Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Xanthelasmata, macchie gialle intorno alle palpebre superiori o inferiori possono essere un segno di attacco cardiaco o rischio di malattia cardiaca

Xanthelasmata, chiazze di pelle gialla attorno alle palpebre inferiori o superiori possono significare che la persona che li ha ha un rischio maggiore di sviluppare malattie cardiache o avere un infarto, i ricercatori dell’Università di Copenaghen hanno riportato nel BMJ (British Medical Journal).

Xanthelasmata è il plurale di xantelasma, chiamato anche xanthelasma palpebrarum. Sono raccolte gialle di colesterolo nettamente delimitate sotto la pelle, in genere sulle palpebre o intorno a loro. Non sono né dolorosi né dannosi, sebbene possano essere sfiguranti e facilmente rimossi. Gli xantelasmati sono più comuni tra gli individui di origine asiatica e mediterranea.

La professoressa Anne Tybjærg-Hansen e la squadra hanno anche riferito che gli arcus corneae, anelli grigi o bianchi intorno alla cornea, non sono associati a un maggior attacco cardiaco o al rischio di malattie cardiache.

xanthelasma

Studi precedenti avevano dimostrato che arcus corneae e xanthelasmata sono depositi di colesterolo. La metà di tutti i pazienti con anelli intorno alla cornea o allo xanthelasmata presenta livelli elevati di colesterolo nel sangue. I ricercatori sottolineano che l’altra metà no.

Tybjærg-Hansen e la squadra hanno deciso di determinare se la xanthelasmata e / o l’arcus corneae potrebbero essere marcatori per determinate condizioni cardiovascolari, come ictus, grave ispessimento delle arterie, infarto o morte prematura in generale.

Gli autori hanno scritto che un numero considerevole di pazienti viene inviato dal proprio medico di base a un dermatologo per rimuovere le macchie gialle.

I ricercatori hanno raccolto dati su 12.745 persone che avevano preso parte allo studio del cuore di Copenhagen. Avevano tra i 20 ei 93 anni. Nessuno di loro aveva alcun tipo di condizione cardiaca all’inizio dello studio. Sono stati seguiti regolarmente e accuratamente dal 1976 al 2009.

Il 4,4% (563) di questi aveva xantelasmastia e il 24,8% (3.159) aveva arcus corneae all’inizio dello studio.

Durante il periodo di follow up di tre decadi, 3.699 hanno sviluppato una sorta di cardiopatia, 1.872 di essi hanno avuto un infarto, 1.498 hanno avuto un ictus, 1.815 hanno sviluppato una malattia cerebrovascolare e 8.507 sono morti.

I ricercatori hanno scoperto che quelli con xanthelasmata avevano una probabilità notevolmente maggiore di sviluppare malattie cardiache o morire entro dieci anni rispetto ad altri individui. Il rischio è rimasto dopo aver preso in considerazione altri fattori che potrebbero aver influenzato i risultati, quali obesità, ipertensione, livelli di colesterolo, sesso, stato e / o storia del fumo.

Il legame più stretto tra xantelasmatosi e malattie cardiache e il rischio di attacco cardiaco è stato riscontrato tra i maschi tra i 70 ei 79 anni di età. Il 41% dei maschi senza xantelasmata entro questa fascia di età aveva il rischio di sviluppare le malattie e le condizioni menzionate, rispetto al 53% di quelli con xantelasmatasi.

Tra le donne di tutte le età, la differenza di rischio era del 35% rispetto al 27%.

Tuttavia, è stato scoperto che arcus corneae non è un predittore di rischio di malattie cardiache o infarto.

I ricercatori dicono che i medici dovrebbero usare la presenza di xantelasmatasi per diagnosticare malattie cardiache e condizioni associate. Aggiungono che, laddove l’accesso alle strutture di laboratorio è difficile, la ricerca di xanthelasmata potrebbe essere particolarmente utile per i medici.

In un editoriale di accompagnamento, gli autori scrivono che durante un esame completo, gli xantelasmati potrebbero essere usati dai medici di base per aiutare a identificare quelli a maggior rischio di infarto e malattie cardiache.

Scritto da Christian Nordqvist

Like this post? Please share to your friends: