persone a perdere peso.

Stimolazione cerebrale della cuffia di Modius

Sì, potrebbe sembrare la fantascienza che speravo, ma è fondata su solide neuroscienze.

Mentre ci evolvevamo per migliaia e migliaia di anni, abbiamo dovuto affrontare la fame a ogni passo.

Poiché la mancanza di cibo è stata una forza trainante costante nel nostro sviluppo, i nostri corpi si sono adattati a rendere molto difficile per noi perdere peso.

Durante la preistoria, mantenere uno strato extra di grasso era un modo eccellente per sopravvivere. Ma ora che abbiamo accesso a cibo a sufficienza per ucciderci, non è più un adattamento così benefico aggrapparsi al grasso.

L’ipotalamo, nel profondo del cervello, aiuta a decidere quando e come deporre il grasso. Il dispositivo Modius è in grado di stimolare uno dei nervi cranici che corre abbastanza vicino alla superficie della pelle, inviando una corrente attraverso il tronco cerebrale.

Da lì, la stimolazione si sposta sull’ipotalamo, riducendo l’appetito e incoraggiando il corpo a muoversi verso uno stato più snello.

L’ottavo nervo cranico è anche chiamato nervo vestibolare uditivo perché gioca un ruolo nel nostro senso dell’equilibrio. Secondo uno dei membri dello staff di Wired Health – che si è offerto volontario per provare il dispositivo di stimolazione cerebrale – ti fa sentire un po ‘stordito. Apparentemente non è diverso dall’effetto postumo di un bicchiere di vino.

Può anche far sentire l’utente un po ‘assonnato, nello stesso modo in cui il dondolo di un bambino stimola il sistema vestibolare e lo rende sdolcinato.

Questa non è una cura miracolosa, ma per le persone che hanno difficoltà a perdere peso, che sono attive e stanno mangiando bene, questo può fornire un vantaggio molto necessario.

Sebbene la tecnologia di stimolazione cerebrale sia, in questo caso, all’avanguardia, la teoria alla base è stata scoperta per la prima volta dalla NASA nel 1972, anche se a quel tempo non se ne rendevano conto. Ci sono voluti altri 30 anni per capire che la stimolazione del sistema vestibolare provoca una riduzione del grasso corporeo.

Il messaggio da portare a casa per me quest’anno è quello del raggruppamento. Nell’ultimo decennio, c’è stata tanta innovazione che ogni settore tecnologico sta ancora aspettando di realizzarsi.

Oggi vediamo una tecnologia che è già stata messa a punto e finalmente utilizzata per beneficiare della salute globale. È un momento interessante e pesante per la scienza medica.

Like this post? Please share to your friends: