Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Zucchero e cancro: una connessione a sorpresa o un insabbiamento di 50 anni?

Lo zucchero può causare il cancro? Sembra che le prove che indicano questa strada siano state scoperte in uno studio finanziato dall’industria dello zucchero quasi 50 anni fa – ma il lavoro non è mai stato pubblicato.

rischio di salute dello zucchero

La maggior parte di noi – me incluso – è parziale al dolce trattamento occasionale. Ma sappiamo tutti che grandi quantità di zucchero non sono buone per la nostra salute. In effetti, ci sono molti studi che mostrano collegamenti tra zucchero e diabete, malattie cardiache e persino la salute mentale.

Il cancro è entrato solo nel mix relativamente di recente. L’anno scorso, ha riferito uno studio che ha dimostrato che oltre la metà dei topi nutriti con una dieta ricca di saccarosio sviluppato cancro al seno.

Tuttavia, un articolo pubblicato questa settimana nella rivista cita documenti interni della Sugar Research Foundation (SRF), suggerendo che la conoscenza di un possibile legame tra zucchero e cancro risale agli anni ’60.

Era un insabbiamento? E quali prove ci sono che la strana ciambella potrebbe lasciarmi con il cancro?

Zucchero e microbioma: “Progetto 259”

Negli anni ’60 il dibattito riguardava esclusivamente le malattie cardiache. Chi è il colpevole: zucchero o grasso?

Un articolo di revisione del 1967 ha concluso che i grassi dietetici erano da biasimare. Ciò che non era chiaro al momento, però, era che gli autori ricevettero un finanziamento dalla SRF equivalente a circa $ 50.000 nel denaro di oggi per pubblicare la loro recensione.

La divulgazione del conflitto di interessi non era obbligatoria fino agli anni ’80, quindi tecnicamente non era sbagliato. Ma quello che ha fatto è stato il punto di partenza per una ricerca più clandestina da seguire.

La revisione ha rivelato che i ratti nutriti con una dieta ad alto saccarosio avevano livelli di colesterolo sierico più alti di quelli su una dieta a base di amido. Gli autori hanno ipotizzato che i batteri intestinali fossero da biasimare.

E così “Project 259” è nato nel 1968. Si trattava di uno studio per confrontare “gli effetti nutrizionali degli organismi [batterici] nel tratto intestinale” nei ratti alimentati con saccarosio rispetto a quelli alimentati con l’amido.

Una sovvenzione di finanziamento consistente – l’equivalente di $ 187,583 in denaro di oggi – è stata devoluta a W.F.R. Pover, del Dipartimento di Biochimica Clinica dell’Università di Birmingham, nel Regno Unito, per arrivare al fondo di questo fenomeno.

Stanton A. Glantz è l’autore senior del giornale pubblicato sulla rivista e un professore all’Università della California, a San Francisco.

Cita un rapporto interno della SRF, che spiega che “[a] mong [Project 259’s] osservazioni […] era che l’urina dei ratti sulla dieta di base conteneva un inibitore dell’attività della beta-glucuronidasi in una quantità maggiore di quella da animali alimentati con saccarosio Questa è una delle prime dimostrazioni di una differenza biologica tra saccarosio e ratti nutriti con amido. “

Quindi, c’era una differenza. Ma cosa c’entra questo con il cancro?

Beta-glucuronidasi e cancro

La beta-glucuronidasi è un enzima che aiuta a scomporre le grandi molecole. Gioca anche un ruolo nel cancro. Al momento del Progetto 259, un legame tra beta-glucuronidasi e carcinoma della vescica era già stato implicato.

Certo, le scoperte di Pover erano solo preliminari, e lui stava correndo in ritardo sul programma per finire il suo lavoro. Quando ha chiesto un’estensione di 3 mesi per concludere i suoi esperimenti, la SRF – che era ormai diventata l’International Sugar Research Foundation (ISRF) – ha interrotto i finanziamenti.

“Sulla base dell’interpretazione da parte dell’ISRF dei risultati preliminari”, spiega il Prof. Glantz nel documento, “estendere il finanziamento del Progetto 259 sarebbe stato sfavorevole per gli interessi commerciali dell’industria dello zucchero”.

“Inoltre”, prosegue, “la pubblicazione di risultati che suggeriscono un’associazione tra consumo di saccarosio e cancro alla vescica avrebbe probabilmente avuto ulteriori implicazioni normative negative per l’industria dello zucchero”.

Egli suggerisce che la Food and Drug Administration (FDA) potrebbe aver esaminato attentamente il saccarosio e il suo possibile collegamento con il cancro.

“Se ISRF avesse divulgato le scoperte del Progetto 259, è probabile che il saccarosio avrebbe ricevuto un controllo come potenziale cancerogeno.”

Prof. Stanton Glantz

In un comunicato stampa, la Sugar Association – un’associazione commerciale degli Stati Uniti – spiega il proprio punto di vista sul motivo per cui lo studio non è stato finanziato per il completamento. “Lo studio è stato significativamente ritardato, di conseguenza è stato superato il budget e il ritardo si è sovrapposto a una ristrutturazione organizzativa […]”.

È difficile dire con certezza se l’ISRF abbia negato i risultati dello studio di proposito. Eppure le prove a supporto di un legame tra zucchero e cancro stanno aumentando.

Saccarosio e cancro oggi

Gli alimenti e le bevande zuccherati e zuccherati sono stati sempre più scrutinati per il loro ruolo nel promuovere lo sviluppo del cancro e la diffusione del cancro.

In un editoriale, il dott. Undurti N. Das ha evidenziato il fatto che il fruttosio, un costituente dello zucchero da tavola o saccarosio, cambia il metabolismo cellulare e aumenta l’attività delle proteine ​​che promuovono il cancro.

In un articolo di accompagnamento, Ashutosh Kumar, Ph.D., e i suoi colleghi – dal Dipartimento di Farmacologia e Tossicologia presso l’Istituto Nazionale di Educazione e Ricerca Farmaceutica a Hyderabad in India – riecheggia questo sentimento.

Ma Kumar sottolinea anche che “ci sono molti rapporti pubblicati con risultati contrastanti sul ruolo dei carboidrati (principalmente fruttosio) e sulla prevalenza del cancro”.

Ad esempio, diversi studi hanno rilevato un aumento del rischio di cancro dell’endometrio nelle donne che hanno consumato alti livelli di saccarosio, ma quando si tratta di altri tipi di cancro, i dati sono meno chiari.

Mentre alcuni studi hanno collegato l’assunzione di zuccheri al cancro del colon – in particolare negli uomini – uno studio del 2014 non è riuscito a trovare un’associazione chiara.

Come accennato in precedenza, in precedenza abbiamo riportato uno studio che ha rivelato che il saccarosio aumenta i tassi di cancro al seno. Oltre la metà dei topi alimentati con una dieta ricca di saccarosio ha sviluppato un cancro al seno, mentre solo il 30% dei topi che hanno consumato una dieta a base di amido lo ha fatto. Mentre un certo numero di studi sulla popolazione concordano con questo risultato, altri confutano tale legame.

A questo punto non è del tutto chiaro se e come lo zucchero contribuisca ai molti diversi tipi di cancro che affliggono la razza umana. Forse dovremmo tutti ridurre il nostro consumo di zucchero.

La domanda è: quanto è facile allontanarsi dalla dolce tentazione che è lo zucchero?

Lo zucchero si annida ovunque

Ha senso che il cibo e le bevande che hanno un sapore dolce contengono zucchero. Tuttavia, gli zuccheri nascosti vengono sempre più portati alla luce in una miriade di cibi – non c’è modo di allontanarsi da queste cose.

Con mia grande sorpresa, ho scoperto che lo zucchero era elencato come uno degli ingredienti in un barattolo di peperoni arrostiti nel negozio di alimentari la scorsa settimana. Fortunatamente, poche cose passano i miei occhi scrutanti, altrimenti la mia insalata presumibilmente salutare potrebbe essere stata tutt’altro.

Per ulteriori informazioni su ciò che si annida nel nostro cibo, consulta il nostro articolo su “Zucchero aggiunto: cosa devi sapere”. Sono stato particolarmente sorpreso di leggere che lo zucchero si fa strada nel nostro cibo nascosto come concentrato di succo di frutta.

Quindi, cosa significa tutto questo? Ci sono chiaramente molte prove che troppo zucchero fa male alla nostra salute. Se possiamo fare affidamento sulla ricerca finanziata dall’industria per arrivare a fondo di questo è un problema polemico e forse è meglio lasciarlo alla scelta personale.

Una dieta sana è uno degli ingredienti chiave per la salute personale, e ci sono innumerevoli studi a sostegno di questa affermazione. Prendere uno sguardo misurato sulla quantità di zucchero che mettiamo nei nostri corpi, sia coscientemente o nascosti in bella vista dall’industria alimentare, non ci danneggerà certamente. Se mai, sta per addolcire la nostra salute.

Like this post? Please share to your friends: