Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Xofigo per il cancro alla prostata: benefici per la salute ed effetti collaterali

Xofigo (radium Ra 223 dicloruro) è un farmaco progettato per il trattamento del carcinoma della prostata avanzato che non ha risposto ai farmaci che abbassano il testosterone. Questo tipo di cancro è anche chiamato cancro alla prostata resistente alla castrazione.

[Compresse Xofigo]

Il cancro della prostata è un cancro della prostata, una ghiandola nel sistema riproduttivo maschile situato sotto la vescica e di fronte al retto.

Secondo l’American Cancer Center, nel 2016 verranno diagnosticati 180.890 nuovi casi di cancro alla prostata e 26.120 uomini moriranno a causa della malattia.

Il testosterone, l’ormone sessuale maschile, stimola la crescita e la diffusione del cancro alla prostata. Per questo motivo, il trattamento per ridurre il testosterone può aiutare a rallentare la progressione della malattia. Tuttavia, alcune forme non rispondono a una riduzione di questo ormone. Questi casi sono indicati come resistenti alla castrazione.

Nella maggior parte dei pazienti il ​​cancro della prostata metastatico si sposta nelle ossa. Quando il cancro raggiunge l’osso, il paziente è molto più vulnerabile agli eventi scheletrici; questi possono includere dolore alle ossa e fratture che si verificano durante movimenti anche delicati.

Gli eventi scheletrici sono la principale causa di malattia e morte negli uomini con carcinoma prostatico resistente alla castrazione.

Se il cancro ha raggiunto le ossa ma non si diffonde ad altri organi, Xofigo può prolungare il tempo prima che si verifichino eventi scheletrici.

Come funziona Xofigo?

Il Dr. Richard Pazdur, direttore dell’Ufficio di Ematologia e prodotti oncologici presso il Centro per la valutazione e la ricerca sui farmaci, FDA (Food and Drug Administration) statunitense, spiega: “Xofigo si lega ai minerali presenti nell’osso per fornire radiazioni direttamente ai tumori ossei, limitando il danno ai tessuti normali circostanti. “

Secondo il dott. Kemal Malik, membro del comitato esecutivo di Bayer HealthCare e responsabile dello sviluppo globale:

“Xofigo mostra un profilo di sicurezza favorevole e ha il potenziale per migliorare i risultati dei pazienti in un modo completamente nuovo: il Radium 223 emette particelle alfa che influenzano le cellule tumorali nelle metastasi ossee e può contribuire a migliorare la sopravvivenza.

[Xofigo fornisce] pazienti affetti da cancro alla prostata e i medici che si prendono cura di loro, con un’opzione di trattamento nuova e innovativa. “

Dr. Kemal Malik

Effetti collaterali di Xofigo

Xofigo può causare i seguenti effetti collaterali:

  • Gonfiore di un piede, una gamba o una caviglia
  • Nausea, vomito e diarrea
  • Anemia (basso livello di globuli rossi)
  • Linfocitopenia (basso livello di linfociti – un tipo di globuli bianchi)
  • Leucopenia (basso livello di globuli bianchi)
  • Neutropenia (basso livello di globuli bianchi che combattono le infezioni)

Raramente, i pazienti che ricevono Xofigo possono anche sperimentare disidratazione, reazioni al sito di iniezione e insufficienza renale.

Non è raccomandato che i pazienti che assumono Xofigo debbano sottoporsi a chemioterapia allo stesso tempo. Questo perché la combinazione di farmaci può causare una riduzione dell’attività del midollo osseo, che si traduce in un minor numero di globuli rossi, globuli bianchi e piastrine.

Xofigo “estende la vita” per i pazienti con carcinoma prostatico resistente alla castrazione

In uno studio del 2013, i pazienti con carcinoma prostatico metastatico resistente alla castrazione che assumevano Xofigo hanno vissuto in media circa 3,5 mesi in più rispetto a quelli a cui era stato somministrato un placebo. Xofigo è stato anche trovato per migliorare la qualità della vita di questi pazienti e prolungare il periodo di tempo prima del loro primo problema scheletrico.

Nonostante le proprietà che prolungano la vita di Xofigo, alcuni esperti hanno espresso la frustrazione che gli oncologi considerano in gran parte Xofigo semplicemente come un antidolorifico per i pazienti con cancro alla prostata.

Recentemente parlando al sito oncologico, il ricercatore oncologo Phillip J. Koo dell’Ospedale dell’Università del Colorado ad Aurora, ha spiegato che gli oncologi tendono a pensare ai farmaci radiofarmaceutici come trattamenti palliativi – farmaci per far sentire le persone più a loro agio ma non necessariamente curare la malattia. Gli oncologi non prendono in considerazione il fatto che, essendo un emettitore alfa, Xofigo appartiene a una diversa classe di trattamenti:

“Penso che la sfida più grande è che gli oncologi lo vedono ancora come uno strumento palliativo […] Viene ancora inserito in quello stesso tipo di classe quando in realtà non ci appartiene. Questo perché è un emettitore alfa e in realtà migliora la sopravvivenza complessiva. [I dati del trial] hanno dimostrato che Xofigo può essere somministrato in sicurezza prima o dopo la chemioterapia. “

Phillip J. Koo

Like this post? Please share to your friends: